Febbraio 27, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Morti, attacchi, notizie e altro ancora

Morti, attacchi, notizie e altro ancora

Persone tengono in mano le foto dei bambini tenuti in ostaggio da Hamas mentre i manifestanti si riuniscono davanti agli uffici dell’UNICEF a Tel Aviv, in Israele, il 20 novembre. (Ahmed Al-Gharabli/AFP/Getty Images)

Hamas tiene circa 239 ostaggi in seguito all’attacco terroristico del 7 ottobre nel sud di Israele che ha ucciso più di 1.200 persone, secondo l’esercito israeliano.

Solo quattro sono stati rilasciati dopo l’attacco, uno è stato salvato e almeno tre sono stati trovati morti. Fonti hanno riferito alla CNN che un potenziale accordo per garantire il rilascio di alcuni ostaggi – in cambio di una temporanea cessazione dei combattimenti – potrebbe essere all’orizzonte, dopo settimane di trattative che hanno coinvolto diversi paesi.

Ecco cosa sappiamo degli ostaggi.

Chi sono gli ostaggi? Tra gli ostaggi figurano bambini e anziani rapiti dai kibbutz, giovani inseguiti mentre fuggivano dal festival musicale Nova, famiglie e soldati israeliani. Includono persone provenienti da più di 25 paesi, secondo il governo israeliano.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha dichiarato in ottobre che 33 degli ostaggi erano bambini, sebbene da allora il numero totale di ostaggi tenuti dall’IDF abbia oscillato.

Qualcuno di loro è stato rilasciato? Hamas ha rilasciato due ostaggi americani, Judith Tai Raanan e sua figlia 17enne, Natalie, il 20 ottobre. Giorni dopo, Hamas ha rilasciato altri due ostaggi: Yocheved Lifshitz, una nonna di 85 anni, e la sua vicina Nurit Cooper, 79 anni, di Nir Oz. L’IDF ha anche affermato di aver salvato il soldato Uri Megidish il mese scorso con uno “schieramento di terra”.

È morto qualcuno? L’esercito israeliano ha trovato i corpi di almeno tre ostaggi dall’inizio dell’offensiva di terra a Gaza.

READ  Il Congresso Usa sta esaminando il tentativo di Trump di "corrottare" il Dipartimento di Giustizia

Shani Luke, una donna tedesco-israeliana di 23 anni rapita al festival musicale Nova, è stata annunciata morta il 30 ottobre. La settimana scorsa, l’esercito israeliano ha trovato altri due corpi fuori dall’ospedale Shifa di Gaza City: Yehudit Weiss, una nonna di 65 anni, e Noa Marciano, un soldato di 19 anni.

Chi li ha presi e dove sono? Non tutti gli ostaggi sono nelle mani di Hamas. All’inizio di questo mese, la Jihad islamica palestinese, un gruppo islamico rivale, ha pubblicato un video di due ostaggi – una donna di 77 anni e un ragazzo di 13 anni – e ha affermato di essere disposto a rilasciarli per motivi umanitari. Questo non è ancora successo.

Qual è stata la reazione in Israele? Il governo di Netanyahu ha dovuto affrontare reazioni rabbiose da parte dell’opinione pubblica israeliana e delle famiglie di ostaggi che chiedono maggiori sforzi per garantire il loro rilascio.

La settimana scorsa migliaia di manifestanti hanno marciato per le strade di Gerusalemme verso la residenza di Netanyahu. Manifestazioni simili hanno avuto luogo a Tel Aviv.

Come ha risolto Israele la precedente crisi degli ostaggi? In precedenza Israele era disposto a pagare un prezzo elevato per ottenere il rilascio degli ostaggi.

Gilad Shalit, un soldato israeliano, è stato catturato da Hamas nel 2006 e detenuto per cinque anni. Per garantire il suo rilascio, Israele ha scambiato più di 1.000 prigionieri palestinesi, molti dei quali condannati per attacchi mortali contro gli israeliani.