Marzo 4, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La guerra tra Israele e Gaza in diretta |  Israele continua i suoi attacchi nel nord e nel sud di Gaza nonostante le richieste di cessate il fuoco  internazionale

La guerra tra Israele e Gaza in diretta | Israele continua i suoi attacchi nel nord e nel sud di Gaza nonostante le richieste di cessate il fuoco internazionale

Le famiglie delle persone rapite da Hamas a Gaza criticano “l’indifferenza” di Netanyahu.

Il Forum per le famiglie dei rapiti da Hamas a Gaza ha invitato il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu a spingere per nuovi negoziati per il loro rilascio, e ha dichiarato che sono stanchi della sua “indifferenza”.

“Siamo stanchi dell’indifferenza e della stagnazione” nei negoziati per il suo rilascio, ha affermato ieri sera il Forum israeliano per i rapiti e le persone scomparse. “Abbiamo la sensazione che ogni notte sia una partita alla roulette russa per uccidere gli ostaggi” per mano di Hamas dopo gli attacchi del 7 ottobre, dicono le famiglie.

I parenti hanno espresso il loro disappunto per il “rifiuto” del servizio di intelligence straniero israeliano, il Mossad, di negoziare in Qatar un nuovo accordo per il rilascio degli ostaggi, dopo una tregua di una settimana che alla fine di novembre ha consentito la liberazione di 100 sequestratori. Col passare del tempo, hanno criticato il fatto di non aver accolto la loro richiesta di incontrare il primo ministro o il suo ministro della Difesa, Yoav Galant. Hanno sottolineato: “Chiediamo spiegazioni immediate al Primo Ministro e ai membri del suo governo e che si ponga fine all’impasse in cui sono arrivati ​​i negoziati”.

Israele ha confermato che a Gaza restano 135 ostaggi nelle mani del movimento islamista Hamas e di altre milizie, 19 dei quali sono già morti. Tra le persone rapite nella Striscia di Palestina dopo l’attacco di Hamas contro Israele il 7 ottobre ci sono 124 israeliani, 8 tailandesi, un nepalese, un tanzaniano e un franco-messicano, secondo i dati dell’ufficio del primo ministro israeliano.

READ  L'esercito guatemalteco trattiene 26 immigrati cubani

Finora sono stati rilasciati 110 rapiti, tra cui 86 israeliani e 24 di altre nazionalità, cinque dei quali sono morti. La maggior parte degli ostaggi sono stati rilasciati durante una tregua durata una settimana iniziata il 24 novembre, quando Hamas ha consegnato 105 ostaggi, 81 israeliani e 24 stranieri. La tregua è stata negoziata in Qatar attraverso la mediazione di questo emirato, dell’Egitto e degli Stati Uniti, e ci sono stati tentativi di rilanciare i negoziati, finora inutilmente. Domenica scorsa Hamas aveva avvertito che nessuno degli ostaggi avrebbe potuto essere rilasciato a meno che Israele non avesse acconsentito a scambiarli con prigionieri palestinesi in Israele. (Effy)