Aprile 16, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Taiwan registra una morte per un’ameba mangia-cervelli e monitora più di 600 persone

Taiwan registra una morte per un’ameba mangia-cervelli e monitora più di 600 persone

Una donna taiwanese è morta all’inizio di agosto dopo aver contratto l’ameba mangia-cervello, Naegleria fowleri, secondo un rapporto dei media locali, citando i Centers for Disease Control and Prevention (CDC).

Secondo l’agenzia, la donna, sulla trentina, probabilmente ha contratto la meningoencefalite amebica (PAM), una rara infezione causata dall’ameba, quando ha visitato un parco acquatico al coperto a New Taipei City il mese scorso.

Va notato che questo è il primo caso mortale causato da questa infezione sull’isola in 12 anni.

Secondo quanto riferito, la vittima ha cercato assistenza medica alla fine di luglio con sintomi tra cui mal di testa, torcicollo, febbre, brividi e convulsioni.

Tuttavia, le sue condizioni sono rapidamente peggiorate e finora i medici non sono riusciti ad aiutarla, e non esiste un trattamento efficace per lei mentre il tasso di mortalità varia tra il 97% e il 99%.

Nel frattempo, secondo le autorità cittadine, il parco acquatico è stato temporaneamente chiuso per pulizia e disinfezione.

Allo stesso tempo, l’operatore del parco ha osservato che non è chiaro se la donna deceduta sia stata infettata lì, poiché le piscine vengono spesso clorate quotidianamente.

A loro volta, mercoledì il CDC e i funzionari del dipartimento della salute di New Taipei si sono recati sul posto per raccogliere campioni d’acqua per l’analisi. Il rapporto con i risultati sarà pubblicato entro 2 o 3 settimane.

Le autorità hanno identificato un totale di 630 persone che hanno visitato il sito tra il 21 luglio e il 9 agosto e hanno chiesto loro di monitorare la propria salute per due settimane.

562 di loro hanno già riferito di essere in buona salute, mentre 68 non sono ancora stati localizzati.

READ  L'ONU ha chiesto di combattere le grandi disuguaglianze aggravate dal Covid-19