Ottobre 19, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“A Vitoria ci sono pubblici che possono essere programmati in uno spazio di proporzioni maggiori rispetto a quelli delle sale da concerto”

Un totale di 89 spettacoli sono stati dati in 61 giorni di programmazione e hanno attirato circa 32.000 persone. L’Associazione Kultura Bizia gestisce da maggio l’Iradier Arena, che a gennaio si congederà

Vitoria In attesa della conferma di ulteriori date per l’Iradier Arena da qui a inizio gennaio, l’Associazione Kultura Bizia sta valutando il progetto in sviluppo da maggio all’Iradier Arena, un percorso che Alava Cultural Agents sta realizzando insieme per le istituzioni pubbliche per poter rispondere alla situazione estremamente complessa creata dal virus Corona.

Uno degli obiettivi primari del progetto Iradier Arena era quello di poter programmare in sicurezza e con sufficiente capacità di fronte ai limiti posti dall’esistenza della pandemia. Se molte di queste limitazioni sono già scomparse, perché la programmazione continua fino a gennaio?

-Per diverse ragioni. Prima di tutto, c’erano già diverse cose pianificate, lavorate e programmate prima che questo ultimo cambiamento di stato di salute fosse approvato. Inoltre, ci sono ancora cose che non entrano nelle sale dei banchetti, ad es. Infatti, nell’ultima assemblea tenuta dall’Assemblea, il punto che più si è discusso è stato: Sarà un controprogramma per le tappe cittadine? No. Non avrebbe alcun senso. Gli associati non lanceranno pietre contro i loro tetti. Da qui a gennaio ci saranno solo eventi che non hanno posto nelle sale. Approfittando di quanto preparato, presenteranno anche qui proposte legate al Natale che si facevano altre volte a Mendezurosa.

Sia l’associazione che le istituzioni stanno realizzando un bilancio positivo per quanto fatto finora, ma cosa non ha finito di coagulare o di uscire come previsto?

– Siamo usciti con grande entusiasmo con l’idea di avere più spazi ed è chiaro che non ha funzionato per vari motivi. La piccola fase della coagulazione non è finita. Inoltre, se avessimo avuto più tempo e denaro, il condizionamento acustico sarebbe stato migliore.

E cosa ti ha sorpreso perché ha funzionato meglio di quanto pensassi?

– A questo punto farò due valutazioni, una all’interno della situazione eccezionale in cui ci troviamo, e l’altra come spazio in un contesto naturale. La risposta del pubblico e dei programmatori è stata la migliore che potessimo sperare. Anche i gruppi erano molto contenti. È vero che c’erano alcune band che non potevano tenere un concerto fino a quando non arrivavano a Iradier, e ovviamente erano molto motivate. Lo hanno apprezzato molto ed è stato notato. La valutazione come spazio è che a Gasteiz potrebbe essere necessaria un’infrastruttura culturale di proporzioni superiori a quella di una normale stanza. Non so se sono solo quelli dell’Iradier Arena, ma è più grande di quelli dei corridoi. Ci sono fan e offerte per fare un programma in questa città.

Sembra che la luce cominci ad apparire in fondo al tunnel all’interno dello stato di salute, ma è chiaro che non si torna al punto di partenza nelle stesse condizioni, non si parte da zero, nemmeno per lui. settore culturale. Vitoria ha perso molte persone che lavoravano nell’industria dello spettacolo che non torneranno perché di fronte ai tempi di inattività hanno cercato altre linee d’azione?

-Sì. Anche musicisti e gruppi. Le persone hanno difficoltà a tornare ai campi di allenamento. Molti professionisti hanno cambiato settore perché hanno avuto due anni molto difficili. Potremmo avere un problema a Gasteiz, ad esempio, a livello di ospitalità a causa della mancanza di camerieri e cameriere. E non possiamo perdere di vista il fatto che ci sono giovani ragazzi là fuori che potrebbero prendere in considerazione di farsi strada nel mondo dello spettacolo attraverso FP o completare le unità, eppure sappiamo che hanno ripiegato su questo. Nelle grandi città ci sono problemi con l’assunzione di tecnici. Tutto questo senza dimenticare che eravamo già in un settore precario prima di marzo 2020. Due anni fa eravamo già in pessime condizioni, già si parlava di doversi sedere per chiedere condizioni di lavoro dignitose. Oggi le persone vengono pagate meno e lavorano di più. Tutti i progetti usciti in questi mesi potevano essere fatti perché c’era gente che lavorava di più con meno soldi perché solo così si potevano presentare i conti.

Nel budget fornito dall’Associazione Kultura Bizia, si dice che, finora, circa 32.000 persone hanno partecipato agli incontri preparati. L’idea era di programmare il più possibile, ma ci sono stati momenti, come dopo il termine improprio “No Parties”, che ha avuto una pausa di due settimane.

