Settembre 25, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Assunta Jiménez-Ontiveros e il vocabolario di Chanel

Assunta possiede Jiménez-Ontiveros e Il tesoro più esclusivo di Chanel – In cui è in attività da quasi due decenni – e non è un gioiello, un vestito o un cosmetico, ha qualcosa che nessun fan o acquirente può facilmente raccogliere: vocabolario emotivo.

[Coco Chanel, la diseñadora que revolucionó el mundo de la moda y se convirtió en espía por amor]

Tra l’altro, Glossario di Chanel Richiede che l’azienda sia denominata “casa”: è, di per sé, “Il Pete”; per i loro ambasciatori, cioè per Penelope Cruz, Carlotta Casiraghi o Keira Knightley come “les amies de la maison”; E per quanto riguarda le sue icone, come cameliascritta allo stesso modo ma con un tono diverso, ovvero 2.55, forse “la borsa più speciale del mondo, sempre esaurita”, sapendo di essere stata lanciata “nel secondo mese del 1955”.

quando Direttore delle Relazioni Esterne per Spagna e Portogallo Dice “Chanel”, a cui si riferisce una casae, quando vuole riferirsi alla stilista, una delle donne più influenti del 20° secolo, usa sempre “Gabrielle”, quest’ultima allungata come sua evidente eredità. Non per niente Jimenez-Antiviros si è qualificato Chanel con metafore della natura In vari punti della conversazione: “Gabrielle Chanel stessa è una grande scienziata”, dice, “stiamo parlando di un vasto flusso creativo” e l’ha persino descritta direttamente come “una forza della natura”.

Assunta Jimenez Antivirus nella Maison Chanel.

Il vocabolario logicamente ampliato di Chanel include parole nella loro lingua originale. “Allure”, ad esempio, è un termine di base, usato come una catena che impiglia il metallo con la pelle e significa qualcosa come “seduzione, seduzione, capacità di affascinare”.

L’espressione “savoir faire” equivarrebbe a “saper fare”, e riassume un secolo di artigianato, ad esempio le famose “trapunte a rombi”, sette tasche e serrature a rullo, ma non solo Ricami, plissé e trattamento dei tessuti, senza dimenticare le catene e le cerniere. Oltre alle collezioni più famose, tra cui la “Cruise Collection”, Chanel è l’unico brand che in vent’anni ha creato una collezione eccezionale fuori dal calendario ufficiale denominata “Métiers d’Art”, per dimostrare la “sapere” degli artigiani con chi lavora.

DirCom Manager da una casa cita magasIN in club monteverdeuno spazio che non potrebbe essere più appropriato per i simboli riportati: Enorme spazio in bianco e nero, con alcune opere d’arte e un’illuminazione precisa. Ma non tutto nel mondo del brand è francese: senza andare avanti, la conversazione inizia con un riferimento alla nuova collezione Chanel, completamente nuova e ispirata a qualcosa di molto inglese – indubbiamente un numero recente – che ha Il tweed come asse principale Dal tuo suggerimento, quale Noce di cocco Scopri la Scozia con il Duca di Westminster

Quando è arrivato a una casaJiménez-Ontiveros non avrebbe potuto immaginare che il marchio fosse così rivoluzionario. Né quanti progetti può conoscere e sostenere: finora, questa direttiva deve decidere “di cosa comunico, perché nella stessa settimana ho dieci o più argomenti di interesse, … È molto importante come diamo la priorità alle comunicazionis, come lo trasmettiamo, è la chiave, perché abbiamo in mezzo 20 e 30 campagne all’anno“.

READ  la primera película de Disney inspirada en Colombia ayudó a una niña a superar el bullismo

L’anno scorso, ad esempio, Chanel nº 5. Anniversario celebratouno dei profumi più venduti al mondo, e il suo consiglio di amministrazione spiegano come “abbiamo raggiunto un accordo con l’Orto Botanico di Madrid per finanziare il restauro dello storico Giardino delle Rose, che necessitava di investimenti e cure speciali”.

