Ottobre 6, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il Tribunale Permanente del Popolo conclude che Bolsonaro ha violato i diritti umani gestendo la pandemia

Madrid, 2 settembre (Europa Stampa) –

La Corte permanente dei popoli (TPP) ha concluso che il presidente del Brasile, Jair Bolsonaro, ha commesso crimini contro l’umanità e violazioni dei diritti umani a causa della sua gestione della pandemia di coronavirus.

“Il crimine di cui era responsabile il presidente Bolsonaro consisteva in una violazione sistematica dei diritti umani, poiché ha causato la morte di decine di migliaia di brasiliani a causa della politica sciocca che ha promosso durante l’epidemia di COVID-19”, si legge nel rapporto. vergogna.

A causa di questa malattia, in Brasile sono morte circa 684.000 persone e sono stati registrati 34,5 milioni di casi. Fin dall’inizio Bolsonaro ha messo in dubbio l’entità dell’epidemia, che ha definito una “piccola influenza”, in seguito criticando le misure di confinamento, promuovendo farmaci senza dimostrarne l’efficacia, deridendo l’uso del vaccino e ritardandone l’acquisto.

“Non posso garantire che usarlo non darà più capelli a una donna, la voce di un uomo sarà più forte o puoi trasformarti in un coccodrillo”, ha scherzato in un’occasione.

Tuttavia, la sentenza è puramente simbolica, non comporta sanzioni né ha portata giuridica. La sentenza è stata annunciata giovedì nel corso di un’udienza tenutasi presso l’Università di San Paolo dai giudici di questo tribunale internazionale istituito a Roma nel 1979.

Bolsonaro è stato processato in risposta a una causa intentata a maggio da diverse organizzazioni per i diritti umani, come Express for Indigenous Peoples in Brasile. Tuttavia, il TPP non si è pronunciato a favore dei querelanti nella loro affermazione secondo cui il leader di estrema destra ha commesso un genocidio, ma ha raccomandato una denuncia formale alla Corte penale internazionale (CPI).

READ  Cuba evoca l'eredità di Hugo Chavez