Ottobre 5, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un problema tecnico in un computer della NASA nel 1981 ha messo in discussione l’uso dell’informatica moderna. Poi il giovane Steve Jobs è andato in diretta su ABC News e ha spiegato loro il futuro.

Il informatica È già così radicato nella nostra vita quotidiana che a volte ci è difficile capire che non siamo molto lontani dai tempi in cui tutto ciò veniva osservato con sospetto. La cosa che ci sembra ogni giorno oggi, come un computer, era Nei primi anni Ottanta Forse è stato messo in dubbio, proprio quando la tecnologia ha iniziato a crescere.

I test che hanno preceduto il lancio della navicella spaziale Columbia sono stati controllati da computer: un guasto in uno di essi ha portato al problema dell’uso dell’informatica che non ha smesso di crescere.

Il 12 aprile 1981 è stato raggiunto un traguardo straordinario non solo nell’esplorazione spaziale, ma anche nel modo in cui la scienza e la tecnologia stanno cambiando il mondo: Columbia, la prima navetta della NASA Sono arrivato nello spazio e ho lavorato per vent’anni. Tuttavia, è stato preceduto da piccoli fastidi. Il 24 febbraio dello stesso anno, durante Prove di accensione del motoresi è verificato un errore che potrebbe causare il fallimento dell’attività.

Causa: uno dei computer di controllo della missione a terra si è bloccato e non ha avviato la fase di accensione. Il dottor KA Lovingood, direttore dello sviluppo delle operazioni dello Shuttle, ha affermato che proprio tali test lo erano Scopri questo tipo di problemi ed evitali in futuro. Uno degli oggetti originali dell’epoca Si può ancora leggere su internet.

Dubbi sull’informatica nella vita di tutti i giorni

In questo raro ed eccezionale video su ABC News, possiamo vedere il giovane Steve Jobs difendere la sua idea di futuro e tecnologia

leggendario L’emittente americana Ted Koppel Ne ha parlato su ABC News – per cui ha lavorato per 20 anni, come vediamo in video raro che accompagna questo articolo. Dubbi sul fatto che i computer, come quello che controllava l’accensione del test Columbia, fossero un problema futuro emerso quella notte: “Come società, dobbiamo fermarci e pensare al ruolo che queste macchine svolgono nella nostra vita quotidiana. È il ruolo che mostra tutti i segni dell’invecchiamento”.

Steve Jobs NASA Computers Future ABS 003

Nel primo segmento della notizia, un fascicolo La giornalista Tina Gregory Mostra come i computer fossero già così intrecciati con la vita di tutti i giorni che molti non se ne rendevano ancora conto, se non altro Timido Un’anteprima di quello che sarebbe successo negli anni a venire: uscite dei supermercati, prenotazioni aeree, controllo della metropolitana di Washington. Si sono persino fatti un esempio, grazie a un archivio di ricerca video elettronico.

READ  Porsche Taycan: da costa a costa in America in meno di tre ore

Steve Jobs NASA Computers Future ABS 004

Il mondo era molto diverso nel 1981 dall’intervistare qualcuno per avere un computer a casa. Il rapporto di computer per casa era di 1 per 10.000 case

È stato tutto così straordinario che una persona è stata intervistata Solo per avere un computer a casa. Di tanto in tanto si parla di videogiochi, dell’arrivo della programmazione in classe e di come l’informatica sia sempre più sulla bocca della gente comune, non solo nei laboratori, dove è nata.

Vivi con noi: Steven Jobs

Steve Jobs NASA Computers Future Aps 005

Se all’epoca c’era un’azienda all’avanguardia nel mondo dei computer, questa era Apple. Per questo motivo si sono trasferiti puntualmente negli uffici dell’azienda, a 10260 Bandley Drive a Cupertino Per parlare con il suo giovanissimo leader: il 26enne Steven Jobs che a volte fa fatica a riconoscere nel video alcuni dei brevi scorci di timidezza che scompariranno nei prossimi anni.

Steve Jobs NASA Computers Future ABS 013

Alcune foto di interviste mostrano Jobs nei suoi primi anni come presidente di una giovane azienda chiamata Apple

“Guarda al futuro del computer come futuro dell’umanità” La voce fuori campo del programma annunciò, prima che Jobs avesse già stabilito la mitica metafora che sarebbe stata l’informatica La bici per le nostre menti nel ventunesimo secolo. “Il computer moltiplica le capacità intellettuali dell’uomo e credo che dopo che questo processo avrà raggiunto la maturità, i suoi effetti sulla società supereranno anche quelli della Rivoluzione industriale”.

Steve Jobs NASA Computers Future ABS 006

“Se non ti piace il mio prodotto, è troppo piccolo per buttarlo fuori dalla finestra”

Nell’ufficio di Jobs dove è stato registrato il video, in background, a seconda melaSteve Jobs l’ha sempre considerato ottimisticamente come un buon strumento se avessimo fatto la cosa giusta con esso. “Alcuni di noi non capiscono bene cosa fanno i computer e abbiamo paura di finire per controllarli. C’è il rischio che ciò accada?”Stavo chiedendo copechi. “Beh, il prodotto che realizziamo [Apple II] Pesa solo 5 chilogrammi e chi lo vede per la prima volta non crede che sia un piccolo computer. Quindi, se il rapporto con lui non va bene, può buttarlo fuori dalla finestra”.

Steve Jobs NASA Computers Future Apps 010

“Se notiamo la rivoluzione che rappresenta, andrà ancora oltre. Saranno in sempre più case perché saranno alla portata di tutti, svolgendo compiti più semplici ma raggiungendo anche ovunque, anche sul treno dei pendolari o su una Volkswagen” Curioso di sentire Jobs del 1981 parlare di lui I computer accedono ovunque, anche in auto – e il resto della nostra vita quotidiana.

READ  L'esperto conferma che questo è il metaverso in cui prospera la criptovaluta

Concetti relativi all’informatica moderna come privacy, ubiquitous computing o istruzione attraverso la programmazione compaiono già nella conversazione

Koppel chiama anche uno scettico tecnologico, preoccupato violazione della privacy Questa tecnologia dovrebbe finire nelle mani sbagliate. All’epoca, il timore era che i conteggi elettronici delle persone sarebbero stati utilizzati per perseguitare dissidenti o ribelli dell’ultima guerra in Vietnam. “Vedi la possibilità che qualcosa vada storto con l’intero computer?”Chiedono a Jobs chi descrivono non solo come un tecnologo, ma anche come un filosofo.

Steve Jobs NASA Computers Future Apps 012

A quel tempo, come commenta lo stesso Jobs, era solo una su diecimila famiglie Avevo un computer a casa: Il giovane capo di Apple prevedeva che nei prossimi cinque anni questa percentuale raggiungesse una su dieci. “Alla fine, [los ordenadores] Sarà presente nelle nostre vite al ritmo di un computer a persona”.

“Devi solo guardare i primi laureati che si sono diplomati al college con competenze informatiche o anche i ragazzi del college che imparano a usarlo: se guardi cosa ne fanno, è tutt’altro che innocuo”. – Negli anni Ottanta, alcuni dei Scuole della California E molte università hanno già dei computer – “Quello che vedete è il riflesso momentaneo della parte creativa di loro che potranno usare creativamente in questo modo per il resto della loro vita. Il modo migliore per combattere l’uso improprio dei computer è l’istruzione, in particolare l’educazione informatica. – Qualcosa che anche l’ospite scettico ha finalmente accettato.