Dicembre 2, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La nuova vita degli spazi comuni portata dalla pandemia

Con la pandemia, gli appartamenti sono diventati posti dove dormire, fare ginnastica, condividere con la famiglia, riposare, mangiare, guardare film e lavorare. La verità è che la crisi sanitaria ci ha costretto a restare nelle nostre case e a cambiare il nostro modo di vivere, trasformandole in spazi multifunzionali.

Un cambiamento che si riflette anche nella ridistribuzione degli spazi comuni degli edifici e nei progetti dei nuovi appartamenti. In questa nuova realtà ci sono palestre scarsamente attrezzate, sale eventi disadorne, cinema inutilizzati, e ora la tendenza è quella di creare ambienti pensando al massimo utilizzo e funzionalità degli spazi comuni. Prima della pandemia, le persone cercavano appartamenti classificati in edifici con spazi confortevoli per accogliere le persone, e questo accade da tempo, soprattutto perché gli appartamenti si stanno riducendo. Oggi, negli edifici, gli spazi pubblici hanno acquisito un’importanza oltre il tempo libero”, spiega Carolina Garafulich, General Manager di PlanOK.

Su come gli spazi comuni siano al centro del nuovo design immobiliare, Gennaro Quadros, architetto e urbanista dell’Università Academia de Humanismo Cristiano, spiega: Relax o relax, momenti di riposo o pausa, così come spazi per il lavoro di gruppo o la velocità composizione. Molti di questi fenomeni si sono già lentamente insediati nei prodotti immobiliari e sono stati oggi accelerati da fenomeni sociali, cambiamenti di comportamento e uso dello spazio condiviso”.

L’accademico afferma inoltre che questo nuovo modo di abitare lo spazio privato è un cambiamento radicale perché modifica lo schema spaziale di base sorto con la rivoluzione industriale. “E così stiamo assistendo all’unificazione finale della rivoluzione tecnologica di questo decennio nello spazio urbano e nell’habitat in generale, nell’idea di spazi e usi ibridi, e spazi che si basano sulla tecnologia della comunicazione. Questo è solo l’inizio, e il suo impatto sull’istruzione, il lavoro e la vita quotidiana è ancora evidente. Allo stesso tempo, aumenta il valore del confronto. Face to face come esperienza preziosa e insostituibile, allo stesso tempo cura e fruizione degli spazi naturali o verdi”.

READ  L'ingresso di Fantom nello spazio NFT te ne dà uno su Ethereum? - EzAnime.net

Ambienti comunitari dopo l’epidemia

Con più tempo a casa, c’è una maggiore necessità di cambiare posto di volta in volta. Tuttavia, a causa degli alti tassi dei mutui e dell’aumento del valore dei metri quadrati, è impossibile accedere a immobili con spazio sufficiente per cambiare l’ambiente. “L’unica opzione attualmente disponibile è quella di lavorare da remoto in “aule studio” e “aree verdi comunitarie” o in una caffetteria vicino a casa. Infine, questa maggiore domanda combinata con la maggiore complessità della gestione dello spazio (dovuta a problemi come la capacità , più pulizia, ecc.), per rendere più responsabile la presenza degli spazi comuni e il lavoro delle comunità e delle società immobiliari lì, afferma anche José Miguel Oarzo, CEO di Edipro.

Il fatto è che negli spazi comuni oggi c’è molto da ristrutturare. Lo conferma Garavulich, che sottolinea che: “L’esempio dei cinema. Poiché ci sono meno occasioni di incontro, è meglio avere uno spazio di tipo co-working, nello stesso spazio, che permetta ai residenti uno spazio per lavorare comodamente. “

Di più settimana immobiliare

In questa riprogettazione degli spazi comuni, sono comparsi nuovi ambienti e altri sono stati riadattati, che Cuadros ha così ben definito:

· Spazi di co-working“Sono iniziati come ambienti specifici in istituzioni e aziende associati all’innovazione e al lavoro di squadra, per passare a servizi pubblici e privati ​​come luoghi per i servizi alla comunità”, afferma Quadros.

La verità è che le società immobiliari ora offrono nuovi spazi per l’home office, oltre a una stanza nell’appartamento come una volta. Ora i progetti si stanno spostando verso spazi di co-working completamente attrezzati.

· Spazi rilassanti come terrazze, patii o all’aperto (balconi comuni) Per fumare o respirare la routine odierna tra lavoro e vita quotidiana. Qualcosa che era già negli edifici per uffici viene ora spostato negli spazi comuni dei condomini.

· Ricevimenti Completamente equipaggiato: “Oggi, oltre al management, si sono candidati per il commercio e il servizio applicativo, questo non è stato ancora risolto e apre un nuovo spazio operativo in reception e parcheggi”, spiega Cuadros.

A questo proposito, commenta Oyarzo, “I servizi di portineria ora includono varie soluzioni per la gestione di pacchi e pacchetti di e-commerce. Dagli scaffali a nuove stanze adiacenti che hanno persino un frigorifero per fare la spesa. Vedi anche molti armadietti intelligenti. “