Maggio 22, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Molto frammentato ma con un grande potenziale

L’industria dei semiconduttori in Spagnacomposto da circa 50 centri di ricerca e imprese, per lo più piccole e medie imprese, è un settore che ha “un piccolo peso nell’economia del Paese”, anche se ha un “impatto molto grande”, al punto da diventare “vitale” Questa è la radiografia dell’industria Semiconductor prodotta da Presidente dell’Associazione Industriale Technology Ametic, Pedro Meir, in dichiarazioni a Efe, dopo questa settimana un progetto strategico per restaurare e Trasformazione economica (Berti) su microchip e semiconduttori, con un investimento complessivo di 11.000 milioni di euro.

Le vendite di questo settore hanno raggiunto i 511.775 milioni di euro nel mondo nel 2021, secondo i dati del World Semiconductor Trade Statistics (WSTS), di cui 43.960 milioni corrispondono all’Europa, l’8,6% del totale complessivo. Nel caso della Spagna, sebbene le fonti consultate da Efe non conoscano l’esatta cifra commerciale, Meyer ha concluso che si tratta di un tessuto commerciale che ha un “peso trascurabile” nell’economia, ma un “impatto molto grande”, che sarà “molto più grande” in futuro. Questo effetto “lo giustifica C’è una reazione dall’Europa E nel caso spagnolo, perché sarà un settore importante”, ha affermato.

L’industria spagnola dei semiconduttori è caratterizzata da “Dispersione geografica e tematica”che non ha ancora avuto una “rappresentazione coordinata”, il che rende difficile sapere quale sia il suo peso attuale, ha osservato Meyer. Secondo le loro cifre, ci sono “circa 50 aziende o centri di ricerca di vari gradi di maturità” in Spagna, tra cui Wiyo, Imasenic, Kdopc e ICMálaga, società (queste quattro) che hanno fondato il primo Consorzio spagnolo di semiconduttori (Aesemi) in Spagna in novembre (novembre) 2021, che finora ne ha ricevuti venti delle domande di adesione. Di queste aziende, “la maggior parte sono phablet-free”, nel senso che si dedicano alla progettazione di semiconduttori ma non li producono, come spiegato a Efe dal presidente di Aesemi, Danny Moreno.

READ  L'OPEC+ cercherà di portare l'Iran in un accordo di fornitura di petrolio Secondo Reuters

In effetti, lui e Mir hanno confermato che in Spagna non c’è L’impianto di produzione di chip, dove si trova “La fase critica che causa colli di bottiglia nella catena del valore”, secondo Amitek. Sebbene “c’è tutto”, Mayer ha riconosciuto che la maggior parte delle aziende spagnole interamente dedicate ai semiconduttori sono “molto simili alle PMI”. dentro Lo stato dei grandi giocatori del mondo Come Intel o Qualcomm, in Spagna hanno solo una “funzione commerciale”.

Dal canto suo Moreno ha confermato che in Spagna ci sono grandi aziende di questo settore, ma si è reso conto che al momento non hanno numeri perché sono Raccolta dati per determinare la situazione. Una funzione svolta anche da Ametic, che ha costituito un gruppo di microelettronica con l’obiettivo di mappare l’ecosistema che fornirà raggi X alle capacità e ai ruoli degli agenti nella catena del valore, individuando progetti di collaborazione e proponendo una strategia nazionale per i semiconduttori.

Scommetti su tecnologie mature

In attesa che tutti i dettagli siano determinati, entrambe le associazioni hanno sottolineato l’importanza di Bertie in Microchip e semiconduttori annunciato dal governo. Secondo Moreno, Berti dovrebbe “rafforzare il tessuto imprenditoriale spagnolo” attraverso un “ecosistema aperto e collaborativo” che “democratizzi le opportunità” per le piccole e medie imprese, che “Chi fa innovazione”. Dal consorzio che lo gestisce, si sono anche impegnati a creare un impianto di semiconduttori con una tecnologia più matura, “come i chip richiesti dall’industria automobilistica, con semiconduttori più grandi di 14 nanometri”.

Una visione condivisa da Mir, che ha spiegato che, al momento, c’è Limiti tecnologici a cinque nanometri, con fabbriche che producono chip al di sotto di quel numero che richiedono miliardi di euro di investimenti, come le fabbriche che Intel prevede di aprire in Germania. Al contrario, la Spagna dovrebbe “scommettere su chip più grandi di cinque nanometri”, Dov’è il “mercato più grande” e “investi meno”.

READ  mercati globali - Il rendimento obbligazionario statunitense raggiunge il massimo degli ultimi tre anni; Le azioni scendono in base alle previsioni del tasso