Novembre 27, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Quasi 10 milioni di bambini nei paesi poveri non vengono mai vaccinati

Oggi, quasi 10 milioni di bambini sono emersi in paesi a basso reddito come Nigeria e Pakistan, a causa, tra le altre ragioni, dell’incapacità del governo di concentrarsi sui gruppi socialmente svantaggiati.

Due terzi di quei bambini a dose zero vivono al di sotto della soglia di povertà globale e le loro famiglie vivono con meno di 2,35 dollari al giorno, in baraccopoli urbane o aree di conflitto, secondo un nuovo studio canadese-indiano pubblicato su The Lancet Global Health.

I ricercatori hanno analizzato i dati dell’indagine nazionale per comprendere meglio come le disparità sociali, economiche e geografiche in India tra il 1992 e il 2016 determinano le probabilità di sopravvivenza dei bambini senza immunizzazione.

Nel testo, descrivono che il paese asiatico ha compiuto enormi progressi nella vaccinazione di routine dei bambini durante la fase e la proporzione senza dosi è triplicata dal 33% nel primo anno al 10 nell’ultimo anno.

Tuttavia, osservano che nel 2016 i bambini hanno continuato a essere concentrati in gruppi svantaggiati, comprese le famiglie a basso reddito, i bambini nati da madri meno istruite e le donne incinte che non beneficiano pienamente dei servizi sanitari.

Inoltre, rispetto a quelli immunizzati contro qualsiasi malattia, quelli con dosi zero avevano maggiori probabilità di essere malnutriti.

In totale, alla fine del periodo di valutazione, hanno stimato 2,9 milioni di bambini non vaccinati in India, situati in stati e distretti meno sviluppati e in molte aree urbane.

Hanno riconosciuto la spinta all’azione in generale fino al 2020 fornita dall’Alleanza per l’immunizzazione, nota come GAVI, in collaborazione con dirigenti di diversi paesi, l’Organizzazione mondiale della sanità e il Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia (UNICEF).

READ  Cresce la promozione internazionale delle destinazioni turistiche in Guatemala

Gli autori fanno notare che sono riusciti a far ricevere a molti più bambini nei paesi poveri dell’Africa e altrove i farmaci di routine: l’81% finora quest’anno, rispetto ai 59 del 2000.

Myra Johari, responsabile dello studio e professore di sanità pubblica presso l’Università di Montreal, in Canada, ha avvertito che la comunità internazionale deve dare la massima priorità agli interventi che affrontano il ciclo di differenze che stiamo valutando lungo il percorso.

A livello globale, l’esperienza indiana indica che “lo stato della vaccinazione a dose zero dei bambini è un segno importante della vulnerabilità associata alla deprivazione sistemica nella vita”, ha sottolineato il ricercatore.

Johari ha osservato che identificare i bambini che non ricevono una dose zero e intervenire precocemente per affrontare le complesse fonti di privazione che devono affrontare ha il potenziale per cambiare le possibilità di vita e combattere le disuguaglianze intergenerazionali.