Dicembre 4, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Jazz insolito con suoni di arpa e armonica al Festival Europeo Venezuelano di Caracas

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 set 2022 – 23:27

Caracas, 23 settembre (EFE). – Jazz insolito suonato con ukulele e armonica venerdì al Petari, la più grande favela del Venezuela, situata a Caracas, una delle sedi del Venezuelan European Jazz and Rhythm Festival, promosso dall’Unione Europea, dove il bassista colombiano Edmar Castaneda e l’armonica svizzera hanno eseguito insieme le loro canzoni di Grégoire Marais.

Dal teatro César Rengifo, il duo di musicisti, che ha pubblicato il loro album Harp vs. Nel 2019 Harp ha mostrato al pubblico di Caracas come l’ukulele, tipico del genere musicale tradizionale Gurubo-Venezuelano, e l’armonica blu si fondono per diventare jazz.

“Sono rari”, ha detto Castaneda, 44 anni, a Efe, riferendosi a questi due strumenti e al loro uso in questo genere. Ha affermato che per entrambi “è stata una lotta indipendente ‘uscire’ dal ‘comune’ o ‘popolare’ e incorporarli nel jazz”.

Castaneda, che è cresciuto con i Gurubo a Bogotà e non ha conosciuto il jazz fino a quando non è andato a New York all’età di 13 anni, ha detto Castaneda.

Durante lo spettacolo, Castañeda ha mostrato come è riuscito a correggere il modo in cui suonava l’ukulele, presentando, per circa nove minuti, una canzone di Jaco, un omaggio al leggendario jazzista americano Jaco Pastorius, che suonava come se le corde dello strumento erano quelli del basso.

Insieme, gli artisti hanno incorporato nella loro musica suoni dei loro paesi, così come di altri generi, come il gorbo e il flamenco.

“I gorbos di entrambi i paesi, Colombia e Venezuela, siamo fratelli. È molto bello poter portare il nome di uno strumento musicale, che viene da qui (…), in qualsiasi parte del mondo”, ha detto Castañeda. .

READ  Aitana parla della sua possibile collaborazione con Chanel: arriverà una grande canzone? | Musica

Da parte sua, Marit ha detto a Efe che i suoni della Colombia e della Svizzera si incontrano nel jazz attraverso le improvvisazioni che hanno fatto da quando, a New York, hanno deciso di collaborare insieme, attraverso le quali hanno espresso temi come l’amore, la passione e il loro rapporto. Con la religione e Dio.

“Abbiamo questo amore per Cristo, ed è così bello poter portare la sua presenza attraverso queste macchine e lodarlo per le persone”, ha detto Castaneda.

Con questi modi insoliti di suonare il jazz, Marit, 47 anni, afferma di “creare un percorso per le altre generazioni”.

Più di 50 musicisti provenienti dal Venezuela e dall’Europa, tra cui Spagna, Francia e Svizzera, partecipano al festival, che si svolgerà fino a domenica.

L’Unione Europea, che è responsabile dell’organizzazione del festival, ha ricevuto il sostegno del Sistema nazionale delle orchestre e dei cori giovanili e infantili del Venezuela, il Centro per la diversità culturale e il Kumaco Producciones, nonché la cooperazione di teatri, musei, sale e i loro spazi. comfort. EFE

csm/sb/gcf

(foto) (video)

EFE 2022. La ridistribuzione e la ridistribuzione di tutto o parte dei contenuti dei Servizi EFE, senza il previo ed espresso consenso di Agencia EFE SA, è espressamente vietata.