Novembre 27, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Vila-real triplicherà lo spazio verde intorno al fiume con il progetto del parco fluviale “Millars 21st Century Connection”

Progetto Real Villa A Progetto di azione paesaggistica e ambientale per rafforzare la riva del fiume Millars Con la realizzazione di un parco fluviale e di un parco urbano dove il comune triplicherà lo spazio verde esistente intorno al fiume. Il Progetto ‘Connessione Millars Vila-real XXI Secolo’ Dove operano l’ufficio del sindaco e le amministrazioni regionali, si sta valutando la tutela di oltre 126.000 mq di verde, suddivisi in un’area fluviale parallela al Millar in contrada Moli Nuo – tra il Ponte Santa Quiteria e la N -340- e un parco urbano nel quartiere Madrigal e Encarnacion Street. L’assessore alla contea, Emilio M. Opiol, ha sottolineato l’importanza del progetto, che rappresenta l’opera ambientale più importante della città nell’ultimo secolo, da quando nel febbraio 1924 nacque l’attuale Termite con la piantumazione di 3.000 alberi.

Attraverso questo intervento urbano, il team del governo cerca di sfruttare al meglio le opportunità offerte da Millars Banks as Uno spazio per l’escursionismo, lo sport, la ricreazione e la comunicazione con la natura. “Questa enclave è il balcone della città che porta al fiume, un angolo sconosciuto a molti Vila-Realenses che nasconde un paesaggio fluviale di grande pregio che va tutelato e promosso anche come sano spazio ricreativo, così come è Termet», dice l’Assessore al Territorio. Infatti, il corso del fiume nell’area di Molí Nou integrerà la sezione del percorso vegetativo che attraversa questo punto verso la foce del fiume Millars.

Il progetto Millars Vila-real XXI Century Connection è concepito come un intervento urbano e ambientale costituito da due componenti: un parco fluviale parallelo al fiume tra il ponte Santa Quiteria e il ponte N-340, e un parco urbano che sarà localizzato in la vicinanza di Millars (parallela a Encarnacion Street) dove il Comune ha recentemente sospeso le licenze per la sua riabilitazione come area verde. Obiol afferma che “il terreno che sarà assegnato per la costruzione del Quarto Istituto situato nell’area di Madrigal, vicino alla scuola Jose Soriano, è classificato nel piano urbanistico generale come area verde”. “Riabilitando questo terreno come dotazione educativa, è necessario spostare in un altro punto questi metri quadrati di verde”, precisa il consulente, il quale aggiunge che “la nostra proposta è quella di realizzare un grande parco urbano in un’area di più di 20.000 metri quadrati sulla circostante Avenida Encarnación, che sarà completata da altri 7.500 metri quadrati di spazio verde accanto al futuro Quarto Istituto”, che sarà situato a pochi metri di distanza. Ne deriverà un parco urbano, composto da più spazi situati nelle vicinanze di Millars, con una superficie totale di 27.961 metri quadrati.

READ  Annunciando a Oaxaca la “Consultazione Bambini e Giovani 2021”, uno spazio per la pratica della partecipazione

Il parco fluviale occuperà un’area di 98.262 mq, divisa in due parti. Il primo di essi, tra il ponte di Santa Quiteria e la diga Almasura-Castellon, ci permetterà di contemplare il piatto d’acqua del fiume, che in questo punto scorre continuamente. Nella seconda, tra la diga e il ponte N-340, la lastra del fiume è instabile, ma sono stati conservati elementi notevoli del patrimonio idraulico della città, come il Molí Nou de Santa Sofía e Els Corrents Weir, risalenti al XVII secolo, ricorda Opiol. L’intervento ambientale e paesaggistico per la realizzazione di un corridoio fluviale è concepito per essere realizzato in due fasi.

In breve, “Millars Vila-real XXI Century Connection” significherà la creazione di un’area verde nel distretto di Millars di 126.224 metri quadrati, in modo che quando il progetto sarà completato, la città triplicherà la superficie esistente. Termet (76.917 mq). Obiol ha osservato che il team del governo intende portare questa proposta urbana al dibattito pubblico e alla partecipazione dei cittadini in modo che “tutti possiamo rendere possibile questo grande progetto che definirà senza dubbio il prima e il dopo nel rapporto tra città e città. Il fiume Millars”.