Dicembre 3, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La preferenza per i marchi di e-commerce si trova in Ecuador, ma l’espansione non si ferma

Linea Bloomberg – Le vendite di e-commerce in Ecuador continueranno a funzionare bene nel 2022. Un nuovo studio della Camera di commercio elettronico dell’Ecuador (CECE) evidenzia che Nella prima metà dell’anno, le transazioni di e-commerce hanno raggiunto 1.789 milioni di dollari, rispetto a un totale di 2.570 milioni di dollari nel 2021, con un aumento del 4%.

Dati i buoni livelli di vendita, l’entità lo ha menzionato Il settore potrebbe crescere fino al 25% nei prossimi anni, Nonostante le restrizioni che l’Ecuador può imporre nella penetrazione e nell’utilizzo del Servizio, Pertanto, Silvana Diqduk, la ricercatrice internazionale che ha partecipato allo studio, ha affermato che “c’è ancora spazio per una crescita significativa delle transazioni digitali” e dell’e-commerce.

Nonostante le previsioni, il rapporto rileva anche che la preferenza per i marchi con e-commerce è diminuita nel 2022 rispetto al 2021, Essendo una tendenza notevole l’acquisto di beni per uso personale, beni per uso non personale e servizi di acquisto, soprattutto nei marchi internazionali.

Parte delle spiegazioni di questo fenomeno sono legate alla progressione dell’inflazione, sebbene in Ecuador non sia come in altri paesi dell’America Latina, Mentre i ricercatori hanno affermato che gli acquisti mirano maggiormente ai prodotti di uso quotidiano per la casa, gli acquisti internazionali non sono dovuti a un consumo frequente.

“L’aumento della frequenza degli acquisti online è dovuto al fatto che è più facile e veloce, mentre chi afferma che la frequenza degli acquisti è diminuita, dichiara di avere redditi più bassi, cioè fattori di inflazione e gli effetti di un epidemia sul potere d’acquisto, rifletti questo”, Daqduq ha spiegato.

READ  L'inflazione limiterà il 'boom' dell'e-commerce dopo il Covid e le vendite online risentiranno dei minori consumi

Preferisci la merce per uso personale

rispetto all’anno precedente, Amazon.com Inc. è caduto. (AMZN) è aumentato dall’84% al 40% nel 2022 negli intervistati che hanno indicato la preferenza come canale di e-commerce. Un effetto simile è stato visto per Wal-Mart Corporation. (WMT) che passa dal 28% al 13% e a favore di ebay inc. (ebay) che è sceso dal 20% al 9%.

Ecco come va con altri marchi che vendono beni per uso personale:

“Uno degli argomenti, che è stato commentato in alcune delle piattaforme che fanno questo monitoraggio sul territorio, riguarda il fatto che le categorie che sono cresciute di più e le abitudini che si sono conservate di più per l’acquisto del quotidiano cose per la casa, Quando sappiamo che gli acquisti internazionali sono per merce di maggiore impatto, Il che non è necessariamente dovuto a ripetuti acquistiCome bevande o cibo ha detto il ricercatore.

Che cosa è successo alle preferenze di acquisto di beni per uso non personale?

In questa categoria il trend è simile e i grandi marchi hanno abbassato la loro preferenza rispetto al 2021, il che si spiega anche con l’opportunità di acquisto.

Infatti, in generale, lo studio indica che i motivi per rinunciare ad acquistare nell’e-commerce sono legati a Problemi con il sito (25%), dubbi sull’acquisto (21%), il prezzo di partenza non corrisponde al prezzo finale (15%) e i tempi di consegna non hanno soddisfatto le mie esigenze (12%).

Per i beni non personali, Anche Amazon è sceso dal 77% al 36% come canale di shopping online in Ecuador nel 2022. Questo è stato il comportamento di altri marchi:

READ  La Borsa di San Paolo è in rialzo dello 0,06%

Per quanto riguarda la categoria e-commerce dei servizi di acquisto, sebbene anche i marchi siano diminuiti nelle preferenze degli utenti, La differenza non è elevata rispetto al 2021 e, secondo il rapporto, queste vendite vengono mantenute.

Questa selezione offre altri tipi di canali di acquisto online e include più servizi per il tempo libero e il turismo:

Lo studio ha anche indicato che, in base agli attributi valutati, gli aspetti valutati con il più alto livello di soddisfazione negli acquisti online sono le scelte che le aziende fanno per la consegna dell’acquisto, i tempi di consegna e l’assistenza clienti nel processo. Tuttavia, “tutte le dimensioni mostrano una diminuzione della loro valutazione rispetto all’anno precedente”.

Per il 2022 le categorie di shopping online ancora in tendenza sono i Beni Personali: cibo, bevande e tabacco; salute e medicina; e servizi.