Agosto 9, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Sciopero per i dolori del Guatemala

Scritto da Mighty Marero Kanda

Corrispondente principale di Prensa Latina in Guatemala

I padri di questo metodo di condanna intelligente e creativo sono stati gli studenti che, nel secondo decennio del XX secolo, hanno segnato la vita dell’Università di San Carlos (USAC), l’unica università pubblica in un paese oscurato dai mali di allora e di oggi.

La cosiddetta parata del bufo apparve nel 1898 durante il regime di Manuel Estrada Cabrera, dopo che le fu concessa una certa libertà di parola. I membri delle scuole di medicina e giurisprudenza dell’USAC hanno chiesto l’apertura delle scuole elementari e il miglioramento dell’istruzione.

Poiché la loro voce non era stata ascoltata, quasi un mese dopo, il 1° aprile, sono scesi in piazza per manifestare ironicamente per criticare il governo ei militari, oltre al silenzio complice della Chiesa, che è prevalentemente cattolica.

Era venerdì, poco prima dell’inizio della Quaresima, e così le tradizioni sono continuate, nonostante alcuni momenti di silenzio dovuti a regimi antidemocratici e più recentemente a causa della pandemia di Covid-19.

Nel 2010, Huelga de Dolores, insieme a Santa Chapela e La Chalana, è stata insignita del titolo di Patrimonio immateriale della nazione.

Canto di guerra e slogan

Snella, snella, giocosa, ballerina e donna ossuta, La Chabela deve il suo fascino allo studente di medicina Hernán Martinez, pittore, scultore e musicista.

L’inconfondibile scheletro sta ballando e sembra tenere una bottiglia di liquore nella mano sinistra, mentre la mano destra poggia sul pube. Sull’etichetta compaiono due frasi, “Ecco tuo figlio Shabella” e “Non tentarci”.

Lo indossò con eleganza da Huelga de Dolores il 18 marzo 1921, più di 100 anni fa, e da allora è diventato il suo motto per eccellenza.

READ  Criticano la dichiarazione dell'Ucraina sulla richiesta di resa della Russia

La Chabela rappresenta principalmente la morte, è molto vicina alla storia del popolo guatemalteco ed è considerata il primo simbolo del femminismo studentesco.

È un’autentica guatemalteca, con tratti molto femminili: un bacino, un sorriso e il suo nome, come dicono gli storici a proposito dello strumento principale per ridicolizzare i dogmi nella società e far ridere la popolazione con ironia e umorismo.

Per completare La Chabela, l’inno di combattimento delle generazioni sancarliste, La Chalana, fu cantato per la prima volta il 7 aprile 1922 alla porta del Museo Usac da Ideal Club marimba.

Secondo i rapporti dell’epoca, gli studenti delle facoltà di giurisprudenza e medicina volevano una composizione che li definisse e fosse un grido di guerra a Huelga de Dolores.

Per raggiungere questo obiettivo, hanno creato due comitati, uno per le parole e l’altro, responsabile della musica. Inizialmente, Joaquín Parnoia ed Epaminondas Quintana sono stati ispirati, mentre Miguel Angel Asturias (Premio Nobel per la Letteratura 1967), Alfredo Valle, José Luis Balcarcel e David Villa hanno messo la loro penna e investigatore. Ma chi ha dato vita a quelle rime è stato il talento del musicista Jose Castaneda, arrivato da poco in Guatemala dall’Europa, quando glielo hanno chiesto.

Il nome La Chalana è stato suggerito da Valle y Vela per usare la lingua “chalán”, la persona che maneggiava, lavorava o si prendeva cura di cavalli e altre bestie in Spagna, sebbene un’altra versione affermi che questo era ciò che chiamavano le donne all’epoca . che ha lavorato nel mercato.

Il battesimo di carta della canzone era sulla prima pagina del quotidiano di successo “Non c’è tentazione”, che forma la simbolica trinità delle sfilate di bufali insieme ai carri allegorici e alle bande musicali.

READ  Fauci mette in guardia contro il compiacimento per il virus che riempirà gli ospedali

Ha un ritornello di quattro strofe per le unità accademiche dell’epoca: medicina, farmacologia, diritto e ingegneria, sebbene quest’ultima non abbia partecipato alla prima.

Il termine “ciarlatano esperti” si riferisce alla medicina. “Compressi del produttore”, alla farmacia; e “luogo güisachines”, alla Legge.

Validità generale del reclamo

E sebbene rappresenti il ​​Guatemala nel 1921, quando il sancarlista di oggi canta La Chalana, sembra che non sia passato del tempo dalla condanna pubblica della corruzione dei funzionari di servizio.

“La patria è un’imprecazione / sfruttata per lunghi periodi / oggi la patria è vecchia / corrotta / non vale quattro riyal in questo paese di traditori / i liberali la vendono / come i conservatori”.

“Guarda i soldati / che hanno lavorato in pace; / i tuoi giudici a migliaia / questa giustizia è stata venduta; / i tuoi preti fantoccio / che commerciano con creoli / e lavoratori del jingo con accessi di farsa, interesse e paura”.

Ci sono cose che non cambiano, giudici che vendono giustizia, chiese che commerciano con la fede delle persone, e Lachalana riflette perfettamente questo, da qui il suo potere di strumento di denuncia.

Così pensa T-Sócrates, uno dei brutti re dello spettacolo, che considera il Guatemala connesso con lo stesso tipo di governo che si avvantaggia della gente. Cento anni dopo, le generazioni sono cambiate, ma il modo di vivere dell’élite politica degli affari no.

Ha sottolineato che La Chalana “rimarrà al suo posto fino a quando non smetteremo di eleggere persone come coloro che ci guidano”.

Era la stessa sensazione descritta da Miguel Angel Asturias nel suo libro Friday of Sorrows:

E mentre veniva annunciata Huelga de Dolores, tra le esplosioni e il costante applauso della folla radunata davanti all’università – era designata una vacanza per il dolore di tutte le vergini (per le altre, anche se le fa male) – sono salito il pennone principale dell’Alma Mater, la bandiera nera di un pirata con il suo grande teschio, e al ritmo di Marimba Gabino, Chavez e Don Andrecito, è stata cantata per la prima volta La Chalana, una canzone di guerra studentesca.

READ  Chiederanno una riduzione della pena contro il camionista coinvolto in un incidente mortale

arp / mm