Marzo 4, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il ministro degli Esteri iraniano sottolinea l'unità della resistenza palestinese

Il ministro degli Esteri iraniano sottolinea l'unità della resistenza palestinese

Proseguendo la sua visita, il Ministro degli Esteri ha avuto un incontro con il capo del Movimento della Jihad islamica, Ziad al-Nakhalah, con il leader del movimento Hamas in Libano, Osama Hamdan, e con il vicesegretario generale del Fronte popolare per la la Liberazione della Palestina. Bello, fiorito.

Abdullahian ha sottolineato: “Era chiaro a Teheran, soprattutto nelle ultime due settimane, che i politici americani hanno un disperato bisogno della possibilità che l'entità israeliana vinca questa guerra”.

Secondo Al-Mayadeen Arabic Channel, all'inizio dell'incontro, Al-Nakhal ha spiegato la situazione sul campo nella Striscia di Gaza e la resilienza della resistenza palestinese e del suo popolo.

Per quanto riguarda il Segretario Generale della Jihad, il tempo è dalla parte della resistenza, e il nemico israeliano è sotto pressione interna e internazionale, incapace di raggiungere nessuno degli obiettivi dichiarati nell'aggressione.

Allo stesso tempo, Al-Nakhalah ha espresso il suo apprezzamento per il ruolo dell’Iran e dell’asse della resistenza nell’operazione Al-Aqsa Flood, e ha sottolineato “l’importanza dell’unità palestinese per ottenere i maggiori risultati possibili in questa battaglia”. .

In questa occasione ha sottolineato “la necessità di prepararsi alla fase post-vittoria, per affrontare i problemi della popolazione della Striscia di Gaza a causa delle ripercussioni di questa guerra”.

Da parte sua, Osama Hamdan ha ringraziato il Ministro Abdullahian e l'Iran per i loro sforzi, oltre a congratularsi con lui per il 45° anniversario della vittoria della Rivoluzione Islamica.

Il rappresentante di Hamas ha sottolineato che la battaglia per l'alluvione di Al-Aqsa ha allertato il mondo che non c'è né stabilità né calma nella regione senza la fine dell'occupazione israeliana della Palestina.

Hamdan ha sottolineato che il documento di cessate il fuoco di Parigi non parla del giorno dopo la guerra, e questo indica che l'obiettivo primario del nemico è quello di togliere i prigionieri dalle mani della resistenza, “ma non stiamo parlando del giorno dopo. ” Perché è una questione interna palestinese.

READ  Il mondo è in massima allerta per la variante del coronavirus Omicron

Al suo arrivo ieri a Beirut, il ministro iraniano ha confermato in una conferenza stampa che “Tel Aviv non è riuscita a raggiungere nessuno dei suoi obiettivi, nonostante quattro mesi di genocidio nella Striscia di Gaza e in Cisgiordania”.

Il titolo spiegava che il sostegno americano a Israele porterà a un ulteriore fallimento per Washington.

Riyal dell'Oman/yma