Settembre 21, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli Stati Uniti aiuteranno a evacuare la propria ambasciata in Afghanistan

Un funzionario statunitense ha annunciato che di fronte al rapido deterioramento della sicurezza in Afghanistan, gli Stati Uniti invieranno più truppe nel Paese per aiutare a evacuare parte del personale dell’ambasciata statunitense a Kabul.

Il funzionario, che ha parlato a condizione di anonimato in modo da poter discutere un piano che deve ancora essere annunciato, ha detto che i soldati forniranno supporto aereo e terrestre per il trattamento e la sicurezza degli americani che sono stati mandati fuori dal paese.

Le forze governative afgane stanno crollando più velocemente di quanto i leader militari statunitensi ritenessero possibile qualche mese fa, quando il presidente Joe Biden ordinò il ritiro di tutti i soldati dal paese.

Ma c’è poco appetito alla Casa Bianca, al Pentagono o tra l’opinione pubblica americana per cercare di fermare l’offensiva dei talebani, e potrebbe essere troppo tardi per farlo.

Biden ha chiarito che non intende cambiare la decisione che ha preso all’inizio dell’anno, anche se il risultato indicava che i talebani avrebbero preso il controllo del paese.

Ora che la maggior parte delle forze statunitensi si è ritirata e i talebani stanno iniziando a guadagnare terreno, i leader militari statunitensi non hanno fatto pressioni sul presidente per revocare la sua decisione. Sanno che l’unica vera opzione è che il presidente riprenda un conflitto armato che ha già deciso di porre fine.

I talebani, che hanno governato il paese dal 1996 fino all’invasione dell’Afghanistan da parte delle forze statunitensi dopo gli attacchi terroristici dell’11 settembre 2001, hanno preso il controllo di altri tre capoluoghi di provincia mercoledì e altri due giovedì, il 10 e l’11 che sono stati rapidamente catturati dagli insorti . entro una settimana. Questo ha dato loro il controllo di due terzi del paese.

READ  Ad Haiti arrivano duemila tonnellate di aiuti umanitari messicani - Prensa Latina

I ribelli non hanno capacità aerea e sono in inferiorità numerica rispetto alle forze di sicurezza addestrate dagli Stati Uniti, ma giovedì hanno conquistato territori, tra cui Herat, la terza città più popolosa del paese, giovedì con una velocità sorprendente.

In un nuovo avvertimento agli americani in Afghanistan, il secondo da sabato, l’ambasciata statunitense a Kabul ha nuovamente chiesto ai cittadini di lasciare immediatamente il Paese.

L’avviso è stato emesso durante le crescenti discussioni a Washington sull’ulteriore riduzione del numero limitato del personale dell’ambasciata.

John Kirby, il principale portavoce del Pentagono, ha affermato che gli afgani hanno ancora tempo per evitare una sconfitta finale.

“Nessun risultato potenziale dovrebbe essere inevitabile, inclusa la caduta di Kabul”, ha detto Kirby ai giornalisti. “Non deve essere così. Dipende davvero dal tipo di leadership politica e militare che gli afghani possono mettere insieme per ribaltare la situazione”.

Biden ha fatto un’argomentazione simile martedì, quando ha detto ai giornalisti che le forze statunitensi hanno fatto tutto il possibile negli ultimi 20 anni per aiutare gli afgani.

“Dovrebbero combattere per se stessi, combattere per la loro nazione”, ha detto.

Gli Stati Uniti continuano a fornire supporto all’esercito afghano con un numero limitato di attacchi aerei, ma finora non hanno avuto un impatto strategico e dovrebbero concludersi una volta che gli Stati Uniti cesseranno formalmente il loro coinvolgimento nel conflitto il 31 agosto.

Biden potrebbe continuare gli attacchi aerei dopo quella data, ma questa opzione è improbabile data la sua posizione coerente sulla fine del conflitto.

“Penso che la scadenza del 31 agosto sarà definitiva”, ha detto Carter Melkasian, che ha consigliato i leader militari statunitensi in Afghanistan e Washington.

READ  L'esercito brasiliano non è pronto a organizzare un colpo di stato per salvare Bolsonaro - l'ordine mondiale

Alti funzionari militari statunitensi avevano avvertito Biden che un completo ritiro degli Stati Uniti avrebbe potuto portare a una presa del potere dei talebani, ma ad aprile il presidente ha deciso che continuare la guerra era uno spreco per lui.

Martedì ha affermato che la sua decisione è valida, anche se si parla che i talebani potrebbero avere Kabul a portata di mano molto presto, minacciando la sicurezza dei diplomatici statunitensi e stranieri.

L’ultima valutazione militare degli Stati Uniti, che tiene conto dei recenti sviluppi dei talebani, suggerisce che Kabul potrebbe subire la pressione degli insorti a settembre e che il paese potrebbe cadere interamente nelle mani dei talebani entro due mesi, secondo un funzionario della difesa che ha discusso l’analisi interna a condizione di anonimato.