Settembre 25, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Yolanda Daz cerca il suo spazio, soffocata da Podemos e Sanchez

aggiornato

Il partito “Viola” non sostiene la sua recente protesta e il presidente sta già incontrando il “popolo”

Yolanda Diaz chiacchiera con Maria Teresa Fernandez de la Vega al lavoro.J Barbanco
  • Politica Yolanda Diaz insiste sul confronto con uomini d’affari per promuovere il suo progetto
  • concorrenza Sanchez e Yolanda Diaz si sfideranno per rilanciare la sinistra con due ‘processi di ascolto’ paralleli

La gara è iniziata e nessuno ha voluto iniziare a trottare. Dopo un anno e mezzo finisce il Consiglio Legislativo, ea maggio c’è un primo obiettivo sotto forma di elezioni regionali e comunali. I leader politici fanno del loro meglio nei primi metri e tengono d’occhio i loro concorrenti. Anche Yolanda Diaz, ancora incerta sulla possibilità di correre, sta cercando di posizionarsi bene per stare al passo con il ritmo.

Ma quello che Daz ha scoperto all’inizio della gara è che Pedro Sanchez, da un lato, e Podemos, dall’altro, stavano colmando il gap davanti a lui e che avrebbe dovuto allungare il gomito per proteggere il suo spazio se avesse voleva evitare di essere lasciato indietro.

E in quelli. Il secondo vicepresidente ha visto quanto Sanchez ha spinto a fondo ultimamente. Al dibattito sullo stato della nazione di luglio, ha strappato due bandiere alle sue bandiere dichiarando una tassa sulle banche e una sulle società energetiche. Lì si è anche girato a sinistra nel suo discorso per presentarsi come un presidente alle prese con le forze economiche. Come se non bastasse, lunedì Sanchez ha ripetuto il processo di ascolto portando le persone a La Moncloa per creare un format simile alla sua forma per presentarsi come un leader del dialogo che ha a cuore e si prende cura dei cittadini.

READ  True Colors annuncia su Primer DLC, Wavelengths

contrattacco

Con margini sempre più ristretti, Dazs ha risposto lunedì annunciando il suo desiderio di cercare un accordo importante con le grandi aziende alimentari e di distribuzione per porre fine al prezzo dei prodotti essenziali nel carrello della spesa. Un elenco di 20 o 30 inclusi alimenti quotidiani come uova, latte o pane. Questo limite servirebbe alle famiglie per ottenere un accesso più conveniente a questi prodotti e quindi alleviare lo sforzo che stanno sopportando oggi a causa dell’inflazione.

L’iniziativa, annunciata in un’intervista a eldiario.es, sfugge ai suoi poteri (di azione), ma il secondo vicepresidente ha ritenuto opportuno aprire questa discussione e attirare altri rappresentanti nelle loro posizioni.

Diaz ha trovato applausi entusiastici per IU-Garzn, tra le altre cose, ma ha affrontato la freddezza di Podemos, minimizzando la proposta perché sarebbe stato difficile raggiungere un accordo con le grandi aziende fino a quando non avessero accettato di tagliare i loro profitti nel loro solito catalogo di prodotti di consumo. Pertanto, portavoce di Podemos, Pablo Fernandez, Ha sottolineato che la soluzione più opportuna è imporre una tassa eccezionale a queste società, un approccio adottato dal partito viola, grazie al quale vengono forniti assegni alle famiglie vulnerabili per effettuare gli acquisti.

Sebbene abbia accolto con favore l’approccio di Diaz come ragionevole, Podemos ha evitato due volte di dare un’approvazione esplicita o di presumere che questa proposta fosse la sua. Non ha nulla a che fare con l’accordo totale che IU ha notato. E il PSOE non l’ha comprato, il che è in punta di piedi sul problema. Non disposto a imporre un limite di prezzo.

Price cap è il secondo tentativo di Daz di trovare il suo spazio. Circa 10 giorni fa voleva farlo con il CEO. Il secondo vicepresidente ha sostenuto la mobilitazione dei sindacati contro i datori di lavoro per chiedere salari più alti e ha usato un tono duro per accusarli di non fare il lavoro. L’SWP ha dovuto indossare abiti caldi ma il ministro del Lavoro, sebbene attenuato, si è attaccato saldamente a quella bandiera.

READ  12 iPhone che puoi acquistare negli Stati Uniti nel 2022

Detto questo, Daz, pur accelerando gli affari con Somar, cerca di difendere il proprio distacco, mentre Sanchez sembra meno disposto a dargli tutto quello spazio per superare l’influenza di Figo e stare davanti a PP al traguardo.

come standard

Progetto Fiducia

sapere di più