Gennaio 26, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Italia e Francia si accordano con l’Accordo Guernale

Dopo anni di turbolente relazioni tra Parigi e Roma, Francia e Italia hanno firmato questo venerdì l’Accordo del Quirinale, firmando un accordo su larga scala per rafforzare le relazioni bilaterali tra la seconda e la terza economia europea. È un’istituzione significativa in tempi di grande incertezza sociale, a causa di epidemie, ripresa economica, Brexit o stato di diritto tra Bruxelles e Varsavia e Budapest. In questo contesto, Francia e Italia cercano di proporsi come garanzia di stabilità.

Due tecnocrati, il presidente francese Emmanuel Macron e l’italiano Mario Draghi, si capiscono bene – si sono visti sei volte in nove mesi – e questa è la più grande dimostrazione di comprensione fino ad oggi. Devono posizionarsi per acquisire maggiore influenza nella politica europea dopo la partenza di Angela Merkel, che ha governato per sedici anni.

obiettivi

L’accordo mira a rafforzare la cooperazione in settori chiave come la migrazione, la sicurezza o la sicurezza europea

La firma arriva poco dopo l’adozione del nuovo accordo di alleanza in Germania, che segna la fine dell’era della Merkel, quando per molti anni ha sviluppato stretti legami, soprattutto con i leader francesi. Pochi mesi dopo che Tracy è stata nominata Primo Ministro della Francia Deportati dieci terroristi dagli anni principali Coloro che hanno beneficiato di una controversa politica di asilo, hanno aperto la strada all’incontro e hanno trascorso metà della loro vita in territorio francese.

L’Accordo del Quirinale, che prende il nome dalla lussuosa sede della Presidenza della Repubblica Italiana, dove è stato firmato, mira a rafforzare la cooperazione in settori chiave come 5G, sicurezza, economia e industria, cultura, migrazione o aerospazio. D’ora in poi, i due paesi dovrebbero consultarsi per formare un terreno comune prima di prendere importanti decisioni europee. Ciò include l’impegno a rafforzare il programma di difesa europeo con la Nato, dando priorità a Macron, e il meccanismo con cui il ministro italiano partecipa alle riunioni trimestrali del governo francese. Vogliono in qualche modo seguire l’Accordo dell’Eliseo firmato tra Parigi e Berlino nel 1963 per ristabilire le relazioni dopo la seconda guerra mondiale.

READ  Exodus: solo una delle 10 migliori compagnie aeree al mondo opera in Argentina

Prima della cerimonia della firma, Macron e Tracy si salutano davanti a Matterella

Alberto Pisoli / AFP

L’accordo arriva dopo un anno di trattative tra le due amministrazioni. Al vertice italo-francese di Lione del settembre 2017, ha cominciato a maturare mentre Paulo Gentiloni era ancora al governo dell’Italia. “Mi hanno chiesto perché non c’era un accordo parallelo all’accordo dell’Eliseo e io ho risposto che era necessario un accordo quirinale”, ha rivelato oggi Macron.

Ma da allora ci sono stati molti conflitti, soprattutto con il Movimento 5 Stelle (M5E) e la Lega durante il primo governo di Giuseppe Conte. La tensione avvertita per gli attacchi dell’allora ministro dell’Interno Matteo Salvini sul tema dell’emigrazione si è trasformata in una vera e propria crisi diplomatica, con Macron che ha convocato il suo ambasciatore in Italia nel 2019 dopo che l’allora vicepremier Luigi de Mayo – oggi ministro degli Esteri – ha viaggiato nella capitale francese per accogliere la biancheria intima gialla. Secondo la diplomazia francese, le relazioni erano in un momento critico dopo la seconda guerra mondiale.

Visitatori in Vaticano

Macron è andato a Roma ed è stato accolto da Papa Francesco

Il presidente Sergio Materella, che giovedì ha ospitato una cena a Guernsey, è stato determinante nel riparare le ferite. Ristabilire i rapporti con la Francia è una vittoria personale per il capo dello Stato, che arriva alla fine del suo mandato a gennaio. Sia Draghi che Macron lo hanno pubblicamente ringraziato per i suoi sforzi.

“Questo è un momento storico nella storia delle relazioni tra i due Paesi. Francia e Italia stanno rafforzando i loro legami diplomatici, regionali, politici e culturali. Da oggi, siamo ancora più vicini “, ha detto Drake.

READ  Gianluca Lapadula | La reazione dell'Italia in Serie B alla maglia di Lapadula per Papa Francesco | Calcio peruviano | Selezione Perù | NCZD | Gioco-totale


Per saperne di più

Anna Buzz

Il 24 novembre 2021, a Roma, in Italia, le persone sedevano in un negozio di liquori mentre il governo discuteva le rigide regole per il pass sanitario per la malattia da virus corona (COVID-19) noto come Green Pass.  REUTERS / Yara Nardi

La firma è avvenuta durante la visita ufficiale di Macron in Italia, che ha incluso un’udienza con Papa Francesco venerdì, una visita insolita perché il papa di solito non riceve i leader con l’avvicinarsi delle elezioni. Il presidente francese sta cercando di convincerlo che andrà a Bruxelles oa Strasburgo all’inizio del prossimo anno e manderà un messaggio per riprendere il ruolo dell’Europa.