Ottobre 19, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Bolsonaro guiderà il dibattito brasiliano sui diritti degli indigeni alle Nazioni Unite

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 settembre 2021 – 01:14

Rio de Janeiro, 16 settembre (EFE). – Il presidente Jair Bolsonaro ha detto giovedì che avviserà martedì prossimo, all’Assemblea generale delle Nazioni Unite, dei pericoli del cibo che il mondo potrebbe subire se si tratta di un diritto ancestrale rivendicato dai popoli indigeni. Le loro terre sono in Brasile.

Nella sua trasmissione settimanale giovedì sui social network, Bolsonaro ha avvertito che se le terre ancestrali dei gruppi etnici brasiliani fossero riconosciute, le riserve indigene coprirebbero il 26% del territorio nazionale, l’equivalente di Francia e Germania messe insieme.

Secondo Bolsonaro, ciò influenzerà direttamente la produzione agricola del Paese e metterà in pericolo la sicurezza alimentare del Brasile e del mondo, perché il colosso sudamericano è uno dei principali produttori di cibo del pianeta.

Questa è la seconda volta che il leader di estrema destra affronta la questione questa settimana. Martedì il presidente brasiliano si era già pronunciato più o meno come oggi, con l’obiettivo di fare pressione sulla decisione della Corte Suprema, che sta conducendo un processo sulla questione.

Il processo, che ha già un voto favorevole e uno contrario, è stato sospeso mercoledì, dopo che uno degli 11 membri della Corte suprema, il giudice Alexandre de Moraes, ha chiesto tempo per analizzare il caso.

Il processo ruota attorno al cosiddetto “quadro provvisorio”, che riconosce solo le terre indigene occupate dalle popolazioni indigene a partire dal 5 ottobre 1988, quando fu promulgata l’attuale costituzione brasiliana.

Al contrario, i popoli indigeni affermano che questa tesi pone fine ai loro “diritti ancestrali” e sostiene anche la legalizzazione dei territori occupati prima di quella data da potenti proprietari terrieri che hanno espulso con la forza le loro popolazioni indigene per decenni.

READ  Jair Bolsonaro alle Nazioni Unite: il ministro della Salute brasiliano ha contratto il virus

Secondo Bolsonaro, ci sono “persone là fuori” che spingono per i diritti ancestrali delle popolazioni indigene e, se ciò accade, “la produzione diminuirà e ci sarà una pressione globale per il cibo”.

“Su cinque piatti di cibo consumati nel mondo, uno viene dal Brasile”, ha ribadito giovedì nel suo discorso.

Bolsonaro ha indicato che l’epidemia e la crisi energetica che il Brasile sta vivendo saranno altri problemi che affronterà alle Nazioni Unite la prossima settimana.

“Manterrò il discorso di apertura calmo e obiettivo, e mostreremo obiettivamente cosa è il Brasile e cosa stiamo facendo”, ha detto.

La 76a sessione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite si svolgerà dal 21 al 27 settembre a New York. EFE

mat / ics

© EFE 2021. È espressamente vietata la ridistribuzione e la ridistribuzione di tutto o parte dei contenuti dei Servizi Efe, senza il previo ed espresso consenso di EFE SA.