Gennaio 19, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Isaiah Thomas, ai protocolli dopo l’adesione alle MAF

Dopo una partita con i Dallas Mavericks, l’ex guardia All-Star Isaiah Thomas è entrato giovedì nei protocolli di salute e sicurezza dell’NBA.

Thomas ha firmato un duro contratto di 10 giorni mercoledì per sostituire Brandon Knight, un’altra aggiunta all’accordo di disagio che è entrato nei protocolli della lega dopo essere risultato positivo al COVID-19.

Thomas, il cui contratto di 10 giorni con i Los Angeles Lakers è scaduto all’inizio di questa settimana, ha detto che mercoledì mattina stava facendo la spesa vicino alla sua casa di Seattle quando il direttore generale dei Mavs Nico Harrison ha chiamato per chiedere se poteva giocare a Sacramento quella notte. Ha prenotato rapidamente un volo ed è arrivato a Sacramento solo quattro ore prima.

“Ero tipo, diavolo, posso giocare stasera!”, ha detto Thomas dopo aver segnato sei punti e fornito quattro assist in 13 minuti durante la sconfitta per 95-94 dei Mufs contro i Sacramento Kings. Sono entrato in tribunale. Giocare a. “Sono già tornato a casa da Los Angeles [el martes]. È stato molto, ma sono tagliato fuori da tutto questo. Sono pronto per questo. Sono grato per l’opportunità. Ed era una domanda ovvia”.

Tuttavia, il soggiorno di Thomas con i Mavs potrebbe durare solo una partita, con la squadra ottimista sul fatto che molti giocatori torneranno presto e il contratto di 10 giorni di Thomas scadrà probabilmente mentre è nei protocolli della lega. I Mav hanno attualmente otto giocatori nei protocolli.

READ  Arturo Vidal è stato derubato nel suo palazzo in Europa: hanno saccheggiato 400.000 euro

Thomas, 32 anni, è stato due volte All-Star con i Boston Celtics prima che un grave infortunio alla coscia facesse deragliare la sua carriera. Ha trascorso la maggior parte delle ultime due stagioni fuori dal campionato, giocando un totale di sette partite in accordi di 10 giorni con i New Orleans Pelicans ad aprile e i Lakers questo mese.