Febbraio 2, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“A Qatar 2022, l’Argentina è stata una buona rappresentazione di ciò che è il calcio sudamericano. L’ho adorato”.

Questa settimana, Ricardo Gareca ha parlato dei Mondiali del Qatar 2022, sottolineando di aver particolarmente apprezzato il fatto che l’Argentina, campione della competizione, abbia rappresentato bene il calcio sudamericano. L’ex tecnico peruviano ha parlato anche del suo futuro, interrogato sulla possibilità di guidare l’Uruguay e sui suoi sondaggi da Peñarol e Nacional.

Garica ha dichiarato mercoledì a Radio Sport 890 dell’Uruguay che “due squadre forti e pragmatiche che rispettano più o meno una certa linea di calcio” hanno raggiunto la finale del Qatar: “Penso che in questo caso per il Sud America, l’Argentina sia stata una buona rappresentazione di ciò che è il nostro calcio e mi è piaciuta particolarmente perché ogni continente o paese deve rispettare o tornare alla sua essenza”..

“L’Argentina era pratica, forte in difesa e nel pressing, pericolosa in attacco, e la Francia era qualcosa di simile, cercando sempre di ottenere il massimo dal gioco, senza essere un certo grado di irresponsabilità quando si trattava di possesso palla”.confermato.

Ha evidenziato il lavoro dello staff tecnico della squadra Albiceleste guidata da Lionel Scaloni: “L’abilità non ha età. Ad esempio, Julián Alvarez ed Enzo Fernandez hanno fatto la loro prima esperienza di Coppa del Mondo con Lionel Messi e Ángel Di Maria, sono veterani di mille battaglie, eppure vanno tutti d’accordo per formare una squadra, ed è lo stesso con gli allenatori”..

“La giovinezza, come è successo a me o sta succedendo adesso a Scaloni, ha slancio, voglia, desiderio e adrenalina in superficie. Da parte sua, gli anni ti danno più equilibrio. Non credo in una cosa o nell’altra, entrambe può coesistere finché c’è capacità, e Scaloni ha mostrato, per esempio, capacità di guidare».Ha aggiunto.

READ  El Lugo annuncia 22 positivi al virus Covid | Gli sport

Il tecnico ha valutato anche la prestazione della nazionale uruguaiana, eliminata dalla prima fase dopo aver occupato il terzo posto nel girone H, dietro a Portogallo e Corea del Sud.

“Dall’esterno abbiamo visto che poteva continuare a progredire, non abbiamo mai pensato che l’Uruguay potesse essere eliminato nella fase a gironi, avevamo tutti delle aspettative come sudamericani per la sua qualità e per come l’Uruguay stava arrivando. In seguito, al di là di ciò che può da analizzare a fondo, credo sia stato molto condizionato a livello arbitrale, nell’ultima partita non meritava l’eliminazione nella prima fase, è stato ingiusto”.Tigre aperta.

Quando gli è stato chiesto del suo futuro, Gareca ha detto di sentirsi pronto per guidare una squadra e una nazionale: “Quello che mi deve piacere è la sfida che potrebbe arrivare”.

E quando gli è stato chiesto se ci fosse qualche possibilità di un capitano di La Celeste, ha risposto: “Ho sempre rispettato i processi, in questo caso con Diego Alonso. Non so quale decisione potrebbe essere sulla continuità, quindi non posso dare una risposta definitiva Il livello dei giocatori uruguaiani è noto, ma nella storia l’unico allenatore straniero dell’Uruguay è stato Daniel Passarella.

Poi ha indicato se era reale Interesse Benarol e NacionalLe grandi squadre di calcio dell’Uruguay: “C’è stata una coincidenza tra le due squadre che hanno appena finito gli allenatori, e in questa coincidenza ci sarebbero potuti essere approcci, ma non l’ho preso come qualcosa che potevo trasmettere come qualcosa di tangibile”.

“Parlare con il presidente del club è una cosa, fare sondaggi, parlare con il presidente del club è una cosa, e solo così si può ufficializzare. Sono sondaggi, posizioni che non si possono prendere come una cosa del tutto professionale, non c’era niente di concreto, l’altro sono le conversazioni che possono essere affrontate in modo superficiale”, ha concluso l’allenatore argentino che nel giugno del 2022 ha concluso il suo ciclo di successi di oltre sette anni alla guida della nazionale peruviana.

READ  Mi sento molto meglio rispetto al 2016