Marzo 4, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La banca centrale del Cile conferma crescita zero per il 2023 e inflazione al ribasso

La banca centrale del Cile conferma crescita zero per il 2023 e inflazione al ribasso

L’economia cilena registrerà una crescita zero nel 2023 e si espanderà moderatamente in un intervallo compreso tra l’1,25% e il 2,25% per il prossimo anno, secondo le previsioni del Rapporto sulla politica monetaria di dicembre (IPoM) pubblicato mercoledì dalla banca centrale. Chile.

Il documento – l’ultimo quest’anno – indica che il prodotto interno lordo è tornato su tassi di crescita trimestrali leggermente positivi, pur mantenendo “una certa omogeneità tra i settori”. Sebbene sottolinei la resilienza del settore dei servizi e la migliore performance della produzione e del commercio di elettricità tra luglio e settembre, evidenzia anche che il settore delle costruzioni rimane debole.

Nel complesso, le previsioni sono migliori di quelle formulate un anno fa, quando lo stesso rapporto – nell’edizione di dicembre 2022 – prevedeva che il PIL avrebbe terminato con un calo compreso tra 1,75 e 0,75 entro il 2023. Anche a settembre, si stima ancora che il l’economia registrerà un leggero calo alla fine dell’anno.

La politica monetaria restrittiva ha avuto un costo elevato per l’economia del paese, poiché il tasso di interesse è stato aumentato all’11,25% tra luglio 2021 e ottobre 2022 per fermare l’inflazione. In breve, insieme al rallentamento della crescita si è verificato anche un calo dei prezzi.

Il ministro delle Finanze Mario Marcel ha affermato che le previsioni dell’indice di performance economica riaffermano che l’economia ha ritrovato il suo equilibrio ed è stata in grado di controllare la spirale inflazionistica che si trovava tra il 2021 e il 2022, quando ha raggiunto un massimo del 14% nell’agosto 2022, che è il suo livello più alto da quasi tre decenni. “Se ciò è avvenuto, la Banca Centrale può continuare con il programma di normalizzazione della politica monetaria, che porterà ad un miglioramento significativo delle condizioni dell’economia cilena, soprattutto per quanto riguarda gli investimenti”, ha spiegato il capo delle finanze cilene. Punto stampa.

READ  Chevrolet offre e stabilisce un prezzo per Chevrolet Silverado EV, il suo camion elettrico - Notizie - Veicoli ibridi ed elettrici

Le aspettative indicano che l’inflazione continuerà a diminuire anche nei prossimi mesi. L’organismo presieduto da Rosanna Costa ha confermato che l’indice dei prezzi al consumo (CPI) raggiungerà la convergenza con l’obiettivo del 3% entro la seconda metà del 2024, mentre la base si avvicinerà all’obiettivo più velocemente del previsto. Il Consiglio direttivo aveva già anticipato questo scenario martedì in un comunicato ufficiale, quando ha comunicato la decisione unanime del suo consiglio di tagliare il tasso di interesse dal 9% all’8,25% durante l’ultima riunione di politica monetaria dell’anno.

“Lo sviluppo dei consumi è stato accompagnato da un miglioramento del reddito reale delle famiglie. Il rapporto rileva che una minore inflazione sostiene la crescita dei salari reali e riduce il suo impatto negativo sulla spesa finanziaria delle persone.

Tuttavia, il documento avverte che il mercato del lavoro continua a non mostrare alcuna ripresa. La creazione di posti di lavoro resta lenta, con la domanda di lavoro ancora debole, anche se la Banca Centrale chiarisce che ciò è in linea con lo sviluppo del ciclo economico. In effetti, il tasso di disoccupazione del Cile rimane superiore alla sua media storica.

Nonostante la debolezza dell’economia cilena, ha riferito martedì la rivista britannica L’economista Ha pubblicato un articolo che colloca il Cile al settimo posto tra le 35 economie dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE). Il post ha titolo Benedetto dagli dei Ha sottolineato che il Cile “non è stato lasciato indietro” durante un anno in cui molti paesi hanno sofferto un forte aumento dei prezzi. Il settimanale mette in evidenza il Cile secondo cinque indicatori: inflazione, espansione dell’inflazione, PIL, occupazione e performance del mercato azionario. Allo stesso modo, evidenzia le misure di politica monetaria attuate durante l’anno. L’articolo afferma che “i banchieri centrali in paesi come il Cile e la Corea del Sud hanno alzato i tassi di interesse in modo aggressivo nel 2022, sovraperformando molti dei loro omologhi nel mondo ricco, e ora sembrano raccoglierne i benefici”.

READ  Coinbase ha ottenuto la registrazione antiriciclaggio da parte della Banca di Spagna

Il governo ha accolto questa notizia come un balsamo tra le difficoltà che ha dovuto superare nel corso dell’anno a causa della lenta ripresa dell’economia. Il Ministero delle Finanze evidenzia l’articolo nel suo Conto X, pubblicando: “Il controllo dell’inflazione è stata una delle nostre principali preoccupazioni con la Banca Centrale”. E aggiunge: “È un piacere per The Economist metterci tra i dieci paesi più stabili del mondo”.