Dicembre 3, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Non abbiamo mai visto niente di simile prima”: il buco nero sputa materiale anni dopo aver schiacciato una stella

Nell’ottobre 2018, Una piccola stella si è schiantata quando si è avvicinata molto a un buco nero in una galassia a 665 milioni di anni luce dalla Terra. Per quanto eccitante possa sembrare, l’evento non è stata una sorpresa per gli astronomi che a volte assistono a questi incidenti violenti mentre scrutano il cielo notturno.

Ma quasi tre anni dopo il massacro, Gli scienziati affermano che lo stesso buco nero sta illuminando di nuovo il cielo e nulla di nuovo è stato inghiottito.

“Ci ha completamente sorpresi: nessuno ha mai visto niente del genere”, ha detto. Yvette rinuncia ricercatore associato in Centro di astrofisica | Harvard e Smithsonian (CfA) e autore principale del file studialo analisi dei fenomeni.

Il team ha concluso che il buco nero ora sta eruttando materiale che viaggia alla metà della velocità della luce, ma non sono sicuri del motivo per cui l’uscita è stata ritardata di diversi anni. I risultati mostrati in Giornale astrofisicoE il Potrebbero aiutare gli scienziati a comprendere meglio il comportamento alimentare dei buchi neri, che Sendez paragona a “ruttare” dopo aver mangiato.

Il team ha scoperto l’insolita eruzione mentre esaminava gli eventi di disturbo delle maree (TDE), quando le stelle gassose sono impigliate da buchi neri e che si sono verificate negli ultimi anni.

I dati radio del Very Large Array (VLA) nel New Mexico lo hanno dimostrato Il buco nero è stato misteriosamente rianimato nel giugno 2021. Cendez e la squadra si sono affrettati a esaminare da vicino l’evento.

Very Large Array (VLA) nel New Mexico.

“Richiediamo un timeout stimato su più telescopi, ovvero quando trovi qualcosa di così inaspettato che non puoi aspettare il ciclo regolare delle proposte di telescopi per osservarlo”, Cyndis ha spiegato in una dichiarazione. Tutte le richieste sono state immediatamente accolte.

READ  Telemundo 60 vittorie ai Lone Star Emmy Awards - Telemundo San Antonio (60)

Il team ha combinato le osservazioni TDE, designate AT2018hyz, a più lunghezze d’onda della luce utilizzando un VLA, Osservatorio ALMA in CileMeerKAT in Sud Africa, Australian Compact Array Telescope in Australia, Chandra X-ray Observatory e Neil Gehrels Swift Observatory nello spazio.

Le osservazioni radio TDE si sono rivelate le più sorprendenti.

“Studiamo il TDE con i radiotelescopi da più di un decennio e, a volte, lo troviamo luminoso nelle onde radio mentre rilascia materiale mentre un buco nero consuma la stella per la prima volta”, ha detto. Edo Burgerprofessore di astronomia ad Harvard e CfA, e coautore del nuovo studio. “Ma ad AT2018hyz, c’era silenzio radio per i primi tre anni, e ora si è illuminato notevolmente fino a diventare una delle radio TDE più luminose mai avvistate”.

Sebastian GomezUn borsista post-dottorato presso lo Space Telescope Science Institute e coautore del nuovo documento di ricerca, afferma che AT2018hyz era “normale” nel 2018 quando lo trovò. studiato per la prima volta Con telescopi a luce visibile, incluso il telescopio da 1,2 metri Fred Lawrence dell’Osservatorio Whipple in Arizona.

Gomez, che all’epoca stava lavorando alla sua tesi di dottorato con Berger, Sono stati utilizzati modelli teorici per calcolare che la massa della stella lacerata dal buco nero era solo un decimo della massa del nostro sole.

“Abbiamo osservato AT2018hyz nella luce visibile per diversi mesi fino a quando non è sbiadito e poi cancellato dalle nostre menti”, ha detto Gomez.

I TDE sono noti per emettere luce quando si verificano. Quando una stella si avvicina a un buco nero, le forze gravitazionali iniziano ad allungare, o allungare, la stella. Alla fine, il materiale allungato orbita attorno al buco nero e si riscalda, creando un lampo che gli astronomi possono rilevare a milioni di anni luce di distanza.

READ  Scopri come trovare un bancomat vicino alla tua posizione

una volta ogni tanto, Alcuni spaghetti vengono lanciati nello spazio. Gli astronomi lo paragonano ai buchi neri che si nutrono del caos: non tutto quello che cercano di consumare arriva alla loro bocca.

Ma in onda Conosciuto come Deflusso, Di solito si sviluppa rapidamente dopo che si verifica la TDE, non anni dopo. “È come se questo buco nero avesse improvvisamente iniziato a espellere un mucchio di materiale dalla stella che lo ha mangiato anni fa”, ha spiegato Seendez.

In questo caso, l’eruttazione è forte.

Il flusso di materiale viaggia verso l’esterno al 50 percento della velocità della luce. Per fare un confronto, la maggior parte dei TDE ha un deflusso che viaggia al 10 percento della velocità della luce, ha affermato Sendez.

“Questa è la prima volta che vediamo un ritardo così lungo tra l’alimentazione e la partenza”, ha detto Berger. “Il prossimo passo è esplorare se ciò accade troppo spesso e non stavamo guardando TDE abbastanza tardi nel suo sviluppo”.

Altri coautori dello studio includono Kate Alexander e Abrajita Hajela della Northwestern University. Ryan Shornock, Raffaella Margotti e Danielle Brethware dell’Università della California, Berkeley; – Sviluppo di Laskar dalla Radboud University. Brian Metzger della Columbia University; Michael Bettenholz della York University e Mark Weringa dell’Australian National Telescope Facility.