Settembre 30, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Quali sono le ragioni del boom delle vendite di cataloghi musicali nel settore?

L’industria musicale è in continua evoluzione e si reinventa, quindi non sarebbe esagerato dire che ogni giorno, almeno, arriva una nuova canzone. Playlist globali.

Per avere un’idea locale, in Colombia, nel solo primo trimestre del 2021, circa 4.567 opere musicali sono state registrate presso la National Copyright Administration, ovvero il 20% del totale di 22.615 opere letterarie e artistiche registrate.

Ma in questo mare creativo, alcune canzoni hanno sempre più successo e attrattiva, sia sonoramente che economicamente, e quelle che promettono una migliore redditività diventano prede eccitanti che spingono le case discografiche ad acquistare cataloghi.

Catalina Solorzano, managing partner di Crea Abogados, spiega che una volta che un artista vende il proprio catalogo musicale, c’è un trasferimento dei diritti, “che può essere fatto per un importo fisso, in quanto non riceve più royalties o partecipa allo sfruttamento del catalogo o ad un persona variabile dove riceverà la partecipazione”.

Casi noti includono la vendita del catalogo di Justin Timberlake per $ 100 milioni a Hipgnosis Songs Capital, o quelli di classici come David Bowie alla Warner Music, Bob Dylan alla Sony Music o Neil Diamond alla Universal.

Ma dal lato dell’artista, quali sono i vantaggi nel vendere le proprie canzoni? Richard Conlon, partner di Catch Point, spiega che il denaro gli consente di avere un capitale rapido che può essere utilizzato per investire in altri progetti o per promuovere ulteriormente la sua carriera musicale.

“La vendita del catalogo permette di ottenere un anticipo di circa 10 anni di royalties, e questo permette di generare una notevole liquidità per l’artista. Solitamente quando si acquista un catalogo musicale, l’acquirente, che sia una casa discografica o un fondo, anticipa la crescita naturale che potrebbe avere quel catalogo”, afferma Conlon.

READ  Adamari Lopez: una tenera lettera alla madre di Tony Costa per il suo compleanno | celebrità | nnda nnlt | Fama

MIDia Research mostra che nel 2021 sono stati spesi 5,3 miliardi di dollari per contratti di acquisto di catalogo generale e il numero sarebbe aumentato del 180% rispetto al 2020 e di oltre il 1.300% rispetto al 2019.

Dal canto suo Jose Maria Bernal, partner dell’etichetta Mantyx, afferma che dietro l’acquisto di un catalogo c’è sempre una “equazione matematica” in cui vanno valutati i numeri di un artista e i suoi prodotti musicali.

Ci sono molte valutazioni che vengono fatte in questo processo e la più importante è la questione finanziaria. Quando a un artista viene offerto di acquistare il suo catalogo, è perché sta succedendo qualcosa con i suoi numeri. Ciò contrasta con il significato, la proiezione e il momento dell’artista”, commenta il produttore.

Il trend del 2021 collocherà il rock come il genere più desiderato dalle case discografiche per acquistare cataloghi, con il 35% delle vendite. Questo numero è supportato dal caso di Sting, noto nei suoi giorni di gloria come cantante e chitarrista della polizia; 23% musica degli anni 2000; 20% musica degli anni ’70 e il resto 22% artisti diversi.

Nel caso della Colombia, in quanto paese multiculturale e ricco di musica, Conlon sottolinea che la cosa più importante per i suoi artisti (se vogliono entrare nel boom del catalogo) è approfondire la conoscenza della registrazione del copyright e della raccolta dei diritti di proprietà per evitare che si ostacoli. in fase di elaborazione.