Maggio 19, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli Stati Uniti preparano più aiuti militari all’Ucraina

Giovedì, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden parlerà dell’invasione russa dell’Ucraina, inclusa l’assistenza degli Stati Uniti per come la sua amministrazione si prepara per un altro round di quasi 800 milioni di dollari in assistenza alla sicurezza.

Gli Stati Uniti hanno annunciato un pacchetto di dimensioni simili la scorsa settimana e la nuova assistenza dovrebbe includere più artiglieria, potenzialmente essenziale per la lotta nel Donbass orientale.

All’inizio della settimana, Biden ha confermato ai giornalisti che avrebbe inviato più artiglieria in Ucraina.

“Dei 3,5 miliardi di dollari previsti dal Congresso per l’anno fiscale in corso, abbiamo utilizzato più di 2,4 miliardi di dollari per fornire all’Ucraina l’equipaggiamento militare e le capacità di cui ha bisogno per difendersi”, ha affermato un alto funzionario dell’amministrazione. La voce dell’America.

“Continuiamo a cercare ulteriore assistenza alla sicurezza che possiamo fornire all’Ucraina e ci sono altre autorità a cui possiamo rivolgerci se necessario”, ha aggiunto.

I 3,5 miliardi di dollari fanno parte della legge sugli stanziamenti supplementari dell’Ucraina da 13,6 miliardi di dollari approvata dal Congresso a marzo.

Il presidente si consulta con i capi militari

Con la Russia che ha lanciato nuovi attacchi mercoledì alla città portuale ucraina assediata di Mariupol, Biden ha definito la sua leadership militare l’ultima valutazione dell’invasione russa.

“Voglio sentire da tutti voi le vostre valutazioni su ciò che vedete sul campo e attraverso le nostre forze”, ha detto Biden agli ufficiali dell’esercito alla Casa Bianca prima del loro incontro. “L’ambiente strategico si sta evolvendo rapidamente in tutto il mondo, ma ciò significa che i nostri piani e la nostra posizione di potere devono essere ugualmente dinamici”.

READ  Cuba impone restrizioni agli stranieri a causa della variante Omicron

Biden ha incontrato il segretario alla Difesa Lloyd Austin, il presidente del Joint Chiefs of Staff, il generale Mark Milley, e circa due dozzine di altri leader militari e consiglieri per la sicurezza nazionale.

All’inizio di mercoledì, gli Stati Uniti hanno imposto nuove sanzioni a dozzine di altre entità e individui accusati di eludere le sanzioni finanziarie in corso imposte a Mosca per l’invasione dell’Ucraina.

Il Tesoro ha sanzionato Transkapitalbank, una delle principali banche commerciali russe che ha fornito servizi alle banche di tutto il mondo per eludere le sanzioni internazionali, e più di 40 persone ed entità che fanno parte della rete russa di evasione delle sanzioni guidata dall’oligarca russo Konstantin Malofeyev. Il segretario stampa della Camera Jen Psaki ha detto ai giornalisti.

Psaki ha affermato che Washington ha anche imposto sanzioni alle società che operano nell’industria mineraria russa e ha imposto restrizioni sui visti a più di 600 persone in risposta alle violazioni dei diritti umani da parte di Russia e Bielorussia.

Lo ha detto Michael O’Hanlon, senior fellow e direttore della ricerca di politica estera presso la Brookings Institution La voce dell’America Che oltre all’assistenza militare e alle sanzioni economiche, Washington dovrebbe iniziare a considerare ragionevoli stati di fine conflitto.

“Poi pensa a cosa possiamo fare per incoraggiare le parti, e lavorare con altri giocatori esterni, anche cinesi magari, per cercare di arrivare in un posto dove tutti possiamo vivere, rispetto all’alternativa che risulta essere di diversi mesi o anche una lotta pluriennale”, ha detto O’Hanlon. “Ma a breve termine, stiamo solo cercando di aiutare gli ucraini a non perdere la battaglia”.

Trasforma Putin in Mariupol

Giovedì, il presidente russo Vladimir Putin ha ordinato alle sue forze di non assaltare un’acciaieria nella città ucraina di Mariupol, dove si sono rifugiate le ultime forze ucraine.

READ  Biden enfrenta dasafios en EEUU

Putin ha detto a Sergei Shoigu, il suo ministro della Difesa, in un incontro televisivo che le forze russe avrebbero dovuto chiudere la stazione “in modo che la mosca non potesse attraversare” e che andare avanti con un piano per prendere d’assalto il sito metterebbe inutilmente in pericolo le forze russe.

Shoigu ha detto a Putin che c’erano 2.000 soldati ucraini nello stabilimento di Azovstal, ma il resto a Mariupol, un’importante città portuale, è stato “liberato”.

Il destino dei civili nella città assediata ha allarmato la comunità internazionale, con il vice primo ministro ucraino Irina Verychuk che ha affermato giovedì che quattro autobus sono riusciti a evacuare le persone attraverso un corridoio umanitario mercoledì.

Si ritiene che più di 100.000 ucraini siano intrappolati a Mariupol, dove vivevano 400.000 persone prima che la Russia invadesse il paese il 24 febbraio.

“Le condizioni sono davvero spaventose”, ha detto mercoledì il segretario di Stato americano Anthony Blinken in un incontro a Panama. Ha sottolineato che i tentativi dei corridoi umanitari di consentire la fuga dei residenti di Mariupol sono “crollati molto rapidamente”.

La lotta per Mariupol fa parte di una più ampia offensiva russa nella regione strategicamente importante del Donbass, dove Mosca sta aumentando la sua presenza militare.

“L’obiettivo attuale di Mosca è espandere il suo controllo a est ea sud. Idealmente, vogliono controllare Kharkiv e Odessa”, ha detto. La voce dell’America John E. Herbst, Direttore senior dell’Eurasia Center del Consiglio Atlantico ed ex ambasciatore degli Stati Uniti in Ucraina. “Ma questi sono ordini difficili. Potrebbero dover accettare Mariupol.”

Il 25 marzo, dopo le perdite nell’Ucraina settentrionale, Mosca ha annunciato un importante cambiamento di strategia e ha ritirato le truppe dal nord, compresa la periferia della capitale Kiev, per unire le forze militari nel Donbass e creare un ponte di terra verso la Crimea.

READ  Il Nicaragua sfida il contratto dell'OAS contro la sua sovranità

Gli analisti affermano che se le forze russe prendessero il pieno controllo del Donbass, i suoi diplomatici avrebbero una mano più forte nei negoziati di pace e sarebbero in una posizione migliore per chiedere l’autonomia della regione.

[Anita Powell y Steve Redisch de VOA contribuyeron a este informe. Contiene información de The Associated Press y Reuters]

Connettiti con Voice of America! Iscriviti al nostro canale Youtube Attiva le notifiche o seguici sui social media: FacebookE Twitter E Instagram.