Maggio 21, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Arcelor ha tagliato i profitti fino a marzo nonostante la guerra in Ucraina dell’80% in più

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 maggio 2022 – 10:44

Bruxelles, 5 maggio (EFE). – I profitti del colosso siderurgico ArcelorMittal sono aumentati dell’80% nel primo trimestre dell’anno rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, nonostante la guerra russa in Ucraina abbia costretto il gruppo a fermarsi. Paralizza le sue operazioni in quel paese per proteggere i suoi dipendenti e le sue strutture.

In particolare, ArcelorMittal ha registrato profitti per 4.125 milioni di dollari (circa 3.891 milioni di euro) nei primi tre mesi dell’anno, rispetto ai profitti di 2.285 milioni di dollari (2.156 milioni di euro) realizzati tra gennaio e marzo 2021.

Questi risultati sono stati supportati da un significativo aumento dei ricavi che sono cresciuti di circa il 35% nel primo trimestre fino a raggiungere $ 21.836 milioni (€ 20.596 milioni) e hanno portato a un profitto operativo totale (Ebitda) di $ 5.080 milioni (4.795 milioni di euro). 56,7% in più.

Para el consejero delegato de la siderúrgica, Adita Mittal, se trata de unos resultados “sólidos” a pesar de reconocer que se vieron “ensombrecidos” por la guerra de Ucrania y un contexto, además, “agravado porsion la escalada de preionist the world” .

Aggiunto il CEO di ArcerlorMittal, gruppo che ha “gradualmente” ripreso la sua attività in Ucraina e che attualmente mantiene in funzione uno dei suoi tre altiforni.

In particolare, la produzione è ripresa l’11 aprile in una fornace che rappresenta circa il 20% della capacità di produzione di minerale di ferro nella città ucraina di Kryvyi Rih, in modo che la produzione di minerale di ferro sia compresa tra il 50% e il 60% della capacità.

READ  Warren Buffett consiglia su cosa investire durante la guerra della Russia contro l'Ucraina

A livello globale, sebbene le condizioni di mercato siano “favorevoli” e le prospettive a lungo termine sottostanti siano “positive”, il produttore di acciaio prevede che il consumo di acciaio si ridurrà “leggermente” quest’anno rispetto al 2021.

Infatti, durante il primo trimestre, ArcelorMittal ha registrato una produzione di minerale di ferro di 12 milioni di tonnellate, quasi il 10% in meno rispetto allo stesso trimestre del 2021, mentre la produzione di acciaio grezzo si è ridotta del 7,4%, raggiungendo 16,3 milioni di tonnellate.

Complessivamente, il debito totale del gruppo alla fine del primo trimestre di quest’anno era di 8.700 milioni di dollari (8.208 milioni di euro) e l’indebitamento netto è sceso del 20% dall’inizio dell’anno a 3.200 milioni di dollari. (3.019 milioni di euro).

Inoltre, l’azienda siderurgica ha segnalato una serie di progetti di “crescita strategica” volti a favorire un “aumento sostenibile” della redditività, come l’aumento della produzione del treno messicano Hot Strip, che sta “avanzando abbastanza” con una capacità di 2,5 milioni di tonnellate per anno.

ArcelorMittal evidenzia anche in questo capitolo un aumento del budget a 3.650 milioni di dollari (3.444 milioni di euro) per progetti strategici fino al 2024, mantenendo invariati gli investimenti previsti per l’anno in corso, che ammonteranno a 4.500 milioni di dollari (4.246 milioni di euro) .

“Abbiamo approvato investimenti selettivi che sosterranno i nostri piani di decarbonizzazione e continueranno a finanziare progetti altamente redditizi in mercati ad alta crescita. Tutto questo senza compromettere la solidità del nostro bilancio o i bonus per gli azionisti”, ha aggiunto Adita Mittal. EFE

asa / jaf / annunci

(Maggiori informazioni sull’Unione Europea sono disponibili su euroefe.euractiv.es)

READ  Silicius debutta su BME Growth dopo EiDF, in aumento del 300% | mercati

EFE 2022. La ridistribuzione e la ridistribuzione di tutto o parte dei contenuti dei Servizi EFE, senza il previo ed espresso consenso di Agencia EFE SA, è espressamente vietata.