La rosa è uno dei componenti Un famoso balsamo usato da Marilyn per dormire. Chanel, ad esempio, sponsorizza anche parte del Festival di San Sebastian ed è pioniera come azienda nella realizzazione di progetti di grande impatto artistico come quello realizzato qualche anno fa con Zaha Hadid (il grande architetto iracheno, purtroppo scomparso, che ricevette il primo Pritzker Architecture Prize) sotto Care Karl Lagerfeld, dando vita al primo museo itinerante della storia.

Comunicazione del lusso

Non è necessario chiedere ad Assunta perché vorrebbe lavorare nella posizione che ricopre, perché forse non è necessario chiederlo a nessuno: lei stessa spiega velocemente che Chanel è la stessa. Single, perché non è affiliata a nessuna multinazionalee non esternalizza i reparti di bellezza o gioielleria. Tutta la comunicazione del prodotto si basa su Jiménez-Ontiveros, “in una qualsiasi delle tre divisioni, perché sai già che lavoriamo nel settore della moda, dei profumi, della bellezza, degli orologi e dei gioielli”.

continua con il dizionario una casase i nomi propri aggiornati a settembre 2022: “Virginia” è Virginie Viarddirettore creativo della maison Chanel e Il successore di Karl Lagerfeld. “Oliver” è Olivier PolgeNaso Chanel [también podría ser el director general en España, que se apellida Lechére] e “Patrico” Patrice Legiro, esperto di gioielli.

Questa direttiva ha studiato legge, anche se non ha mai praticato. Ha lavorato per alcuni mesi presso Arthur Andersen come consulente e ha deciso che non era quello che gli piaceva, si è formato in gestione delle vendite e del marketing e ha iniziato a lavorare in ‘quello che ora è Hearst, poi Hachette Filippache’, sono stato lì per 11 anni, è stata una grande scuola, poi sono andato da Condé Nast, un altro scienziato dell’editoria, dove sono stato Direttore della Comunicazione e del Marketing e ho anche lavorato brevemente presso il Gourmet Group fino a quando Cacciatore di teste Ho iniziato in questa posizione. È qui che è iniziata la mia avventura con Chanel.

Un luogo che ha potuto scoprire appena arrivato, “novità, fermento e sorpresa, di cui non sapevo molto” e gli piace soprattutto il motto del suo fondatore, che affermava che “la moda passa, ma lo stile resta”.

READ  "Deja Vu": La canzone con cui Olivia Rodrigo ha realizzato un sogno | Musica

conoscimi L’abilità della famiglia che ha portato l’eredità Per un insegnante di stilistica, si intende al di là delle tendenze temporanee, “espandendole senza compromettere qualità e valori”, tra cui c’è la “creatività”. Spiega come “qui a casa si fa tutto, ecco perché c’è unità di standard, non ti accorgi che respiri lo stesso in tutto di Chanel, da Confezione Per il profumo o per dei ballerini?

Gabriele Chanel

Jiménez-Ontiveros parla del fondatore una casa Come se fosse vissuto Autentica storia d’amore personaleperché era entusiasta di come fosse “una combattente, una donna molto avanzata per i suoi tempi, con una visione. Era orfana, sua madre morì giovanissima, suo padre l’abbandonò e lei iniziò a cucire, poi ha provato a cantare, quindi Coco.

Ricorda la frase “Se non hai ali, non fare nulla per impedirgli di crescere”, e ammira sinceramente le capacità di apprendimento, “di chiunque l’abbia imparato e ne sia stato ispirato. Aveva questa sete di conoscenza quando non avevi ricchezza per accedere, e quel sesto senso deve Concentrarsi su ciò che vuoi essere, su ciò che verrà. Aveva molto a che fare con l’arte in tutte le sue discipline, era un pioniere, era un mecenate e questo è in una casa Continuiamo a svilupparlo ed espanderlo, in collaborazione con cinema, teatro e opera. In questo senso, abbiamo legittimità”.

Continua a dirci come Il famoso designer ha anche battuto tempi difficili. “Certo che a volte gli andava male, ma è tornato. Il suo picco è stato tra il 1934 e il 1935 quando aveva ben 3.000 punti di sutura. Poi ha avuto Divario dopo la seconda guerra mondialeEra in Svizzera e non è tornato fino al 1954, e lo è A 55 anni quando lanciò la famosa valigia 2,55nel febbraio 1955. Si ritiene che in quel momento nuovo look Da Dior Ha riportato la sartoria nella moda e ha saputo cambiarla, e ha continuato a lasciare il segno fino alla sua ultima collezione, prima della sua morte nel 1971″.

