martedì, Giugno 25, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

L’eredità di tutti • Lavoratori

Ministri e alti funzionari della cultura degli Stati membri del G-77 + Cina si sono riuniti la scorsa settimana al Centro Congressi dell’Avana per discutere il ruolo dell’arte e del patrimonio culturale dei popoli nel riaffermare il dialogo nazionale e globale sulle identità. All’ultima sessione ha partecipato Miguel Diaz-Canel Bermúdez, Primo Segretario del Comitato Centrale del Partito e Presidente della Repubblica.

Le tradizioni di ogni popolo sono l’eredità di tutta l’umanità. Foto: Alessandro Ernesto

Non è un aggettivo soggetto. In tempi di massiccia valanga di prodotti provenienti dai centri dominanti della cosiddetta industria culturale, il patrimonio dei popoli è garanzia di sovranità e riaffermazione di valori fondamentali.

C’è una strategia di imposizione con chiare logiche commerciali – e di predominio geopolitico -. Ma è essenziale intendere la cultura come un bene pubblico globale. Per questo, è necessario chiarire meccanismi di cooperazione e alternative.

Se n’è discusso all’Avana. Altri argomenti includevano la dimensione sociale ed economica della cultura, nonché il ruolo delle economie creative e delle industrie culturali nei paesi in via di sviluppo.

Nell’ambito della Conferenza Internazionale sui Beni Culturali, durata fino a venerdì scorso anche nella capitale cubana, si è toccato la gestione integrata del patrimonio culturale e il contributo del turismo dedicato a questo settore allo sviluppo sostenibile nei Paesi meno sviluppati.

L’appello è stato significativo, alla presenza dei rappresentanti di 57 paesi, di cui hanno aderito circa 18 paesi.

Il Ministro della Cultura di Cuba, Alpidio Alonso, ha notato che l’umanità sta assistendo a un panorama di crisi multi-sistema che colpisce tutti i settori della vita sociale ed economica, compresa la cultura.

Ha denunciato che il principale ostacolo di Cuba allo sviluppo della nazione caraibica è l’embargo economico, finanziario e commerciale imposto dagli Stati Uniti da più di 60 anni.

READ  "Alberto Fernandez ha suggerito l'Argentina come misura preventiva per la penetrazione russa"

Per Cuba, la promozione della cultura come bene pubblico globale e supremo diritto umano è una priorità.

Il Vice Direttore UNESCO per la Cultura Ernesto Renato Ottone, in un messaggio registrato all’incontro, ha esortato il G77+Cina ad aderire alla proposta di creare un obiettivo specifico e strutturato dedicato alla cultura nell’ambito dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile.

L’Agenzia Prensa Latina ha anche ribadito l’intervento del Direttore del Centro per i Beni Culturali, Lazare Assomo, che ha richiamato l’attenzione sulla fragilità socio-economica lasciata dalla pandemia di COVID-19 e sull’impatto che ha avuto sul finanziamento del settore della cultura.

Il funzionario ha anche sottolineato l’importanza della creatività e della promozione delle manifestazioni artistiche come fonti di fermezza e solidarietà.

Un saluto ai grandi della cultura

La Conferenza Internazionale del Patrimonio Culturale ha reso omaggio alle figure fondamentali della cultura cubana, strettamente legate alla promozione del patrimonio della nazione: la scultrice Marta Arjona Pérez, il pittore Servando Cabrera Moreno, il geografo e speleologo Antonio Núñez Jiménez, che quest’anno ha celebrato il centenario della la loro nascita.

L’evento ha riunito espositori provenienti da Messico, Brasile, El Salvador, Cile, Angola e diversi paesi della regione delle isole caraibiche.

Presso il Museo Nazionale delle Belle Arti, sede del convegno, sono state organizzate diverse sessioni di lavoro che hanno contribuito a rivendicazioni urgenti e realizzazioni specifiche di tutela del patrimonio.

L’idea si è concentrata sulle discussioni: Il patrimonio culturale è il patrimonio di tutta l’umanità, che trascende le specificità di ogni nazione. Allora si impone la necessità di esprimere azioni, perché la perdita di monumenti e tradizioni per un determinato popolo è una perdita per il mondo intero.

READ  La Repubblica Democratica del Congo e il Ruanda optano per il dialogo per allentare le tensioni diplomatiche tra di loro
Ciriaco Capone
Ciriaco Capone
"Creatore. Amante dei social media hipster. Appassionato di web. Appassionato fanatico dell'alcol."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles