Ottobre 3, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Recensione: Dakota Johnson porta la luce moderna sulla “persuasione”

Il nuovo adattamento di “Persuasion”, in uscita venerdì su Netflix, non sembra essere stato realizzato per i fan di Jane Austen.

Il suo libro su Anne Elliott, una ventisettenne sul punto di diventare una zitella e lamentarsi per averla persuasa a rinunciare al suo vero amore anni fa a causa del suo stato umile, è stato l’ultimo libro dell’autrice prima della sua morte. Sono degni di nota e amati per quanto sono diversi dai suoi libri più famosi e adattati come Orgoglio e pregiudizio ed Emma, ​​​​con le loro eroine mature, l’arguzia riservata e le sfumature decisamente cupe. “Persuasione” presenta anche uno dei suoi monologhi più romantici.

Diretto dalla veterana del teatro britannico Carrie Cracknell e interpretato da Dakota Johnson nei panni di Anne, questa versione include frasi moderne e slogan “Fleabag” in un’ambientazione dell’era Regency. È come un antipasto di Austin, una versione prototipo che cerca di accelerare il loro umorismo e parlare direttamente alla Generazione Z usando il proprio gergo, o almeno l’idea di un manager pubblicitario di come appare. Ma qualcosa nella sua implementazione sembra che non vada.

Il lavoro di Austin è quasi difficile da penetrare per il pubblico moderno. Più di 200 anni dopo, è ancora disponibile e pertinente. C’è una ragione per cui ogni anno sembrano esserci così tanti film o serie ispirati ad Austin sui nostri schermi: solo quest’estate abbiamo avuto “Fire Island” (“Orgoglio e Seduzione”) e “Mr. Malcolm’s List”. Non solo le loro storie hanno resistito alla prova del tempo; Hanno fiorito deliziosamente in contesti moderni. Basta guardare “Clueless” e “Il diario di Bridget Jones”.

Questa “persuasione” sembra sottovalutare un po’ il suo pubblico, come se non si fidasse che simpatizzerà con Anne senza vederla piangere nella vasca da bagno e bere vino dalla bottiglia mentre ci dice nella voce fuori campo che è “fiorita. ” La parte sul pianto nella vasca da bagno e sul bere vino potrebbe essere stata fatta troppe volte. Non si può fare a meno di pensare che Johnson, un comico di talento, meriti qualcosa di più creativo e meno creativo.

READ  Mobile payment, quali sono le migliori app per pagare da mobile

Tuttavia, Johnson è riuscito a venderlo in modo convincente. È così sottile che molti lo esagererebbero e romperebbero la quarta parete come se ci stesse rivelando un segreto. Potrebbe essere in stile “Fleabag”, ma non imita Phoebe Waller-Bridge. Realizza lui stesso il materiale.

In effetti, la maggior parte del cast è molto vivace e piena di nuove scoperte, in particolare Cosmo Jarvis (che alcuni riconosceranno in “Lady Macbeth”) nei panni della vecchia fiamma di Anne, Frederick Wentworth. Lo rifiutò all’età di diciannove anni su consiglio del suo mentore (la bella Nikki Amuka Bird) e lui tornò in vita otto anni dopo con ricchezza e buona reputazione. Ora è, per quanto riguarda la società, un uomo importante. Jarvis, con i suoi occhi tristi, il sorriso caloroso e le intenzioni misteriose, è il perfetto protagonista di Austin. E lui e Johnson, anche quando sono ai lati opposti della stanza, hanno una scintilla.

La diminutiva Mia McKenna-Bruce è brutalmente divertente nei panni della sorella minore di Anne, Mary, mentre Nia Towle è il ritratto dell’innocenza nei panni di Louisa. Anche Richard E. Grant, il vanitoso padre di Anne, Walter Elliott, aggiunge vita al film, ma viene usato con parsimonia. A Henry Golding piace interpretare il cattivo, il signor Elliot.

La sceneggiatura è stata scritta da Ron Bass – i cui crediti includono “Rain Man” e “My Best Friend’s Wedding” – e Alice Victoria Winslow, che ha avuto un buon senso nel mantenere almeno quel famoso monologo. Ma quando siamo arrivati, vorremmo che fosse solo un ritocco più semplice, senza tutte quelle parole d’ordine. Questo attore e il suo regista avrebbero potuto farlo e il pubblico sarebbe stato lì. O forse questo porta nuova linfa ad Austin, dopotutto.

READ  Dettagli sull'abito di Spider-Man Green Goblin: non c'è modo di perdere casa

Per citare “persuasione”: “Sono metà agonia e metà speranza”.

“Persuasion”, la premiere di Netflix venerdì sul servizio di streaming, è stata classificata PG-13 (avvertendo i genitori che potrebbe non essere adatta a bambini di età inferiore ai 13 anni) dalla Motion Picture Association of America (MPAA). Secondo il suo acronimo inglese) “per alcuni suggestivi riferimenti”. Durata: 107 minuti. Due stelle e mezzo su quattro.

___

Lindsey Bahr è su Twitter www.twitter.com/ldbahr