Settembre 25, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La solitudine di Henry Reeve, 17 anni di storia umana

Il Premio per la Pace del Popolo è stato uno dei più recenti riconoscimenti assegnati all’unità medica cubana Henry Reeve, fondata in un giorno come oggi 17 anni fa.

Questo premio è stato assegnato da 100 organizzazioni e più di 400.000 persone negli Stati Uniti, che hanno sostenuto la candidatura del gruppo sanitario cubano per il Premio Nobel per la Pace nel 2021.

Confronto con il Covid-19, presente a diverse latitudini, è il suo ultimo lavoro, incentrato sull’aiuto solidale di cui ogni Paese ha bisogno per affrontare il male.

Ma ha già raggiunto Figi, Indonesia, Nepal, Pakistan, Africa subsahariana, Caraibi, tutta l’America Latina, Emirati Arabi Uniti, Qatar e Kuwait per aiutare le vittime di malattie, terremoti, inondazioni, smottamenti e uragani.

E per la prima volta, nella pandemia di Covid-19 per tre Paesi europei: Andorra, Azerbaigian e Italia.

La genesi della storia umana

Era la fine di agosto 2005 quando un uragano di categoria 5 ha colpito il sud degli Stati Uniti, dalla Florida al Texas, ma ha colpito duramente New Orleans, che è stata sopraffatta dal suo fragile sistema di argini.

Nasce così la storia di un’équipe medica composta da professionisti specializzati in situazioni catastrofiche che porta il nome Henry Reeve (1850-1876), un americano che si unì alla lotta per l’indipendenza dell’isola contro la colonizzazione spagnola nella seconda metà del XIX secolo.

Fu il capo della rivoluzione, Fidel Castro, che in quel momento offrì al governo di quel paese vicino la possibilità di ottenere l’aiuto dei medici, per mitigare le conseguenze della catastrofe che si stava verificando, ma Cuba non ricevette alcuna risposta. .

READ  Il ballo di compleanno di Michelle Obama e la dolce foto che Barack le ha dedicato

Giorni dopo, la brigata ha raggiunto il Guatemala, colpito da gravi inondazioni, e una settimana dopo, più di 2.500 operatori sanitari si sono recati in Pakistan, dove un terremoto di magnitudo 7,6 ha provocato la morte di 70.000 persone.

La pronta cooperazione in qualsiasi Paese colpito da calamità come uragani, inondazioni e altri fenomeni, oltre a far fronte a grandi epidemie che costituiscono disastri naturali e sociali, costituisce il ruolo principale di questo gruppo, che è stato ufficialmente istituito il 19 settembre 2005.

Un anno dopo, l’Unità internazionale di medici specializzati in disastri e gravi epidemie Henry Reeve è arrivata in Indonesia per aiutare quel paese colpito dal terremoto, come è successo in Cile e Haiti nel 2010, dove anche quest’ultimo è stato colpito da un’epidemia di colera.

Forse uno dei compiti più importanti e impegnativi, secondo i suoi membri, è stato quello di affrontare l’epidemia di Ebola in Africa occidentale.

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, è stato molto utile che gran parte delle infrastrutture necessarie per diagnosticare, isolare e curare i casi gravi sia già stata implementata nei protocolli medici per combattere l'Ebola.  / foto: archivio

Nel 2014 un gruppo di 260 operatori sanitari si è recato in Sierra Leone, Guinea e Liberia, i paesi più colpiti dalla malattia, ed è riuscito a salvare circa 7.000 vite, secondo i dati ufficiali.

Per i suoi risultati, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha premiato la brigata con il Public Health Award in memoria del Dr. Lee Jong-wook, premio assegnato durante la 70a Assemblea Generale dell’ente sanitario globale presso la sua sede a Ginevra. (stampa latina)