Novembre 29, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il Costa Rica ha votato per la modifica del ballottaggio presidenziale

Controllato dal 98,15 percento dei 6.847 JRV, Chavez – l’economista 60enne – ha vinto il primo giudice domenica, ricevendo il 52,85 percento dei voti validi espressi.

La scheda elettorale in Costa Rica passa tranquillamente

Il presidente del Costa Rica invita i cittadini a votare

I seggi si chiudono alle elezioni presidenziali in Costa Rica

Rodrigo Chavez è il presidente eletto del Costa Rica

Il presidente eletto del Costa Rica chiede unità e armonia

Il suo avversario, l’ex presidente Jose Maria Figueres, del Partito di Liberazione Nazionale (PLN), ha raggiunto il 47,15 per cento, astenendosi al 43,23 per cento, in più rispetto al primo turno elettorale del 6 febbraio, quando ha ottenuto il 40,29 per cento, mentre voti nulli e vuoti. Totale 50.860.

Con questo risultato, l’elettorato costaricano non era soddisfatto della vittoria del candidato che aveva stabilito la sua campagna di advocacy come anti-regime e assicurando che nessuno dei politici nazionali, ha detto, fosse responsabile della seria economia e società del Costa Rica . Da quasi 40 anni.

Inoltre, gli elettori hanno ignorato le accuse contro di lui perché Chavez ha concluso la sua carriera di quasi 30 anni presso la Banca Mondiale oscurato dalle lamentele dei lavoratori che hanno attribuito “allusioni sessuali” e un “modello di comportamento inappropriato indesiderato” tra il 2008 e il 2013, secondo il corpo stesso.

Fin dal primo turno delle elezioni generali, ha insistito nel descrivere queste accuse come pettegolezzi e bugie, e tutto indica che le promesse di governo onesto dei costaricani hanno avuto più peso e che cercherà di porre fine ai privilegi che rendono il Costa Rica una nazione dei 10 paesi più diseguali del mondo.

READ  Il francese prima dei dilemmi che interessano la governance

In un’altra rapida conclusione del risultato del sondaggio, i costaricani hanno inferto un duro colpo al PNL, perché nonostante abbiano vinto le elezioni parlamentari con un ampio margine, prendendo 19 seggi, il più grande nella prossima legislatura in cui entrerà in carica. Il 1 maggio ha causato la sua terza sconfitta in molti secondi turni.

Un altro dato intrigante è che al terzo scrutinio consecutivo, il candidato arrivato secondo al primo turno delle elezioni generali ha vinto la presidenza al secondo turno, come è successo ora con Chavez e nel 2018 con Carlos. Alvarado del Partito d’Azione Nazionale.

Inoltre, per la terza volta la presidenza costaricana sarà presieduta da un rappresentante di un partito che non è uno dei partiti tradizionali, come il Partito di Liberazione Nazionale, il Partito di Unità Sociale Cristiana o altre forze calderoniste (Rafael Calderon Guardia). si sono alternati nella prima magistratura fino al 2014 quando ha vinto Luis Guillermo Solís, del PAC.

Nel suo discorso di vittoria al Radisson Hotel nella capitale, Chavez ha sottolineato: “Accetto umilmente questa sacra decisione del popolo costaricano. Per me non è un momento per festeggiare, questo risultato non è una medaglia o un souvenir., ma una responsabilità enorme. “Con tante difficoltà la risolveremo tutti”.

Il Costa Rica ha votato, la gente ha parlato, ha indicato e inviato il riconoscimento all’ex presidente Figueres ea tutti coloro che lo hanno votato. “Mi congratulo con lui e gli chiedo di lavorare insieme per realizzare quello che lui stesso ha definito il miracolo del Costa Rica”, ha detto.

Chaves ha promesso di fare del suo meglio e ha chiesto che le bandiere del partito e del sindacato fossero conservate in una, le bandiere del Costa Rica, per andare avanti, pur accettando l’avvertimento dei costaricani che si sono astenuti dal partecipare a questo secondo round, che ha descritto come il più grande della festa. nel paese.

READ  L'UNESCO mette in risalto il patrimonio immateriale che unisce uomo e natura

Ora ha sottolineato che “dobbiamo ottemperare e non vale la pena perdere il Costa Rica”.

je / ale