Settembre 25, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un mare di latte visto per la prima volta dallo spazio

Per secoli ci sono prove scritte e orali di un fenomeno noto come il Mare del Latte. Non è mai stato fotografato, Finora: i satelliti di osservazione della Terra hanno raccolto immagini di un mare di latte bioluminescente a sud di Java (Indonesia), con un tratto di oltre 100.000 chilometri quadrati, e ciò è stato successivamente confermato dai marinai di una barca che navigava nella stessa modo. Notte, stesso mare.

Qual è il motivo di questo fenomeno? È solo un riflesso della luna sulla superficie dell’acqua? Cosa c’entra con la ricerca della vita sui pianeti al di fuori del sistema solare?

Il mare di latte nelle grandi storie

Nel classico film di Jules Verne 20.000 leghe sotto il mare si può leggere:

“Nautilus, navigando sulla superficie dell’acqua, si trovò in mezzo a un mare bianco che si potrebbe dire lattiginoso. Lo strano effetto non è stato causato dai raggi della luna, perché la luna si era appena alzata sopra l’orizzonte fino a quel momento. Sebbene l’intero cielo fosse illuminato da uno splendore astronomico, sembrava nero in contrasto con il biancore dell’acqua. Consiglio non poteva credere ai suoi occhi e mi ha chiesto le cause dello strano fenomeno. L’ho mangiato, che si chiama mare di latte […]».

The Milk Sailor, come ricorda lo scrittore Hermann Melville nella sua opera Moby DickNel corso dei secoli decine di marinai l’hanno osservata, Ma fino a poco tempo c’erano solo prove scritte verbale per la sua esistenza.

Team guidato da ricercatori Steve Millerdel Dipartimento di Scienze dell’Atmosfera della Colorado State University (USA), ha scoperto questo fenomeno nel analisi Le immagini satellitari sono state riprese a sud di Java tra luglio e settembre 2019. Alcune immagini mostrano quello che potrebbe essere un mare di latte, scoperta poi confermata dall’equipaggio dello yacht Ganesha.

READ  Cyberpunk 2077 aumenta i suoi giocatori dopo l'ultimo aggiornamento e Edgerunners

Il 2 agosto 2019, lo yacht Ganesha (dal nome del dio indù della saggezza e dei nuovi inizi) Sono entrato in una macchia di acqua splendente nell’Oceano Indiano (Tra Lombok e le isole Cocos) mentre si muove per circumnavigare il globo.

L’equipaggio ha osservato un mare di latte per circa otto ore, Tra le 21:00 e le 5:00che copre un’area di oltre 100.000 chilometri quadrati e registrati sia nel registro che nelle email inviate a familiari e amici.

L’equipaggio di Ganesha ha catturato il bagliore del Mar Latteo con una fotocamera GoPro (a sinistra) e uno smartphone (al centro). L’immagine a destra è stata corretta in base al colore per corrispondere alla memoria dell’equipaggio. Ganesha Crew / Stephen D. Miller

in ultimo lavoroioStephen Miller conferma questo fenomeno sulla base di interviste ai membri dell’equipaggio, fotografie digitali e registrazioni video dello yacht e immagini satellitari.

Immagine satellitare del Mar del Latte a Giava. Stephen Miller, Leon Schumer e Naomi McKinnon, Australian National University, CC DI

Come nasce il latte di mare?

Sebbene ciò non sia dimostrato, Si ritiene che il Milk Sea sia il risultato di un processo di comunicazione tra milioni di batteri luminescente (Pesca Vibrio) che si trova nell’acqua dell’oceano è chiamato consapevolezza del quorum.

Scoprire che i batteri possono comunicare tra loro Cambiato il concetto del loro comportamento. Lo fanno rilasciando alcune molecole segnale nell’ambiente, in questo caso l’acqua, alcune delle quali sono luminose. Ciò consente loro di coordinarsi per fare affari insieme, come comunità.

Non solo brillare le lucciole

Esistono due processi naturali in grado di generare luce: bioluminescenza e bioluminescenza.

  • bioluminescenza: È il processo mediante il quale alcune specie animali sono in grado di generare luce attraverso una reazione chimica (è il caso dei batteri).
  • Brillantezza vivida: È il processo mediante il quale la luce di lunghezze d’onda invisibili viene convertita in luce di lunghezze d’onda visibili attraverso l’assorbimento/emissione di fotoni.

Esistono molti organismi in grado di produrre luce, come batteri, funghi, parassiti, vermi, vermi, molluschi, cefalopodi, crostacei, insetti, echinodermi e pesci. Anche se forse l’animale più noto è la lucciola o lucciola, che sono meno abbondanti in natura.

READ  Raccolgono a Porto Rico una cometa che si avvicinerà alla Terra il prossimo luglio

Anche i coralli emettono luce, ma in questo caso si tratta di fluoro, ovvero la conversione della luce ultravioletta in luce visibile attraverso il processo di assorbimento ed emissione di fotoni.

La fluorescenza è stata anche recentemente mostrata in tutti i tipi di Anfibi.

La luce della vita extraterrestre

Molti astronomi Era interessato a questa scoperta Perché potrebbe essere un modo possibile per trovare la vita, bioluminescente o biofluorescente, su altri pianeti osservando la luce che i suoi segnali emettono.

In uno dei suoi studi, la ricercatrice Lisa Kaltenegger della Cornell University di Ithaca (USA) ha esplorato il numero di organismi bioluminescenti che sarebbero necessari Per poter monitorare la sua luce dalla Terra utilizzando la prossima generazione Da telescopi giganti come telescopio molto grande (Cerro Armazons, Cile), che prevede di entrare in funzione nel 2027.

Il Milk Sea, fenomeno che alcuni scrittori hanno inventato e osservato da decine di marinai nel corso dei secoli, è stato finalmente raffigurato grazie alla tecnologia e poi confermato. Ora, chissà se verrà mai avvistato al di fuori del sistema solare e cosa sarà in grado di rilevare per noi.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato Conversazione. Leggi il Un nativo.