venerdì, Giugno 14, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Il caldo peggiora la situazione umanitaria a Gaza

La crisi sanitaria a Rafah peggiorerà poiché le temperature continueranno ad aumentare nelle prossime settimane. per adesso, Due bambini sarebbero già morti a causa del caldoNe ho parlato lunedì Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati Palestinesi (UNRWA).

A Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, più di un milione di persone cercano rifugio in dure condizioni di sovraffollamento, deprivazione e fragilità, che, oltretutto, sono ormai diventate Devono resistere a temperature fino a 40°C.

Ha aggiunto che la maggior parte delle famiglie di Rafah non hanno nemmeno tende, e molte di loro vivono sotto teli di rifiuti di plastica, e stanno facendo tutto ciò che è in loro potere per sopravvivere. UNRWA.

L'agenzia ha identificato gli sfollati Assumi meno di un litro di acqua a persona al giorno Per bere, lavarsi e farsi il bagno, rispetto al minimo necessario per la vita quotidiana di 15 litri.

Molti abitanti di Gaza vivono in tende a Rafah, nel sud della Striscia di Gaza.

I bambini pagano il prezzo più alto

Lo ha indicato anche l'organizzazione Almeno 17.000 bambini sono rimasti soli Oppure sono stati separati dalle loro famiglie da quando Israele ha lanciato un attacco militare a Gaza il 7 ottobre.

Con oltre il 70% delle case danneggiate o distrutte, la maggior parte dei bambini ha perso la casa.

L’UNRWA ha osservato che le scuole sono diventate rifugi di sopravvivenza e l’istruzione è stata interrotta.

In questo senso ha ribadito che sono i bambini a pagare il prezzo più alto della guerra, e lo ha sottolineato Il tuo futuro ha bisogno di essere protetto.

Notando che gli abitanti di Gaza vivono nella costante paura di ciò che potrebbe accadere da un momento all'altro, l'agenzia ha ancora una volta sollecitato un cessate il fuoco immediato a Gaza.

READ  La Bolivia cerca la leadership globale nell’industria del litio

I civili devono essere protetti e forniti di beni di prima necessità

Nella stessa ottica, l’Ufficio delle Nazioni Unite per gli affari umanitari (Ufficio per il coordinamento degli affari umanitari) ha ribadito che tutte le parti in conflitto devono rispettare i loro obblighi impliciti nel diritto internazionale umanitario Proteggi i civili e i beni civili in ogni momento.

L’OCHA ha aggiunto che questa protezione include la possibilità che i civili si rechino in aree più sicure e ritornino alle loro case una volta che le condizioni migliorino.

“Ma indipendentemente dal fatto che si muovano o restino, i civili devono essere protetti e devono avere i beni di prima necessità di cui hanno bisogno per sopravvivere: Cibo, alloggio e cure mediche L'OCHA ha sottolineato altri tipi di supporto critico.

Ciriaco Capone
Ciriaco Capone
"Creatore. Amante dei social media hipster. Appassionato di web. Appassionato fanatico dell'alcol."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles