Maggio 21, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il primo dispositivo elettrico dotato di una batteria agli ioni di sodio è arrivato con JAC

Il primo dispositivo elettrico dotato di una batteria agli ioni di sodio è arrivato con JAC

Lui La prima auto elettrica alimentata da una batteria agli ioni di sodio Il mondo è sfuggito di mano Produttore cinese JAC. È un’alternativa più economica alle tradizionali batterie a base di litio, un materiale il cui prezzo è più che raddoppiato lo scorso anno.

Il JAC EV, un veicolo dimostrativo, ha una batteria da 25 chilowattora (kWh) che gli offre un’autonomia di 250 chilometri con una singola carica ed è stato sviluppato dalla startup di Pechino Hina, secondo un quotidiano di Hong Kong. Posta del mattino della Cina meridionale

Batterie più economiche

Il presidente di Hina, Li Shujun, ha sottolineato che l’uso diffuso di batterie agli ioni di sodio può ridurre i costi di produzione delle batterie elettriche del 10%, perché utilizzano materie prime più economiche rispetto al litio, che utilizza anche nichel, manganese o cobalto.

Questa tecnologia consente anche Ricarica più rapida e temperature più bassema forniscono una densità energetica inferiore, che in una batteria JAC EV è di circa 140 wattora (Wh) per chilo, mentre nelle batterie agli ioni di litio va da 240 a 350 Wh per chilo.

Nonostante JAC sia il primo veicolo ad essere introdotto con questa tecnologia, CATL, il più grande produttore mondiale di batterie per veicoli elettrici, ha già annunciato nel luglio 2021 la creazione di una batteria agli ioni di sodio con una densità energetica di 160 Wh per chilo.

Meno vendite in Cina

Il South China Morning Post ha citato un analista secondo il quale le vendite elettriche trarrebbero chiaramente vantaggio da batterie più economiche, cosa che sosterrebbe la tesi della banca svizzera UBS, che prevedeva che tre auto nuove su cinque vendute in Cina sarebbero state elettriche entro il 2030.

READ  Poiché il divario di cambio è stato contenuto, il volume degli scambi ufficiali in dollari è sceso al minimo

Le vendite di energia elettrica in Cina sono diminuite a gennaio del 48 per cento rispetto all’ultimo mese del 2022 a causa della fine dei sussidi per questa tipologia di veicoli, in vigore dal 2009, un cambiamento che rappresenta, secondo la stampa locale, “un aumento di migliaia di yuan.” dei costi “per i produttori in un momento di forte concorrenza in questo segmento.