Settembre 20, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Una trama personale? Chiavi per comprendere l’attuale crisi in Tunisia | Il presidente Guy Syed ha licenziato il primo ministro e sospeso il parlamento per 30 giorni

Crisi istituzionale in arrivo dalla Tunisia Il presidente Guys rimuoverà Syed E sospensione al premier Hichem Messichi Parlamento 30 giorni La situazione sembrava essere peggiorata questo mercoledì con l’avvio di un’indagine sul presunto finanziamento di partiti finanziari.. Mohsen Tali, portavoce della magistratura tunisina, ha affermato che le indagini hanno interessato i finanziamenti esteri e l’accettazione delle donazioni della campagna elettorale da parte dei principali poteri parlamentari del Paese, come Ennada, Kalp Tunes e Ich Tunsi. L’annuncio è arrivato Rashid Kanucci, leader di Ennada e leader del Congresso, ha accusato il presidente Syed di “fare un passo contro la costituzione e le istituzioni”..

Massicce manifestazioni in varie parti del paese durante il fine settimana hanno portato Syed e la sua fine Sconto Inoltre, gli alti funzionari dello stato e il presidente del governo Il primo ministro Messi si è opposto con forza alla gestione dell’epidemia del virus corona, che ha portato il Paese a diventare uno dei Paesi con il più alto tasso di mortalità al mondo..

“I decreti presidenziali sono senza dubbio un duro colpo per le istituzioni democratiche tunisine. L’unico modo legale per il presidente è andare in parlamento e chiedere un cambio di governo, ma non lo fa”., è in conversazione con PaginaI12 Omar Anas, Ricercatore presso il Centro di ricerca Al-Mesber. Molti partiti politici e analisti descrivono l’approccio di Syed come un’autocospirazione, Altri lo registrano con diversi poteri di stato all’interno del conflitto del presidente.

Comunque, la crisi l’ha colto di sorpresa La giovane democrazia emersa dopo la rivoluzione che ha rovesciato Jain El Abidin Ben Ali nel gennaio 2011, Di solito è fornito Uno dei pochi successi della Primavera Araba.

Una crisi per tanti motivi

Sebbene la costituzione tunisina non permetta lo scioglimento del parlamento, autorizza la sospensione delle sue funzioni per 30 giorni.. “Il parlamento tunisino consente tali azioni in una situazione straordinaria, ma è determinata da una serie di condizioni che garantiscono il carattere democratico del Paese”, afferma Anas: “In questo caso, Syed ha detto di aver consultato il presidente del parlamento e il primo ministro ai sensi della legge, ma entrambi i leader hanno negato.“.

READ  TUI Axles Maggior parte delle vacanze, incluse Spagna e Italia: elenco completo delle cancellazioni

a Gaston Docelli, Membro del programma di studi sul Medio Oriente presso il Centro di studi avanzati dell’Università di Crdoba in Tunisia, sta senza dubbio affrontando un’autocospirazione. “Syed emana ordinanze con il consenso dei sindacati, delle forze di sicurezza e di una parte della società civile, escluso il parlamento, Molti attori sono in attesa in questo momento, ma meno manifestanti rumorosi. La reazione internazionale sta seguendo lo stesso percorso, tuttavia, spero che se la situazione degenera in repressione, la situazione si volgerà presto contro il Presidente.appunti di Docelli.

La crisi sanitaria si aggiunge alla crisi politica La Tunisia ha battuto i record per le infezioni del governo 19 negli ultimi giorni. Ed economicamente, L’onere del debito pubblico sul PIL è passato dal 45% degli ultimi anni al 100% di oggi. Il Paese sta negoziando un quarto prestito con il Fondo monetario internazionale, soprattutto perché la povertà e la disoccupazione aumentano tra i giovani.

La presidenza di Syed

ragazzi Syed, Un giurista costituzionale che non ha partecipato alla politica prima di essere eletto presidente della Tunisia nel 2019 è salito al potere Opponendosi all’élite politica ed economica. Soprannome “RoboCop” La sua erezione e la sua voce monotona, Syed non ha mai nascosto la sua insoddisfazione per la giurisdizione che la costituzione attribuisce al capo dello stato, Le relazioni estere e la leadership delle forze armate sono le loro uniche capacità.

Docelli definisce il presidente Syed Lo “straniero” dell’establishment politico. “Molti lo vedono come una figura politica forte che può evitare la meschinità dei gruppi di potere nazionali. Ciò che conta è se Syed funge da catalizzatore per il cambiamento tanto necessario o come protagonista del processo di accumulazione del potere pubblico.“, solleva l’esperto.

READ  L'Italia avrà Pablo Granoch fino al 2022

Per la sua parte, “Non è mai stato un politico a tempo pieno”, afferma Syed, aggiungendo che Syed “ha credenziali eccellenti”. Il presidente avverte che il presidente “non ha il carisma personale, un forte sostegno militare o una base popolare in Africa, come fanno alcuni dittatori”, ha aggiunto il professore di relazioni internazionali della Yildirim Biosit University di Ankara, in Turchia. “Il presidente debole è il miglior candidato per gli outsider”.

Dalla primavera araba ai giorni nostri

La Tunisia ha chiamato la sua transizione democratica nel 2011 la “rivoluzione dei gelsomini”. Segnò la fine di due decenni di dittatura di Zine El Abidine Ben Ali. Da allora Seguirono dieci governi democratici provvisori. Le legislature dell’ottobre 2019 hanno portato al parlamento più frammentato della storia, con più di 30 partiti alla Camera dei rappresentanti, un aspetto del quale è l’impossibilità di raggiungere accordi.

Dieci anni dopo la primavera araba, Docelli In termini economici, il Paese continua a soffrire di gravi problemi strutturali: “La disparità nella crescita economica tra le diverse regioni è scontata rispetto a un sud rurale settentrionale costiero, cosmico e sviluppato. Vicini di un Paese in profonda crisi come la Libia, gli sfollati interni vedono la Tunisia come un ponte per raggiungere l’Europa. “

Da parte sua Anas Invio”Politicamente e socialmente, la Tunisia ha fatto passi da gigante e la cultura politica del Paese è diventata più democratica e trasparente». “Coloro che hanno vissuto sotto la dittatura di Ben Ali riconoscono la differenza”. Il ricercatore sostiene che i cambiamenti democratici sono spesso di successo e unanimi: “Ciò ha portato all’emergere di una società civile e di una leadership politica forti, il che dà motivo di credere che qualsiasi tentativo di colpo di stato non avrà successo nel Paese”.

READ  James ha lasciato il Milan, pensano che i colombiani in Italia non abbiano alcuna condizione fisica