Settembre 25, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il settore calzaturiero in Italia chiude il primo semestre dell’anno con un incremento del 14,5%.

Le calzature italiane continuano a prosperare in ripresa. Come ha condiviso il produttore italiano di calzature Assocalzaturifici in un rapporto, le vendite del settore calzaturiero in Italia sono aumentate del 14,5% nella prima metà dell’anno.

Secondo un rapporto redatto dal Centro Ricerche di Confindustria Moda, Sia le esportazioni che la spesa del Paese hanno registrato nel periodo una crescita a doppia cifra.

“In generale l’industria ha registrato una ripresa molto significativa, ma l’energia elevata, le materie prime e le conseguenze legate alla guerra in Ucraina minacciano la crescita del settore nel breve termine”, ha affermato la boss Giovanna Ciolini. Presidente.

“Le aziende italiane del settore hanno registrato buone performance di vendita nei mercati europeo e nordamericano, anche se il settore è in calo a causa delle sanzioni della scorsa primavera in Cina”, sottolinea l’ordinanza.

Per regione, l’Europa ha aumentato le sue vendite del 23%, con Francia e Germania in testa. D’altra parte, le esportazioni verso Stati Uniti e Canada sono aumentate del 65% e le vendite in Asia sono aumentate del 15%. Gli Emirati Arabi Uniti, dal canto loro, hanno registrato una “buona crescita” delle vendite e il Regno Unito è ancora in ripresa dall’era post-Brexit..

In particolare, le esportazioni sono aumentate del 24% in valore e del 15% in volume nei primi cinque mesi dell’anno rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Rispetto allo stesso periodo pre-pandemia, le vendite del settore sono aumentate del 2,4%..

READ  Il Napoli (0-1) batte la Salernitana e resta in vantaggio in Italia

Ciononostante, le vendite di calzature in pelle, uno dei settori più tradizionali in Italia, sono inferiori del 10,5% rispetto ai livelli di vendita registrati tre anni fa, poco prima della diffusione della pandemia.

Tutti i segmenti del settore hanno registrato un buon andamento delle vendite tra gennaio e giugno: Le categorie di calzature classiche da uomo e da donna sono cresciute del 20%, mentre le calzature per bambini e giovani sono cresciute del 10%, avvicinandosi alle vendite pre-pandemia.

Scarpe sportive in vendita e Scarpe da ginnastica Sono cresciute del 13% e le pantofole da casa sono cresciute del 7%. Inoltre, anche le vendite del commercio online sono aumentate del 24% rispetto allo stesso semestre pre-pandemia, sebbene la loro crescita sia stata dell’8,9% inferiore rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Anche il turismo internazionale ha aumentato gli acquisti di calzature nel Paese rispetto allo scorso annoTuttavia, le vendite sono ancora in calo dal 25% al ​​30% rispetto agli stessi mesi del 2019, secondo i dati dell’ufficio statistico del Paese, Estatt e Banca d’Italia.

A fine giugno di quest’anno, il settore ha registrato 1.062 dipendenti, l’1,5% in più rispetto alla fine dello stesso mese del 2021, e segna la ripresa del settore negli ultimi sei anni. Una ricaduta di oltre 6.400 dipendenti.