Gennaio 22, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un dentista che è andato in Italia per farsi vaccinare con una mano finta

MILANO (AP) – In Italia un dentista è accusato di aver tentato di ottenere un falso vaccino anti-Covid-19 fatto a mano in silicone.

Filippa Pua, un’infermiera che lo ha curato nella città settentrionale di Piello, ha detto giovedì di aver capito che qualcosa non andava quando l’uomo gli ha dato un fagotto falso da iniettare.

“Quando ho trovato la mano, ho sentito che la pelle era fresca e appiccicosa e il colore era molto chiaro”, ha detto Pua al corriere del quotidiano italiano Della Cera.

In un primo momento, ha pensato che il braccio del 57enne fosse stato amputato e che avesse commesso un errore nel mostrarlo. Ma lui le sollevò la maglietta e guardò la protesi di silicone.

“Ho capito subito che la persona stava cercando di evitare il vaccino usando protesi in silicone, in cui si aspettava che glielo iniettassi a mia insaputa”, ha aggiunto.

Secondo l’infermiera, la persona ha accettato di non farsi vaccinare, ma da lunedì sarà obbligatorio il “super” pass per entrare in ristoranti, teatri, teatri e altri luoghi in tutta Italia.

Il dentista è già stato sospeso per essersi rifiutato di vaccinarsi, obbligatorio per gli operatori sanitari del Paese.

La persona è stata istruita e ha lasciato il centro di vaccinazione perché il suo tentativo è fallito, ha aggiunto Pua.

“Ci siamo fermati, riflettuto e abbiamo capito che non si trattava solo di una situazione surreale, ma di un vero e proprio tentativo di frode”, ha aggiunto l’infermiera. Lei e altri dipendenti del centro hanno inviato documenti ai loro superiori per denunciare il caso, che è stato consegnato al pubblico ministero.

READ  Italia e Francia rinviano le partite, con 9 morti in Bayern per Covit-19

Sebbene il tasso di vaccinazione del paese sia relativamente alto – l’85% delle persone di età superiore ai 12 anni ne ha diritto – le persone di età compresa tra 30 e 59 anni si sono rivelate le più vulnerabili, con circa 3,5 milioni di persone che non ricevono la prima dose. Dose in quel gruppo.