Marzo 5, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Spagna e Italia condividono gli interessi europei agli opposti ideologici  Spagna

Spagna e Italia condividono gli interessi europei agli opposti ideologici Spagna

Il capo del governo, Pedro Sánchez, ha fatto pochi viaggi più complicati di quello che ha fatto a Roma per incontrare la sua controparte italiana, Giorgia Meloni. Entrambi guidano i dirigenti della coalizione. Le somiglianze nei loro governi finiscono qui: uno è composto da socialdemocratici e gruppi politici alla loro sinistra; L’altro, l’estrema destra, Fratelli d’Italia e Lega, era sostenuto dal centrodestra Forza Italia. Inoltre, a seconda di come andrà a finire questo esperimento transalpino, per confondere ulteriormente Sánchez, si potrà estrarre una lettura spagnola, a seconda della benedizione del Partito Popolare Europeo: le elezioni di novembre se il binomio PP e Vox, alleati di Meloni, ottiene un risultato maggioranza.

D’altra parte, gli interessi della Spagna e dell’Italia nell’UE – non necessariamente l’agenda o la tempistica – sono vicini su molti punti, soprattutto sull’economia, l’energia o le questioni migratorie. “In grassetto, al punto di partenza, ci sono le contingenze. La certezza è ancora tutta da vedere” hanno precisato le fonti social, secondo le quali l’amministrazione Meloni non ha rivelato affatto la sua posizione sui temi che saranno importanti durante la crisi spagnola presidenza dell’Unione Europea nella seconda metà dell’anno: la revisione delle regole fiscali, la riforma del mercato elettrico, l’aumento dei tassi di interesse, le migrazioni, gli aiuti per le trasformazioni ambientali e digitali… e, su questi temi, la ripresa piani, in cui entrambi i paesi hanno molto in gioco. Queste sono alcune delle vostre sfide.

Fondo di recupero. Il successo del più grande programma di investimenti varato dall’Unione Europea nella sua storia (oltre 720.000 milioni fino al 2026) dipende dal buon lavoro di Spagna e Italia. Alcuni dati a sostegno di questa affermazione: la metà delle risorse di bilancio corrisponde ad entrambi e 103.000 milioni dei 150.000 distribuiti finora sono andati a loro.

READ  Cina e Italia sono tra le vittime del braccio di ferro giudiziario aereo in Galizia

La capacità di assorbimento di questa grande quantità di risorse preoccupa Madrid e Roma. La scorsa settimana il governo italiano ha concordato con Bruxelles un mese in più nell’esame per ricevere la terza rata del suo piano di salvataggio (19.000 milioni), mentre la Spagna ha ricevuto la sua terza tranche di 6.000 milioni a febbraio. Il ministro per gli Affari europei, Raffaele Fito, che è stato uno dei più schietti, ha riconosciuto che è “matematicamente impossibile” per l’Italia raggiungere tutti gli obiettivi del piano. Ha chiesto al ministro dell’Economia Giancarlo Giorgetti di rinegoziare, che Mario Draghi ha ammesso: “Stiamo svolgendo un’analisi per avere un quadro preciso dell’affidabilità complessiva degli interventi previsti per migliorare il più possibile. Rivedere gli aspetti più complessi e, se del caso, , i progetti preliminari.

Circa la metà dei finanziamenti del Recovery plan passa attraverso i Comuni, che in teoria avrebbero dovuto nominare personale specifico in questi mesi per gestire i fondi in entrata. In pratica, le amministrazioni locali non sono riuscite a trovare una formula per l’assunzione del personale e la gestione dei progetti.

Camminare nelle immediate vicinanze colpisce di più. Iscriviti per non perderti nulla.

Registrati

La decisione di Draghi di chiedere una volta per tutte le sovvenzioni e gli stanziamenti del fondo di salvataggio spiega perché in questa fase l’Italia abbia versato quasi 67 miliardi e la Spagna altri 37 miliardi, guadagnandosi il plauso della Commissione.

