Gennaio 19, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Rafael Guarderas: “Mi sento qualificato per la nazionale peruviana”

Guarderas giocherà la sua nona stagione con una maglia color crema Foto: University

Foto di Rafael Guarderas Ha un sogno a cui essere chiamato squadra peruviana. È questo il guinzaglio? università sportiva Ha raggiunto la maturità e si sente pronto ad affrontare le sfide dei “due colori”. Capisce però che appartenere alla Nazionale premia la costanza, motivo per cui il 2022 punta a fare una buona stagione che gli permetta di raggiungere questo traguardo.

“E’ il sogno di tutti, più nel momento della scelta. Sì, sento di poterlo fare, purtroppo la Nazionale è un premio per la continuità, non due o tre partite, ma un campionato o una buona annata. Mi sento potenziato se devo‘”, ha osservato in una conversazione con Fútbol Como Cancha.

Il calciatore 28enne si rende conto che quando torna nel negozio di Merengue non è riuscito ad ottenere una stagione completa. “Da quando sono tornato negli Stati Uniti, anche se nel 2019 ho scoperto che volevo smettere negli ultimi mesi, poi è arrivato il COVID e ho avuto un duro colpo. Nonostante abbia fatto delle belle partite, non credo di aver trovato quella continuità nel dire il mio nome in nazionale“.

Foto: Sport universitario
Foto: Sport universitario

Sebbene tutti questi anni della sua carriera sportiva siano serviti come centrocampista misto, ha trovato una nuova posizione nella fase finale per il 2021″.Prima di decidere se restare al club, ho parlato con lui (Perez) e mi ha detto che c’è la possibilità di giocare di più da esterno.. È una posizione che penso di aver fatto bene con Binacional, gli piaceva The Master, la mia pratica è andata bene per me, è una nuova posizione, mi sono adattato poco a poco”.

READ  La Dolfina di Adolfito Cambiaso ha esordito all'81° Tortugas CC Polo Open contro L.D. Brava de Boroto

I giocatori multifunzionali hanno maggiori possibilità di appartenere a un “bicolore”, soprattutto perché la loro posizione abituale è una delle posizioni più combattive in un gruppo Ricardo Gareca. Con Yoshimar Yotún, Sergio Peña, Christofer Gonzáles e altri nomi aggiunti nel tempo. Invece, ci sono alcuni segni a sinistra. Miguel Traocco, Marcos Lopez e ora finalmente Nelson Loyola. Tutto dipenderà dalla crescita di Guarderas in questo segmento di campo.

Continuare a leggere