– Quelli di noi che sono stati qui ogni giorno, non abbiamo visto molti buchi (ride). Ma sono domande logiche, e infatti, da qui a gennaio, saranno programmate ma con un ritmo più tranquillo. C’erano cose che cadevano, settimane che non potevano essere programmate e c’è quel secondo scenario di cui abbiamo parlato prima, che non ha mai finito di coagularsi. Ma tutto va inteso nel suo contesto. Ad esempio, riguardo a quel momento a cui ti riferisci, queste due settimane di agosto in questa città sono un po’ pessime per la programmazione, non importa quanto ci provi. Non possiamo trascurare il fatto che coloro che hanno programmato a Iradier in questi mesi erano promotori privati ​​che sono venuti in circostanze favorevoli ma hanno rischiato i loro soldi.

In questa analisi di questi mesi, ha commentato che, oltre a criticare l’acustica del luogo, arrivano feedback positivi dal pubblico. Con quale logica?

-Prima di tutto, i promotori ei gruppi esterni all’associazione che sono venuti se ne sono andati molto contenti. Lo spazio è molto comodo per lavorare. La sensazione che ho è che il pubblico non si aspettasse di trovare questo posto così accogliente. È vero che c’è ancora chi dice che sembra terribile e che Mendezorosa è uno studio di registrazione. comfort.

Come saranno le proposte d’ora in poi? Il pubblico starà in tutti loro o lo userà ancora in alcuni casi quando è seduto in pista?

-Forse. Dipende dalla performance o dall’evento. Vedremo cosa succederà nei prossimi mesi perché le procedure continueranno sicuramente a cambiare. Solo la maschera dovrebbe rimanere, ma c’è ancora dell’altro che deve differire in termini di scartamenti, prese e binari. Comunque, il pubblico seduto sul balcone è buono per alcune cose.

Credi che ci saranno persone che, almeno all’inizio, si sentiranno a disagio a stare con altri spettatori così vicini?

-succederà. C’è un pubblico che avrà difficoltà a tornare. Dobbiamo uscirne sapendo che c’è ancora bowling da fare stando seduti, e che gli orari che abbiamo giocato non sono stati male in tutti i casi.

A proposito, la programmazione continuerà fino a gennaio, e non per niente, ma a Iradier può essere un forte raffreddore.

-certamente. In questi giorni abbiamo già messo in funzione i riscaldatori che ora sono a posto. Questa è un’altra cosa che deve essere affrontata in una presunta disposizione dello spazio, il condizionamento termico. Ci sono grandi eventi in cui le persone si scaldano molto. L’abbiamo vissuto a Gasteiz Calling. Non abbiamo mai sentito freddo lì (ride).

Arriverà gennaio e il progetto fissato a Iradier sarà completato, ma a volte ha mostrato la sua idea che Kultura Bizia continua ad andare avanti. Pensi che sia possibile?

– Neanche noi ci siamo addentrati, ma è qualcosa di cui si è discusso anche all’ultimo raduno. Ci siamo incontrati, al termine del progetto a Iradier, per analizzare il tutto, scoprire cosa ne pensavamo e vedere se aveva senso che Kultura Bizia rimanesse come associazione. La sensazione è che possa avere una sua logica, soprattutto come piattaforma di dialogo con le istituzioni e la società. È vero che il settore è molto frammentato ma penso che potremmo avere una piattaforma comune che ci aiuterebbe tutti. Può anche aiutarci a vederci e coordinarci meglio in città.

Fino a gennaio e oltre quanto annunciato, ci saranno più conferme per feste e altre date?

-Si si. Prenotazioni Ci sono già parecchie cose, sia festival, concerti ed eventi cittadini. Ad esempio, in appuntito Dicembre ci saranno cose. Quello che si sta studiando per poter programmare sono le attività in questa parte delle proposte che non possono andare a teatro perché non c’è capienza, che arrivava solo a Buesa o ai grandi palchi in contesti come le feste.

Hai già assistito ad un concerto in piedi ma da spettatore?

-non ancora. Stavo lavorando uno dei giorni di Giuseppe Irazuki, per esempio. Non so cosa proverò. Mi piace l’idea che il pubblico si sieda per questo in base alla performance. E come spettatore, non lo so, ma come allenatore, mi darebbe fastidio tornare sul recinto ed essere rinchiuso (ride). Ti dico anche che ci siamo abituati a tutto molto velocemente.

E come direttore di coro, hai mai provato?

– Di solito ne facciamo uno e con le misurazioni dell’anno scorso. Vediamo se questo cambia perché è un po’ complicato.

“È vero che ci sono ancora persone che dicono che Iradier ha un aspetto terribile e che Mendizorroza è uno studio di registrazione. È una bugia”