Revisione delle regole finanziarie. Spagna e Italia sono due Paesi con un debito enorme, e un ritorno sconsiderato al vecchio patto di stabilità allontanerebbe entrambi i dirigenti. Entrambi richiedono molto margine per coprire il debito italiano, che equivale al 147% del suo PIL, contro il 113% della Spagna. Ma in entrambi i casi c’è molta strada da fare per raggiungere la soglia del 60% fissata dal Patto di stabilità. La riforma lascia ai Paesi la possibilità di personalizzare i propri piani di adeguamento e collegarli agli investimenti pubblici necessari per evitare di perdere il treno della doppia transizione digitale e verde, principio su cui Madrid e Roma concordano. E sarà pronto entro la fine dell’anno. La Commissione deve ancora presentare la sua proposta di legge e cioè il colpo di scena, resta da vedere come funziona la posizione italiana, che con Meloni ha perso importanza rispetto a Draghi.

READ  400 anni dopo, in Italia nacque allo stato selvatico un cucciolo di ibis eremita

Roma chiede che le nuove regole finanziarie siano “basate sulla crescita piuttosto che sulla sostenibilità”. In un’apparizione dopo un incontro con Sánchez a Roma, Meloni ha ribadito questa posizione, accennando alla complicità del presidente spagnolo. Il leader italiano ha anche ricordato che il Paese transsalpino si aspetta che la riforma del Patto di stabilità arrivi entro la fine dell’anno, e ha offerto la sua presenza a Madrid per lavorare durante la presidenza spagnola del Consiglio dell’Unione europea nella seconda metà del anno.

Aumento dei tassi di interesse. Per lo stesso motivo della revisione delle regole fiscali, Spagna e Italia si trovano sulla stessa sponda delle vittime del rialzo dei tassi di interesse: l’alto livello di indebitamento di entrambi i Paesi. Un aumento del prezzo del denaro aumenta il costo del suo pagamento e mette a dura prova il bilancio pubblico e, per estensione, il settore privato. Tuttavia, l’entità del debito ei dubbi sollevati dalla caduta di Draghi e dall’arrivo al governo di Meloni mettono l’Italia molto avanti nel mirino. Lo stesso presidente del Consiglio ha quindi chiesto alla Bce di “evitare di fare scelte dannose e di gestire bene la comunicazione sulle scelte, altrimenti si rischia di creare volatilità sui mercati che sconvolgono il lavoro quotidiano dei governi”. .

Una risposta ai sussidi statunitensi nella transizione verde. La prima parte di questa guerra fu risolta a marzo. In esso, le posizioni spagnola e italiana erano quasi allineate: chiedevano maggiore agilità nel fornire aiuti di Stato, eliminare la burocrazia e alzare i limiti. A metà anno, con la revisione del bilancio pluriennale dell’Unione Europea (21-27), inizia la seconda parte: la creazione di fondi sovrani per finanziare i progetti in questa transizione. Lì la Spagna mantiene una posizione prudente, ipotizzando risorse sufficienti nel fondo di salvataggio; L’Italia si è mostrata favorevole all’aumento del budget totale dell’Ue per questo fondo, chiedendo che vengano concordati strumenti di finanziamento “non limitati a garantire una maggiore flessibilità negli aiuti di Stato”.

READ  Giro d'Italia 2022: Livello 20 del Giro d'Italia: profilo, percorso, programma e luogo per guardare la TV e online oggi

Migrazione. Secondo fonti comunitarie, la questione sarebbe stata “in cima all’agenda” di quelle discusse tra Sanchez e Maloney. Entrambi i paesi sono chiaramente destinatari di migranti. Entrambi chiedono “solidarietà” tra i partner europei, ovvero accogliere ventisette nuovi arrivati. Tuttavia, Roma si concentra soprattutto sui soccorsi in alto mare e sulle Ong che li realizzano. L’Italia, insieme a Grecia, Malta e Cipro, ha firmato una lettera chiedendo una politica unificata da parte dell’UE. La Spagna invece no. Sánchez si schiera con la commissione esecutiva quando afferma che è un “obbligo” ai sensi del diritto internazionale salvare vite in mare. Sottolinea che la politica dell’immigrazione dovrebbe concentrarsi sui paesi di origine per regolare i flussi ed evitare pressioni alle frontiere.