Gennaio 16, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un Olavarriense in Italia, tra vaccino e immunizzazioni e minacce di due ceppi

Avevano una variante delta, e oggi sono seguiti dagli Omigran sudafricani, che sono già entrati in Europa in alcuni paesi. I paesi europei richiedono già passaporti verdi e restrizioni.Eugenia Pieyro vive a Vezza D’Oglio, dove è archeologa ma gestisce un ristorante con il marito.

Cacho Fernandez

[email protected]

Il Eugenia Pyro, archeologa residente a Vezza D’Oglio, Una città di circa 1.400 persone in Lombardia, Italia, che indica la situazione epidemica al suo posto e altrove in Europa. “Eccoci qui con la seconda dose e stanno usando la terza dose. Ma penso che questa ondata sia dovuta al fatto che ci sono alcuni vaccini sia in Austria, in Francia che in Germania”.

Ha poi detto che in Italia verrà implementato il cosiddetto green pass, che prevede una sorta di codice a barre per accedere a determinati luoghi.

Questo Olavarriense ha confrontato a poco a poco la gravità di questa nuova ondata di epidemia in Italia, perché con i vaccini, Kovit sosteneva che “l’influenza, l’influenza o qualcosa del genere”. Ora, se i vaccini non sono tesi, corri il rischio di andare via. Per la terapia intensiva”.

Ha spiegato che le restrizioni dovrebbero essere applicate in quel paese, come in tutta Europa, e che le persone dovrebbero essere incoraggiate a farsi vaccinare. “Va bene perché impedisce al virus di diffondersi e cambiare”, dice.

Vaccinazioni e vaccinazioni

La seconda dose è stata utilizzata a settembre e ha dichiarato: “Hanno già iniziato da tre. La variante delta è in circolazione qui, e ora dicono che la variante sudafricana Omigran è già in circolazione in alcuni paesi. , In Austria o Germania, ci sono alcuni vaccini

Ha avvertito: “La vaccinazione non è obbligatoria, crea molte difficoltà per le persone di età compresa tra 50 e 60 anni, sono molto riluttanti a vaccinare, con bambini …, insomma, i cosiddetti sostenitori del vaccino. Per le reti con qualsiasi cosa Necessariamente, penso.

Le restrizioni entreranno in vigore da febbraio e «se non vaccinate, non potranno entrare da luglio, e questo varrà anche per il ristorante argentino che tengono con i mariti in città. Non hanno.

In alternativa alla vaccinazione, “hanno bisogno solo di uno scambio valido un giorno, quindi devono essere vaccinati.

Uno degli inconvenienti è: “Non sentono il pass verde sui mezzi pubblici, è lì che legge la maggior parte delle persone, ma legge così. Ripeto, le variazioni sono preoccupanti, ma i decessi con i vaccini si riducono notevolmente”.

Vaccini e ceppi

READ  Caos in Italia: i giovani talenti trasformano la residenza in professionisti

Tra le vaccinazioni, “Dicono che lo Sputnik V sia migliore, ma l’UE lo mette in secondo piano, sicuramente a causa di un problema geopolitico”. Ha poi spiegato di aver controllato la temperatura nel suo ristorante e ha chiesto il telefono e i dati richiesti. A luglio, con l’estate, avranno bisogno del branzino verde per sedersi e mangiare le grigliate, gli empanados e i dolci argentini che servono lì.

Stagione a tema centrale. Ora, con l’inverno e il freddo, “le persone sono più circondate e più soggette ai contagi. In estate, quando gli ambienti sono ben aerati, il rischio diminuisce, cosa che accade ovunque”.

Sosteneva di essere isolato in Italia “Molto diverso” Si usava in Argentina perché “sebbene alcuni negozi fossero chiusi, c’era molto interesse a tenere aperti molti posti di lavoro perché la gente doveva vivere. Il 70 per cento dello stipendio era pagato, ma volevano aprire il più possibile perché il bisognava mantenere la vita economica di ogni luogo”, un isolamento perpetuo dai criteri utilizzati nel Paese prescelto Criteri molto diversi. “Tutto era aperto fino alle 18 della scorsa estate, nonostante la variazione del delta nella circolazione. La gente si muoveva nel paese perché l’economia non poteva essere fermata”.

“Ora apro solo nei fine settimana in inverno, Ma in pochi giorni turistici, circa 15mila persone si riuniscono in città, la apriamo tutti i giorni, ma ora stanno arrivando le vacanze, apriremo con quel modello dai fine settimana fino a Pasqua “, ha chiuso.