Gennaio 31, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Mondiali Qatar 2022: “Victor, devi inchiodare l’inno iraniano”

E ilIl sorteggio della Coppa del Mondo del 1 aprile è stato di nuovo instabile dopo 24 anni: Iran e Stati Uniti sono stati nuovamente sorteggiati nello stesso gruppo di Coppa del Mondo, come in Francia 1998. Quello che pochi di noi possono aspettarsi è che questi Stati Uniti dell’Iran, a differenza di quello, avranno in palio un posto negli ottavi di finale. Due delle più grandi potenze nucleari del mondo si fronteggiavano sullo sfondo delle loro eterne dispute politiche e, proprio come 24 anni fa, il calcio era ancora una volta al di sopra delle linee guida politiche.

I tifosi persiani e americani ancora una volta sono stati un esempio per il mondo nell’atto di fratellanza intorno al pallone. Prima di entrare nel magnifico stadio Al Thumama, i fan di entrambi i paesi si sono riuniti fuori dall’edificio per tifare sugli spalti. Lì troviamo la storia di Reza, un iraniano sposato con un colombiano che ci ha dato il “permesso” in un buon spagnolo di cantare l’inno iraniano: “Devi fischiettarlo. Quell’inno rappresenta il governo dell’Iran, non il suo popolo”. Gli abbiamo detto che non volevamo cantare nessun inno e lui ha ripetuto: “Non è per noi, è per le nostre donne”. farti pensare

Tra i cori di “Iran, Iran” e l’Hollywood “America, America”, Al-Thumama è stato gradualmente riempito dalle illusioni di oltre 40.000 persone che hanno assistito a una nuova “partita per la pace”. È stato così per Amir, nato in Iran ma cresciuto negli Stati Uniti per diventare cardiologo. Amir si è dichiarato “entusiasmato” per la possibilità di raggiungere gli ottavi di finale e ha ammesso che si trattava di Iran e Stati Uniti. Era più di una semplice partita di calcio: “È la partita di calcio della mia vita.” Sulla sua guancia destra c’è la bandiera dell’Iran. A sinistra, un classico americano.

READ  NBA: La crudele presa in giro di George Carl sull'invecchiamento dei Lakers

La partita e la classifica hanno finito per portare gli Stati Uniti davanti alla delusione dell’Iran. “Non mi piace Queiroz, è troppo sulla difensiva”, ci ha detto un tifoso di Mele molto arrabbiato.. Ancora una volta, il calcio è stato il grande vincitore in un altro appuntamento serale.