Marzo 5, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Condannano la collusione tra un giudice eletto della Corte Internazionale di Giustizia e l’estrema destra venezuelana

Condannano la collusione tra un giudice eletto della Corte Internazionale di Giustizia e l’estrema destra venezuelana

La Vicepresidente ha spiegato, in un clip audio e video sul suo canale WhatsApp, che il presidente Nicolas Maduro le ha ordinato di fornire prove serie su questo giudice di origine rumena, eletto il 9 novembre di quest’anno tra gli altri membri per ricoprire una carica importante nelle Nazioni Unite. Tribunale.

Rodriguez ha mostrato il documento con i risultati elettorali all’Assemblea generale delle Nazioni Unite, che comprende, oltre al giudice europeo Bogdan-Lucian Aurescu, candidati provenienti da Messico, Stati Uniti, Australia, Sud Africa, Zambia, Egitto, Russia e Repubblica Democratica del Congo.

La cosa strana, come ha detto l’alto funzionario, è che questo giudice, in qualità di consigliere del suo paese, si è rivolto all’avversario venezuelano residente all’estero, Julio Borges, e lo ha riconosciuto come se fosse il ministro degli Affari Esteri del governo bolivariano. Repubblica.

Ha aggiunto che “la situazione è davvero molto grave” e che il suo Paese “ha già riconosciuto Juan Guaido come presunto presidente del Venezuela”.

Il vicepresidente ha considerato questo “l’estremo dell’illegalità internazionale”, poiché una banda di criminali che ha rubato i beni del paese ha attaccato l’ordine costituzionale e ha attaccato il nostro popolo “in modo terribile”.

Si è chiesto come fa Auresco oggi a servire come giudice presso la Corte internazionale di giustizia e “possa violare palesemente il diritto internazionale e la Costituzione venezuelana”.

Anche il Ministro dell’Economia, delle Finanze e del Commercio Estero ha definito questo atto “sfrontato e barbaro”.

Ha sottolineato che per questo motivo il popolo dovrebbe comprendere “la nostra posizione storica di non lasciare la soluzione della disputa territoriale su Essequibo a terzi, come questi, che non hanno rispettato la Magna Carta venezuelana e le leggi internazionali”.

READ  Irene Montero Sanchez chiede di non voltarsi "dall'altra parte" dopo la sentenza della Corte internazionale di giustizia contro Israele

Venivamo già dal lodo fraudolento del 1899, in cui alcuni giudici decisero, “come sarebbe successo”, di rubare le terre della Guyana-Esquipa “per darle a qualcuno che non gli sarebbe mai appartenuto”, come disse. .

Ha sottolineato che questo è il motivo per cui il Venezuela mantiene la sua posizione storica di “non riconoscere la giurisdizione obbligatoria della Corte internazionale di giustizia su questa disputa territoriale”.

Nei giorni scorsi il presidente della Guyana Irfan Ali ha annunciato la sua disponibilità a incontrare il suo omologo venezuelano per discutere qualsiasi questione, tranne quelle legate alla controversia regionale, e ha ribadito che il tribunale “è il luogo in cui la controversia deve essere risolta”.

rgh/jcd