Settembre 28, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Quanti negozi Inditex e Mango ci sono in Russia e Ucraina?

Al momento non ci sono indicazioni che sarà chiuso. Il che non significa che alla fine Inditex Sta scegliendo di abbassare il sipario sugli oltre 500 negozi di sua proprietà in Russia, a più di una settimana dall’invasione dell’Ucraina promossa da Vladimir Putin. La decisione dell’azienda creata da Amancio Ortega non segue questa tendenza di altre multinazionali che hanno chiuso per ritorsione o per mancanza di forniture.

Tra tutti i marchi nascosti sotto l’ombrello di Inditex, Bershka, con 106 negozi, è il negozio con il maggior numero di negozi sul suolo russo. Seguono Pull & Bear (87 negozi), Zara (86), Stradivarius (76), Oysho (63), Massimo Dutti (53), Zara Home (44) e Utrequy (12). in UcrainaInditex ha 79 negozi distribuiti tra le città di Kyiv, Kharkov, Lviv, Odessa, Dnipro e Kherson, chiusi per motivi di sicurezza, apparentemente chiusi per motivi di sicurezza.

per questa parte, La multinazionale spagnola di moda Mango ha deciso di chiudere i propri negozi in Russia, ha temporaneamente interrotto le operazioni in quel paese e ha paralizzato la spedizione di nuove merci a causa dell’invasione dell’Ucraina. L’azienda ha 120 negozi in Russia, 65 dei quali sono in franchising che possono continuare a operare a seconda della loro esistenza e 55 sono propri. in UcrainaMango ha 14 negozi che sono anch’essi chiusi, anche se i dirigenti dell’azienda insistono che i lavoratori ricevano sostegno finanziario.

La tendenza della maggioranza, ma ci sono delle eccezioni

In questo modo, l’azienda si unisce ad altri colossi della moda come H&M, che ha anche annunciato che sarà temporaneamente chiusa in Russia. Nike, Adidas o Burberry Sono anche tra le multinazionali legate alla moda che hanno deciso di paralizzare le loro attività in Russia, così come le grandi aziende di altri settori, come Apple, Disney, Volvo, Volkswagen, Toyota, BMW, Airbus, ING Group, BP, Shell, Maersk, Netflix, Apple, Microsoft o Ikea. la ragione? Sanzioni imposte, problemi sorti con le catene di approvvigionamento o pressioni mediatiche dovute all’invasione dell’Ucraina.

READ  El crudo de Texas sube un fuerte 3,6 % e cierra en 93,10 dólares el barril

Tuttavia, come è attualmente il caso di Inditex, altre grandi aziende come Coca-Cola, McDonald’s o Starbucks Al momento non hanno cessato la loro attività e non hanno chiuso le loro attività in Russia. Ma una decisione potrebbe essere imminente. vedremo.