Spiega: “Le donne moderne avevano bisogno di aiuto. Ora la borsa sembra un accessorio semplice, ma allora le donne di solito non portavano le borse su un’imbracatura e mettevano una catena scorrevole e tasche all’interno per renderla più utile e gratuita le loro mani.” poi descrivi come Gabrielle Chanel era attratta dall’abbigliamento maschile“Ho pensato che fosse molto comodo, di fronte corsetti Lo usavano le grandi attrici dell’epoca.

Mi sono innamorato della giacca e del pois del Duca di Westminster Giacca, che in realtà usava negli anni ’20 nei suoi negozi di Biarritz e Dauville, quando era una tradizionale magliaia maschile, ma lo applicava all’abbigliamento femminile… e preferisce un look molto sportivo, sai che era molto sportiva. È stata una vera creatrice, prima di tutto, nella moda, nella cosmesi, nella gioielleria, nel suo rapporto con l’arte…”. A tal proposito ha ricordato una nuova mostra su Chanel e l’arte che presto aprirà al Thyssen- Bornemisza e menzionerà il suo rapporto con il cubismo e con lo stesso Picasso.

READ  Amber Heard denuncia la campagna diffamatoria che ha limitato il suo ruolo in "Aquaman"

Carl e il suo successore, Virginia

Assunta Jimenez-Ontiferos parla di Karl Lagerfeld Senza il cognome e per il momento. L’influenza tedesca è stata senza dubbio incisa nel futuro del marchio attraverso i suoi collaboratori, in Anche una lunga ereditàche ha saputo valorizzare il talento di Cocó.

Ora, dopo la sua morte e l’ultimo gruppo di crociere, spiega Jiménez-Ontiveros, “le novità sono state introdotte a Monaco”, continua, “ed è stato molto eccitante perché Carl aveva sempre avuto un rapporto molto speciale con Carolina e su quello giorno Montecarlo Beach Club per lo spettacolo, e da lì si vede la villa dove Carl trascorreva sempre l’estate. Poi c’è stata la cena ed è avvenuto un certo passaggio generazionale, perché non è stata Carolina, ma Carlotta, che ha salutato gli ospiti e ha iniziato parlando e condividendo i suoi ricordi di quando è andata a vedere come è stata filmata sua madre, e la continuità è fantastica È incredibile che il rapporto tra Virginie e lei continui”, conclude Jiménez-Antiviros, spiegando che nuovo spirito una casa È meno mediaticoma loro I gruppi hanno più successo Più simbolico che mai.

Per lei, una donna che è attratta dal brand ma non ce l’ha ancora fatta, può iniziare imparando di più sulla storia di Chanel, per sapere dove investire, parlo sempre dell’investimento, anche se è un pezzo di labbra o un profumo, perché si tratta di comprendere i valori che accedono all’universo.

Gabrielle Chanel disse: “Disegna le labbra e attacca”., più o meno, in francese, perché qualcosa di semplice come un rossetto o un profumo può darti la forza di osare qualcosa, giusto? Puoi comprare una ballerina bicolore, una classica, una sciarpa, una camelia e qualsiasi accessorio perché sono bellissime, e c’è un elemento molto ambizioso in ognuna di esse. In gioielleria abbiamo pezzi con prezzi di entrata molto buoni e seguiamo tutti i codici una casa”.

“Inoltre, Chanel è uno stile universale che è sempre fatto in esso La donna sopra il vestitoti dà la libertà di essere quello che sei, di essere quello che sei, ecco perché abbiamo clienti molto diversi da quelli che indossano aspetto completo Da casa per chi sceglie solo un paio di scarpe o una borsa. Clienti che acquistano ogni anno in collezioni e donne che risparmiano nel tempo per acquistare un 2,55 e poi coccolarlo, prendersene cura, goderlo e valutarlo”.