Aprile 24, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Centro storico a rischio turismo di massa

Centro storico a rischio turismo di massa

Nell'ultimo mese, le richieste di misure urgenti per proteggere il centro storico di Firenze si sono intensificate poiché il turismo di massa lo mette a rischio.

Tommaso Pestelli, orafo fiorentino, è rimasto senza laboratorio per far posto a un albergo di lusso, l'undicesima vittima del turismo di massa nella città toscana che, secondo molti attivisti, rischia di perdere la propria anima.

Nell'ultimo mese, le richieste di misure urgenti per proteggere il centro storico si sono intensificate, soprattutto dopo le sorprendenti dichiarazioni del direttore della famosa Galleria dell'Accademia, sede del David di Michelangelo, in cui stimava che Firenze sarebbe diventata “una puttana”.

Sono stati circa 1,5 milioni i turisti che hanno visitato questo gioiello dell'arte e dell'architettura italiana nell'estate 2023, il 6,6% in più rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

Nel suo centro, dichiarato Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO, molti negozi ed edifici residenziali vengono convertiti in fast food e appartamenti in affitto turistico.

“Siamo aperti dal 1908. Se ci portano via noi e tanta gente come noi, portano via parte dell'anima della città”, dice Pestelli, figlio, nipote e pronipote di Orafi.


Leggi anche: 6,5 milioni di rifugiati dalla guerra in Ucraina: UNHCR
Foto dell'AFP

L'artigiano 55enne è riuscito ad aprire un altro piccolo laboratorio vicino alla sede originaria, ma altri colleghi non sono stati così fortunati.

A Firenze il costo medio degli affitti residenziali è aumentato del 42% tra il 2016 e il 2023. Parallelamente, secondo i dati ufficiali, il numero degli appartamenti pubblicati sul sito Airbnb è passato da 6.000 a quasi 15.000.

Anche a febbraio, la bassa stagione del turismo in Europa, i visitatori affollano la cattedrale e si accalcano davanti al David di Michelangelo.

READ  L'Italia rende più flessibile l'ingresso dell'Argentina | Cosa dovrebbero pagare i visitatori

“Firenze sta diventando una scatola vuota”, avverte Pestelli, mentre i cittadini evacuano e i negozi tradizionali scompaiono.

Per Elena Bellini, commerciante di 47 anni che vende opere di artisti locali, la fuga dei vicini non solo sta lentamente uccidendo il quartiere, ma sta causando anche un aumento della criminalità, soprattutto delle rapine.

“Firenze sta morendo”, recita un cartello nella vetrina di una gioielleria.

Foto dell'AFP

Veto per le residenze turistiche

Il capoluogo toscano non è solo in questo tipo di situazione.

Venezia e altre destinazioni popolari come le zone costiere delle Cinque Terre nell’Italia nordoccidentale hanno sofferto di affitti astronomici e di un’invasione di attrazioni turistiche e negozi di souvenir.

La Città dei Canali sta sperimentando un sistema di biglietteria che permette ai visitatori che vogliono trascorrere una giornata in città di pagare l'ingresso in alta stagione.

Nel caso di Firenze, il consiglio comunale ha lanciato una campagna per attirare turisti dal centro saturo.

Mentre le persone cercano sempre più “itinerari esperienziali”, il Comune sta cercando di promuovere altri punti di interesse storico e artistico legati alla natura o alla gastronomia, spiega all'AFP il vicesindaco Alessia Bettini.

Nel gennaio dello scorso anno il numero dei visitatori delle città, dei castelli e dei monasteri circostanti è aumentato del 4,5% e nel gennaio dello scorso anno il numero degli escursionisti sulla Via di Dio tra Bologna e Firenze attraverso l'Appennino è aumentato del 22%.

Il governo locale vuole anche creare più alloggi per la gente del posto e prevenire l'aumento dei prezzi degli affitti, vietando nuovi appartamenti in affitto turistico a breve termine nel centro storico.

READ  Contro / Miglior gol annullato da "Toni" Sanabria in Italia

La misura, adottata in ottobre, concede agevolazioni fiscali ai proprietari che tornano ai normali modelli di affitto.

Foto dell'AFP

“Il mondo che scompare”

Nonostante queste misure, una dozzina di artigiani stanno per essere sfrattati dai loro laboratori situati in un edificio vicino al Ponte Vecchio per un progetto di sviluppo turistico.

“La tradizione orafa fiorentina è in rapido declino”, lamenta Tommaso Pestelli.

Gabriel Mazzelli, presidente della Società delle Imprese Storiche di Firenze, ha dipinto a mano alcuni blocchi di cornici dorate del suo laboratorio. Gli scaffali dietro di lui sono pieni di bottiglie e polveri dai colori vivaci.

Un grande crocifisso appeso al muro domina il laboratorio, dove un altro riparatore sta cercando di lucidare un dipinto danneggiato.

“A Firenze si viene per i prodotti di qualità – dice Maselli, 58 anni – Se un'azienda è costretta a chiudere tutta la filiera produttiva ne risente – avverte. È un mondo che si chiude e scompare per sempre”.