Settembre 25, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il presidente dell’Ungheria respinge le sanzioni contro la Russia in Brasile

Sappiamo che le sanzioni che sono state adottate non portano a nessun risultato… L’economia mondiale sta peggiorando e c’è insicurezza alimentare in diverse parti del mondo. Questi sono i pericoli che dobbiamo evitare”, ha annunciato Novak dopo una solenne cerimonia al Planalto Palace (sede del potere esecutivo).

La politica ungherese, che presiede il suo Paese dal 10 maggio e da sabato è in visita ufficiale al colosso sudamericano con soggiorni anche a Rio de Janeiro e San Paolo, Bolsonaro condivide un’agenda conservatrice in fatto di dogana, perché lo è. , per esempio a differenza dell’aborto.

In una dichiarazione congiunta con il leader di estrema destra, Novak ha precisato che le sanzioni contro Mosca “non portano a nessun risultato” e “vogliamo la pace, Bolsonaro ed io”.

Da parte sua, il leader brasiliano ha difeso ancora una volta il viaggio fatto in Russia a febbraio e che il Brasile vuole la pace e farà “tutto ciò che è in suo potere” per raggiungerla.

“Sappiamo che la verità a volte è dolorosa, ma non c’è altro modo, senza attraversarla, per cercare la pacifica convivenza tra i popoli”, ha affermato.

Ha annunciato che, con la visita del suo omologo russo Vladimir Putin, ha potuto garantire la fornitura di fertilizzanti all’azienda agricola nazionale.

Il Brasile ha mantenuto la sua posizione di equilibrio. Ovviamente non voglio che ci sia una guerra”.

Parlando alla stampa dopo l’incontro con Novak, ha osservato che i due hanno discusso “diverse questioni di importanza commerciale”, nonché possibili accordi futuri.

Pochi minuti prima di ricevere il visitatore, Bolsonaro ha detto ai giornalisti che il Brasile potrebbe ottenere diesel dalla Russia in 60 giorni.

READ  Il presidente angolano promette 'dialogo' dopo la rielezione

“È vero che tra 60 giorni (il diesel russo) può già iniziare ad arrivare qui. Questa possibilità esiste già. E la Russia continua a impegnarsi con il mondo intero”.

E di recente, ex militari hanno descritto per errore le sanzioni dell’Occidente, in particolare degli Stati Uniti, contro la Russia, in un videoclip trasmesso sui siti di social network.

Il 7 luglio, ha ritenuto che il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, e l’Europa “si sbagliassero e avessero pagato un prezzo pesante per le sanzioni (alla Russia)”. La sua gente sta soffrendo a causa dei prezzi elevati dei generi alimentari, dei prezzi elevati del carburante e dell’interruzione del gas russo dall’Europa”.

Bolsonaro ha condiviso un video su TikTok di qualcuno, un presunto esperto di politica estera, che criticava Biden e le azioni dell’Unione Europea nella guerra in Ucraina, così come la politica delle sanzioni.

rgh / ocs