Settembre 28, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Italia continuerà ad essere il primo produttore mondiale di vino da 44 a 47 Mhl nel 2021

Coldreti, un’organizzazione di aziende agroalimentari, prevede che la produzione vinicola italiana si sposterà nell’intervallo da 44 a 47 milioni di ettolitri nella campagna 2021/22. Questa previsione, fatta all’inizio di agosto, significa quindi che ci sarà già una riduzione dal 5% al ​​10% della produzione transpolpina, che può essere superata dalle condizioni meteorologiche.

Tuttavia, se le previsioni di Goldretty verranno rispettate, l’Italia manterrà lo scettro di primato enologo mondiale nella vendemmia 2021 perché i suoi 44-47 Mhl superano i 39-40 milioni di ettolitri, di cui la produzione spagnola si sposterà in questa campagna (24 agosto Cooperativa Agro-Alimentare CL For l’ultima revisione sono anche al di sopra della previsione (fino al 1 agosto) di 32,6-35,6 milioni di ettolitri di Acroste in Francia.

Come sottolinea questo sistema italiano, la produzione dipende ancora dall’evoluzione della temperatura, dalla maturazione e dall’assenza di temporali e grandinate. In Italia, invece, si prevede una vendemmia di buona/ottima qualità, anche se la vendemmia risente maggiormente del clima di metà agosto e settembre.

Lavoro di vendemmia Una settimana in anticipo rispetto all’anno scorso, vendemmia 2021 in Italia Le ondate di caldo di fine agosto faranno salire le temperature sopra i 40 gradi centigradi a causa degli sbalzi termici e far maturare l’uva al sud. Al nord, invece, il ritardo medio è stato stimato in dieci giorni.

I primi grappoli tagliati assomigliavano al tipo Chardonnay nel comune di Montreal (Contrada Virso tra Alcamo e Comborel) a fine luglio. Dal nord al sud della penisola italiana, la vendemmia inizia tradizionalmente con uve pinot e sardonina, terminando a settembre e ottobre con Clara Prosecco e grandi uve rosse autoctone Sangiovis, Montebulciano, Nebiolo e novembre. Quasi 660.000 ettari di vigneti impiantati in Italia con viti di aglianico e nerello.

READ  Coronavirus in Messico l'8 agosto: 7.573 contagi e 172 morti nelle ultime 24 ore

“Attraverso la vendemmia in Italia si sta attuando un’organizzazione che darà lavoro agli 1,3 milioni di persone che lavorano direttamente nei vigneti, nelle cantine e nella distribuzione commerciale, oltre a coloro che lavorano nelle attività connesse e di servizio”, ha spiegato Ettore Brandini, Presidente di Goldiretti. Ruolo”.

Tuttavia, nei primi giorni di settembre, Ismia, Asoenology e Union Itliana Viny (UIV) dovrebbero annunciare la prima previsione ufficiale (e congiunta) di vendemmia per il 2021 in Italia. È tempo di esaminare l’impatto delle gelate primaverili e delle ondate di calore all’inizio e alla metà di agosto sulla produzione del produttore di vino leader a livello mondiale.