Maggio 25, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il Messico riduce le espulsioni dei migranti – Escambray

Il Messico riduce le espulsioni dei migranti – Escambray

Per il mese di maggio, questa misura comporterà un aumento dei flussi nei prossimi mesi, poiché gli immigrati ritengono di poter entrare negli Stati Uniti, anche se non sarà così.

Un esperto ha affermato in un’intervista al quotidiano Excelsior che il governo messicano ha espulso meno migranti e si prevede che il flusso aumenterà.

Eunice Rendon, esperta di immigrazione, ha spiegato al giornale che il Messico si è spostato da paese di transito a destinazione, e questo porterà a un rimbalzo del numero di persone che entreranno nel Paese per cercare di sopravvivere.

Da gennaio a febbraio, 12.248 persone sono state deportate dalle Americhe, il 25% in meno rispetto al numero medio di deportati nei primi due mesi degli ultimi sei anni (16.395), secondo i dati del National Immigration Institute.

A questo si aggiungono i numeri record di stranieri in situazione irregolare, che a febbraio ammontano a 70.526, con un aumento del 48 per cento rispetto allo stesso periodo del 2022. Ha sottolineato che ciò è dovuto alle politiche restrittive degli Stati Uniti come il Titolo 42, che favorisce l’immediata espulsione di chi attraversa irregolarmente.

Ha spiegato che la fine di questa politica, prevista per maggio, porterà a un aumento dei flussi nei prossimi mesi, poiché gli immigrati credono di poter entrare negli Stati Uniti, anche se non sarà così.

Rendón ha anche evidenziato il gran numero di richieste di asilo in Messico, che di recente sono più di 100.000 all’anno, mentre nel 2014 erano solo 3.500.

Ha ribadito che sebbene i flussi migratori rimangano elevati e il numero di stranieri in situazione irregolare abbia raggiunto livelli storici, quest’anno il Messico sta espellendo meno immigrati.

READ  Lopez Obrador non parteciperà al Summit delle Americhe se gli Stati Uniti impongono eccezioni

Il Bollettino Statistico dell’Istituto Nazionale delle Migrazioni (INM) indica che tra gennaio e febbraio 12.248 persone sono state rimpatriate dall’America nei loro paesi.

Al contrario, il numero medio di persone deportate nei primi due mesi degli ultimi sei anni è stato di 16.395, e ha raggiunto il suo picco nel 2022, quando l’Istituto nazionale per le migrazioni ha restituito 18.617 persone, ha stabilito l’esperto.

Ciò rappresenta una diminuzione rispettivamente del 25 e del 34 per cento nel numero di immigrati deportati. Questi dati includono anche i ritorni assistiti, compresi i casi pediatrici e adolescenziali.

A questo panorama, ha aggiunto, si aggiungono numeri record di stranieri che si trovano in stato di immigrazione irregolare in Messico.

Secondo i dati dell’Istituto Nazionale per l’Immigrazione, a febbraio le persone in questa situazione erano 70.526 (45.015 depositate, sotto il processo del Dipartimento per l’Immigrazione, e 25.511 indirizzate alle case di accoglienza), il 48 per cento in più rispetto allo stesso periodo in 2018. 2022 e 171 in più rispetto allo stesso periodo del 2022. La media degli ultimi sei anni è di 26.042.

Le cifre di cui sopra indicano che ci sono più immigrati “tollerati” nel territorio nazionale, sia in attesa che la loro domanda di asilo riceva risposta negli Stati Uniti, sia che cerchino di entrare illegalmente in quel paese o siano in attesa di completare qualche procedura di asilo o di assunzione con il autorità messicane.

(Con info da Prensa Latina)