Marzo 4, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Dalle Ande all’Appennino: Beni Mauriciano, italo/cileno/argentino in campo nella Serie A italiana

Dalle Ande all’Appennino: Beni Mauriciano, italo/cileno/argentino in campo nella Serie A italiana


In una ricerca di cileni all’estero, questa settimana Rugbychile.cl ha trovato un caso particolare sull’ovale sudamericano. Ci riferiamo al 27enne Beniamino Mauriziano Fantozzi, che gioca nel Recco Pro (seconda divisione), lavorando come centrocampista di mischia.

Specifica? ‘Benny’ Mauriciano, nato a Santiago; Padre italiano e madre argentina, Mendoza è cresciuto intorno all’Oval, dove ha iniziato a suonare per il Club del Personal del Banco de Mendoza all’età di 13 anni.

“Ho iniziato a giocare per i miei compagni di scuola, nell’unico club in cui giocavo fino a 8 mesi fa, quando ho deciso di venire in Italia e provare un’esperienza da professionista”, racconta Beni, dando una svolta alla storia. Edmundo d’Amicis emigrò ‘dalle Ande all’Appennino’ e ora risiede a Recco, un piccolo paese della Liguria di Genova.

Avendo giocato più di un decennio nel rugby argentino, l’ovale nazionale non è del tutto estraneo a Mauriciono. Anche se ammette di non sapere molto della realtà del rugby cileno, “ci sono solo pochi conoscenti lì, come Luca Avelli, l’attuale giocatore della squadra dei Chile Sevens”. Inoltre, afferma di aver partecipato due volte a Vina’s Sevens.

“Un anno ho giocato con il mio club giovanile, un altro anno sono andato con la squadra su invito, grazie alla gestione di Diego Patellaro attraverso Lucas Avelli. Ho pensato che fosse una bella esperienza con i ragazzi con cui ho condiviso una squadra; ottime vibrazioni e quel sette mi sembra spettacolare, quindi l’ho fatto.

Come sottolinea Mauriziono, e come mostrato in Vinas Seven, usa bene i suoi piedi sia in attacco che in difesa per la sua visione di gioco e decisionale. Nonostante le sue buone caratteristiche, non ha ancora integrato processi ad alte prestazioni in Cile, Argentina o Italia.

READ  La controversa decisione del figlio dell'ultimo re d'Italia

“La verità è che è un sogno giocare i Mondiali da rugbista, ma avendolo fatto da professionista 8 mesi fa, non mi è mai passato per la testa di potervi partecipare; inoltre, non mi sono avvicinato a nessuna nazionale da 3 paesi”, ammette il mediano di mischia.

Al momento Beni ha un contratto in Italia fino a fine maggio, dopodiché vedrà come continuare a giocare. “La tripla nazionalità ha reso le cose un po’ più facili perché ho il passaporto italiano e non uso quote straniere nella mia squadra”.

“Le persone qui sono molto simpatiche, brave persone; Per l’Argentina è diverso: è una partita molto fisica per gli attaccanti, si allenano molto in linea, maul e mischia. Si gioca molto chiuso, a seconda di come si gioca a Mendoza, e giocatori e allenatori dall’estero hanno stili e formazioni diversi, ma in generale giocano molto fisicamente”, commenta Mauriciano sulla sua esperienza in Italia. Senza alcuna nostalgia.

“Giocare in Europa mi dà la possibilità di guadagnarmi da vivere con il gioco, che credo sia il sogno di ogni sportivo, ma mi manca indossare la maglia del club, gli amici e la famiglia vicino al campo. Giorni di club, vita di club, penso che il rugby sia vissuto un po’ diversamente in Argentina [en Argentina] È molto emozionante, il club è come una seconda casa”.

Mauriziano per ora punta su Recco Pro. “Sinceramente non ci sto pensando troppo, penso al resto della stagione, ma se mi vedo giocare in Europa ancora per qualche anno, è sicuro. Mi è piaciuta molto l’Italia e non vedo l’ora di continuare qui, soprattutto considerando che ho la nazionalità.

READ  "DD ci chiede unità e pace contro l'Italia"