Marzo 4, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I migranti saturano il confine settentrionale del Messico – NBC New England

I migranti saturano il confine settentrionale del Messico – NBC New England

I migranti hanno riempito le strade di Ciudad Juarez, al confine settentrionale del Messico, nonostante i progressi e la riduzione della migrazione promessi dal presidente Andres Manuel Lopez Obrador dopo il suo incontro di mercoledì con una delegazione degli Stati Uniti.

Nelle ultime due settimane si sono verificati gruppi costanti di dozzine di migranti che camminavano continuamente con i bambini sulle spalle o con le mani nelle mani mentre si dirigevano verso il cancello 36 del muro di confine tra Juarez ed El Paso in Texas, che , tutto l'anno, è stato il centro migratorio tra il Messico e gli Stati Uniti.

“È complicato perché non ci lasciano passare e molte cose vanno storte lungo il percorso”, ha detto Darryl Sanchez, un migrante venezuelano rimasto bloccato per più di cinque giorni con quasi un migliaio di migranti nella città di Ceballos. Si trova al confine tra gli stati settentrionali di Durango e Chihuahua.

“Le carovane provengono da Tapachula, dal Chiapas e da Città del Messico – aggiunge – e prendono direzioni diverse, il che significa che c'è un discreto numero di migranti”.

In un'intervista vicino al confine del Rio Grande, Darrell ha ricordato che gli agenti dell'Istituto Nazionale per la Migrazione (INM) li hanno arrestati mentre attraversavano il Messico e li hanno fatti scendere dal treno in mezzo al deserto, con temperature vicine allo zero, senza nemmeno guardarli. Viaggiavano con bambini.

“Dormivamo per strada, sul ghiaccio. Non so perché non ci lasciassero passare se non facessimo danni o altro, vogliamo passare solo per chiedere permesso o asilo” si lamentò.

Diminuzione dell'immigrazione?

Mercoledì il segretario di Stato americano Antony Blinken ha condotto una visita urgente ai funzionari della Casa Bianca in risposta all’aumento senza precedenti dell’immigrazione clandestina a dicembre, con una media di oltre 10.000 persone che arrivano ogni giorno al confine condiviso con il Messico, ha riconosciuto López Obrador.

READ  Radio L'Avana Cuba | OAS tra abulia e la digressione emotiva di Almagro

Ma il presidente messicano ha difeso i risultati dell'incontro, sottolineando che l'immigrazione è “effettivamente in calo” dopo la ripresa senza precedenti che ha spinto gli Stati Uniti a chiudere temporaneamente i valichi in Texas, Arizona e California.

“La cosa più importante (nell'incontro) è che sono stati fatti progressi e ci siamo capiti, e ci sono anche buoni risultati. Naturalmente, è anche verso la fine dell'anno, per non essere troppo emozionati, ma la migrazione è in aumento”, ha detto il presidente durante la sua conferenza mattutina di venerdì. “diminuendo”.

Al contrario, Maria Eugenia Campos, governatrice dello stato di Chihuahua, dove si trova Ciudad Juarez, ha annunciato giovedì ai media che prevede l’arrivo nello stato di altri 3.000 migranti questa settimana.

Delia Padilla è in transito da quattro mesi da quando ha lasciato la sua nativa Colombia.

Questa settimana è arrivato a Ciudad Juarez in treno e si è subito diretto verso il Rio Grande per cercare di oltrepassare il Gate 36.

Ha aggiunto: “È stato difficile. Sono in viaggio da quattro mesi e grazie a Dio siamo qui. Non è stato facile. Ora dobbiamo aspettare per vedere come possiamo passare, non al sogno (americano) , Ma.” Di fronte all'affluente del confine ha detto: “Quello che Dio ha promesso a molti e anche a me”.

I sudamericani hanno raccontato che il viaggio è stato lungo e burrascoso nonostante abbiano ricevuto moltissimo aiuto in tutti i paesi che hanno attraversato.

“A piedi, in treno, spesso siamo rimasti abbandonati e spesso non siamo andati avanti. Siamo arrivati ​​con l'aiuto di tante persone. Ringrazio il sindaco di Jiménez (municipio di Chihuaha), eravamo un grande gruppo abbandonato a Ceballos e loro ci ha aiutato.”

READ  Gli insegnanti ecuadoriani chiedono la perequazione degli stipendi