Gennaio 19, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Samsung vuole sviluppare un nuovo formato di schermo pieghevole

Samsung vuole continuare a innovare con i suoi telefoni cellulari con schermo pieghevole. Allontanandosi dal concetto che abbiamo visto nel Galaxy Z Fold e Z Flip, Samsung ha depositato un brevetto che rivela un display a doppia piega.

Sì, uno schermo a doppia cerniera che si piega a zigzag, come evidenziato dalla descrizione depositata.

Dispositivo pieghevole portatile che può essere piegato in tre parti

Come accennato in LestGoDigitalSamsung ha ricevuto un brevetto per un telefono cellulare triplo. Cioè, ha due cerniere che consentono di dividere lo schermo in tre parti. Quindi, se apri completamente il telefono, ottieni uno schermo grande come se fosse un tablet, ma puoi piegarlo in tre parti a forma di Z. La dinamicità è possibile grazie al sistema di cerniere.

Certo, quando cellulare Chiuso a una dimensione normale dello schermo, anche se avrà un grande spessore. Come dettagliato nel brevetto, questo telefono potrebbe anche avere un lettore di impronte digitali su schermo, un connettore HDMI, una fotocamera tripla, due batterie e supporto S-Pen.

Un esempio di quanto descritto in questo brevetto può essere visto nella presentazione congiunta del team LetsGoDigital. Come si evince da queste immagini, questo concetto eviterà all’utente di dover ricorrere a uno schermo secondario una volta piegato, poiché una delle parti principali del pannello sarà sempre visibile.

Questo brevetto è stato depositato nel giugno 2021 presso la World Intellectual Property Organization ed è stato pubblicato il 23 dicembre. Sebbene il concetto fosse già noto nel 2020, ora è noto come “Samsung Tri-Fold”. Al momento, questa è solo una parte di un concetto, e non c’è ancora la certezza che Samsung scommetterà su questo formato, quindi dovremo aspettare e vedere quale sarà il prossimo passo nello sviluppo dei display pieghevoli.

READ  Nasce un nuovo spazio per l'Unione Insegnanti