Febbraio 9, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’artigiano collega ulteriormente Cuba e l’Italia

L’Italia e Cuba cercano un’ampia cooperazione nei cosiddetti sviluppi redditizi, compreso il progetto internazionale di tipo imprenditoriale “Hub Particular”, con iniziative legate all’artigianato e finanziamenti dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo.

Il progetto ha come “capofila” il comune di Gualto Dadino nella regione Umbria della provincia di Perugia. Coorganizzatori dell’iniziativa sono il Comune di Amelia, il Consorzio Itaca, l’Associazione Internazionale Ong Negos e l’Agenzia Sol&Med.

Le istituzioni cubane che partecipano al progetto sono il Fondo Cubano per i Beni Culturali e il Comune di San Juan de Dios de Cárdenas. “Crediamo in un’ampia cooperazione tra Italia e Cuba per sviluppi proficui, compreso il commercio”, ha annunciato a Gualdo News, testata digitale comunale, Danilo Guidupaldi del comune di Gualdo Dadino, responsabile del progetto specifico dell’hub.

Rivolto ai mercati internazionali, il programma promette di aumentare le capacità delle aziende partecipanti creando un hub-vetrina per la modernizzazione, la formazione e la collaborazione tra le aziende secondo i principi di un’economia sostenibile e inclusiva.

Si valutano come punti di sviluppo la formazione professionale dei giovani imprenditori, gli scambi e le borse di studio intergovernative, con particolare attenzione all’imprenditoria femminile e ai soggetti vulnerabili, nonché l’ammodernamento dei macchinari per il laboratorio artigianale, la creazione di uno spazio produttivo centrale a servizio della vetrina. , gestione dell’inventario per i mercati internazionali e riferimenti al turismo internazionale. #Hub soprattutto.

Un altro obiettivo è quello di creare una rete che aiuti i produttori cubani locali a internazionalizzarsi ea sviluppare il loro turismo in quel settore.

A novembre una delegazione dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS) di Roma, composta dalla dott.ssa Rosa Maria Dragon e Fabiana Di Carlo, si è recata a Cuba per un tour amministrativo per verificare i primi risultati del progetto, appena concluso . Tecnologo.

READ  Cesare Zavattini unisce Cuba e l'Italia a 120 anni dalla sua nascita

“Il follow-up si è svolto positivamente, ricevendo indicazioni importanti da Aics. Stiamo entrando nella fase più operativa del progetto, come l’acquisto delle attrezzature per il laboratorio ceramico e la fase formativa rivolta al personale del Fondo Cubano . Per i beni culturali nei processi di proiezione e internazionalizzazione, poi promozione, gestione aziendale, marketing, per gli artigiani cubani” ha detto una fonte vicina al progetto.